10 cose da credere per motivarti al successo

 

di Giorgio Nadali

motivazione

Cosa succede nella mente di persone di grande successo? Se vuoi rimanere concentrato e persistente di fronte alle sfide, prova ad adottare alcune di queste mentalità positive e utili. Il successo arriva in molte forme diverse, e tutti noi abbiamo le nostre idee su cosa voglia dire ottenere dei risultati. Gli studi dimostrano, tuttavia, che tutti i vincenti hanno una visione simile della vita. Se hai difficoltà ad essere motivato, prova questi modi di pensare.

“Non impari a camminare seguendo le regole. Impari facendo e cadendo”. (Richard Branson)

 

1) Il successo conta più del potere. Le persone possono assumere posizioni manageriali se il loro obiettivo principale è l’autorità, ma le persone che ritagliano il proprio posto nel mondo tendono ad essere quelle che si sentono meglio con se stesse quando raggiungono qualcosa di importante. Il potere può essere necessario per raggiungere i tuoi obiettivi e realizzare qualcosa, ma è solo un mezzo, non un fine in sé. L’obiettivo è di sentire che hai fatto qualcosa che è significativo secondo i tuoi valori.

 

2) È una mia responsabilità. Le persone di successo tendono ad avere un ottimo autocontrollo e credono che i loro sforzi siano ciò che farà la differenza. L’obiettivo è quello di fare ciò che deve essere fatto e non aspettare che gli altri ti incoraggino o ti diano una direzione. Assumersi la responsabilità significa anche sapere quando chiedere aiuto.

 

3) È un’opportunità, non una minaccia. Quando arriva una sfida, i top performer sono più entusiasti della possibilità che offre di preoccuparsi di ciò che potrebbe accadere se dovesse andare storto. Sanno che niente che valga la pena di avere è facile, quindi la difficoltà è solo un segno che il progetto è utile.

 

4) Questo mi piacerà. La perseveranza porta le sue soddisfazioni. Rimanere concentrati a lungo termine può essere affrontato come un gioco, con ogni giorno in cui ti attieni ai tuoi obiettivi sentendoti come una vittoria. Se riesci a sentirti scherzoso riguardo ai tuoi sforzi, rischia di essere meno stressato: il senso di minaccia diminuisce e il divertimento aumenta.

 

5) Il talento non vale la pena preoccuparsi

L’abilità con cui sei nato può stabilire la base per un potenziale successo ma, senza pratica, il talento naturale non si svilupperà, proprio come un muscolo che non viene usato. Sebbene ci sia davvero poco da fare sugli attributi con cui siamo nati, c’è un granché che possiamo scegliere di fare con questi attributi Anche le persone di talento devono lavorare per continuare a sviluppare le loro abilità, quindi è più produttivo concentrarsi su ciò che si intende fare e imparare piuttosto che preoccuparsi se sei naturalmente “bravo” a farlo.

 

6) Il duro lavoro è impressionante. Le persone che eccellono in quello che fanno vedono il lavoro duro come ammirevole e le persone dedicate come interessanti. Si sentono bene con se stessi per vivere i loro valori e sono disposti a lavorare duramente nel tempo.

 

7) Il fallimento non significa molto. Se qualcosa non funziona le prime volte, le persone di successo tendono a spazzolarle come un processo di apprendimento e andare avanti. Ci vogliono molte più battute d’arresto prima che inizino a considerare qualcosa di impossibile.

 

8) Non bruciare ponti. Potresti non piacere a qualcuno, ma potresti ancora dover lavorare con loro in futuro. Anche se non lo fai, avere avversari non fa bene alla tua reputazione. È molto più facile e meno stressante rimanere almeno ragionevolmente civile ed essere conosciuto come qualcuno con cui è facile collaborare. Non sai mai chi potrebbe arrivare a conoscere il tuo comportamento, quindi è sempre utile essere professionale.

 

9) Non rimanere bloccati. Fare sempre le stesse cose non ci migliora. Ciò che funziona è la “pratica deliberata” – cioè, praticando costantemente a un livello leggermente più alto della nostra zona di comfort.

 

10) Qual è il mio prossimo passo? Ci sviluppiamo continuamente man mano che procediamo, quindi è probabile che i tuoi obiettivi cambino man mano che progredisci. I migliori raggiungono un feedback regolare nei loro programmi e identificano cosa fare in base alle nuove informazioni. Valuta e aggiorna i tuoi obiettivi man mano che continui ad apprendere.

 

PIÙ PRODUTTIVA. La società di consulenza globale Hay Group ha riscontrato che le aziende con dipendenti motivati erano il 43% più produttive rispetto ai luoghi di lavoro con personale immotivato.

LAVORATI IMPEGNATI Un sondaggio Gallup del 2014 ha rilevato che, mentre meno di un terzo dei dipendenti americani erano motivati e assorbiti dal loro lavoro, i livelli di impegno erano al massimo dal 2000 – quando solo il 26% era impegnato. Fai in modo che i tuoi affari si identifichino e cerchino tali persone – la loro motivazione si nutre della tua.

17,5% Non impegnato: attivamente infelice e scontento

31,5% Impegnato. Motivatoi e appassionato del lavoro

51% Non impegnato: Fa il suo lavoro senza entusiasmo o sforzi extra


Le 10 vedove più allegre del mondo

Mature Woman Having Glass of Champagne

Sei alla ricerca del vero amore? Prova con una vedova affettuosa con patrimonio superiore ai 5 miliardi di dollari

di Giorgio Nadali

 

La solitudine è brutta anche per una povera vedova multi miliardaria. Se vuoi offrire il tuo amore a queste donne sole tra le 167 miliardarie mondiali, ecco la classifica che fa per te. Poi dovrai anche pensare a cambiare stile di vita.

 

Christy Walton (USA). 68 anni.  Segno zodiacale acquario. È la vedova di John Walton, uno dei figli di Sam Walton, il fondatore di Walmart. Dopo la morte di John nel 2005, ha ereditato la sua ricchezza che ha guadagnato non solo dalle loro grandi azioni in Walmart, ma anche dal Primo Solare in cui John ha investito. Patrimonio netto: $ 36,7 miliardi. È affettuosa, generosa e amante della casa. Nel “Giving Index”, è classificata come la più alta filantropo femminile in base alla quantità che dà come percentuale della sua ricchezza. Con un valore netto stimato di 16,3 miliardi di dollari, ha contribuito con un totale di 3,5 miliardi di dollari cumulativamente tra il 2002 e il 2006. Abita a Teton Village, Wyoming.

 

Massimiliana Landini Aleotti (Italia). 75 anni. Nel 20125, insieme ai tre figli, ha ereditato dal marito, Alberto Aleotti, il gruppo farmaceutico Menarini, che impiega più di 16.000 addetti in 14 siti di produzione nel mondo. Patrimonio 10,1 miliardi di dollari.

 

Gina Rinehart (Australia). 63 anni. Segno zodiacale acquario. Buona, affettuosa. Presidente di Hancock Prospecting Group e anche ereditiera mineraria. È la figlia di Lang Hancock e moglie di Frank Rinehart. Dopo la morte del padre, ha rilevato tutti i beni e anche il maggiore azionista di Fairfax Media. Patrimonio netto: 17,7 miliardi di dollari. Pesava 100 kg, ma ora ha perso peso.

 

Laurene Powell Jobs (USA). Segno zodiacale Scorpione. 54 anni.  È la vedova di Steve Jobs, co-fondatrice ed ex CEO di Apple Inc. Brava e intelligente. Capelli lunghi biondi. Occhi chiari. Nata nel New Jersey. Non parla italiano. Molto appassionata di business. Dopo la morte di Steve Jobs ha ottenuto il controllo su Steven P. Jobs Trust, che detiene tra 130 e 140 milioni di azioni come il maggiore azionista di The Walt Disney Company. A partire dal 2014, è la quarta più ricca vedova del mondo. Patrimonio netto: 14 miliardi di dollari. Si è da poco fidanzata con l’ex sindaco di Washington, Adrian Fenty (42 anni), ma c’è ancora speranza.

 

Maria Franca Fissolo (Italia). 77 anni. Piemontese. Vedova di Michele Ferrero. Vive a Monte Carlo e ama i pellegrinaggi al Lourdes. Ha dichiarato: “Il nostro successo è tutto merito della Madonna”. Ex impiegata, segretaria e traduttrice del patron dell’impero dolciario Ferrero, ne ha sposato il  fondatore. Molto religiosa, dice: “La fede non toglie nulla a una persona, anzi l’arricchisce”. Le crediamo. Il suo patrimonio è stimato in 30,9 miliardi di dollari al 2017 che fa di lei la seconda donna più ricca al mondo, dopo Alice Walton.

 

Elaine Tettemer Marshall (USA). 75 anni. Segno zodiacale Leone. Quarta donna più ricca d’America. Elaine Marshall è la moglie di E. Pierce Marshall e la nuora del defunto J. Howard Marshall. La sua ricchezza deriva dalla Koch Industries, dopo la morte di suo marito. È ora che è diventata uno dei nove membri del consiglio di Koch Industries. Patrimonio: 8,8 miliardi di dollari.

 

Margarita Louis Dreyfus (Svizzera). 55 anni. Segno zodiacale Leone. Cresciuta in un orfanatrofio della ex Leningrado,  Russia come Margarita Bogdanova. Capelli biondi e occhi azzurri. Vive a Zollikon, Svizzera. Ama volare. Sul volo Londra Zurigo ha conosciuto nel 1988 l’uomo di affari francese Robert Louis Dreyfus, che ha poi sposato nel 1992. Molto laboriosa e diligente, oggi amministra il Louis Dreyfus Group Commodities BV e possiede la squadra di calcio Olympique de Marseille. È vedova dal 2009. Patrimonio: 9,5 miliardi di dollari. Il banchiere Philippe Hildebrand ha già iniziato una relazione con lei.

 

Gayle Cook  (USA). 83 anni. Segno zodiacale Pesci. È la proprietaria di Cook Group, una compagnia di dispositivi medici che ha cofondato con il marito William Cook nel 1963. Dopo la morte del marito, ha preso il suo posto e ha ereditato la sua partecipazione nel 2011. Sta raggiungendo l’ottavo posto nelle donne più ricche del mondo con un patrimonio di 5,8 miliardi di dollari.

 

Iris Fontbona (Cile). 75 anni. Iris è una donna d’affari cilena, vedova di Andrónico Luksic Abaroa, dal quale ha ereditato l’azienda mineraria del rame Antofagasta PLC. È la persona più ricca in Cile, una delle cinque più ricche dell’America Latina, e la 101a persona più ricca del mondo. Vedova dal 2005, il suo patrimonio ammonta a 12,9 miliardi di dollari. Sfatando ancora una volta il mito degli invidiosi del ricco uguale egoista, Iris nel 2015 ha donato un record di 3,1 miliardi all’annuale Telethon cileno, che cerca di aiutare i bambini con disabilità fisiche. Nel 2016, ha donato un’altra grande somma, di 4,4 miliardi di dollari, che ha contribuito a stabilire un record per l’evento benefico in termini di fondi raccolti.

 

Loretta Anne Rogers (Canada). 78 anni. Patrimonio 5,5 miliardi di dollari. Figlia del barone Roland Robinson. Vedova del fondatore della Rogers Communication. È rimasta vedova nel 2008, dopo 45 anni di matrimonio. Con il suo defunto marito, Ted Rogers, ha fondato la cattedra Loretta A. Rogers in Disordini dell’alimentazione presso il Toronto General & Western Hospital, parte della University Health Network, dove è stata membro del consiglio di fondazione dal 2005 e dove, nel 2009, Ted Rogers e Family Chair in Heart Function sono stati istituiti, ulteriormente integrati dal Ted Rogers Center of Excellence in Heart Function nel 2012.

 

 

 


Effetto clessidra

C’era una volta la classe media. Il futuro è: ricchi o poveri. È l’economia clessidra.

di Giorgio Nadali

graphic_1280-20140128102935826

La scomparsa della classe media porterà entro il 2020 all’esistenza di due sole classi sociali: i ricchi e i poveri. Aumento esponenziale di vendite dei beni di lusso da una parte e di prodotti da discount, dall’altra. Non ci sono più le “mezze stagioni” sociali.  Insomma, il monito evangelico “a chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha” si sta realizzando rapidamente. Il numero dei milionari nel mondo aumenterà vertiginosamente del 46%, secondo il “Global Wealth Reportdel Credit Suisse Research Institute. La classe media va incontro un costante restringimento. Questo forse perché – come scriveva Napoleon Hill – “sia la povertà che la ricchezza sono il risultato del pensiero”. Sono atteggiamenti mentali., prima che situazioni economiche.

Si prevede che il segmento dei milionari aumenterà del 22%, passando da 36 milioni di oggi a 44 milioni in cinque anni. La più bassa crescita della ricchezza mondiale che ci aspettiamo nei prossimi cinque anni dovrebbe risultare in un rallentamento della crescita del numero globale di milionari e di persone ultra high net worth (UHNWI). Ma ci sono differenze tra regioni. Mentre i numeri milionari nelle economie emergenti sono ancora molto al di sotto dei livelli negli Stati Uniti o in Europa, dovrebbero aumentare considerevolmente entro il 2022.

La Cina potrebbe vedere il suo numero aumentare del 41% a 2,7 milioni per raggiungere la terza posizione nel classifica mondiale dei milionari dietro gli Stati Uniti e il Giappone, ma davanti alla Germania e al Regno Unito. L’India potrebbe raggiungere 370.000 milionari nel 2022, con un incremento di oltre il 50% nei prossimi cinque anni. Inoltre, si prevedono sostanziali aumenti in America Latina, spinti dal miglioramento delle performance di Argentina (127%) e Brasile (81%). Inoltre, si prevede che il numero di milionari nelle economie in transizione aumenterà considerevolmente nei prossimi cinque anni, raggiungendo 196.000 in Russia, 74.000 in Polonia e 44.000 nella Repubblica ceca.

Tra le economie sviluppate, gli Stati Uniti e il Giappone dovrebbero vedere i loro milionari salire di oltre un milione, e anche il Canada e l’Australia registreranno importanti aumenti nel loro numero di milionari. D’altra parte, vista la prevedibile scarsa performance del Regno Unito dopo Brexit, si stima un leggero calo del numero di milionari. Entro il 2022, il numero di UHNWI, quelli con una ricchezza superiore a 50 milioni di dollari, aumenterà probabilmente di 45.000 per raggiungere 193.000 individui, più della metà dei quali risiederà in Nord America. I paesi della regione Asia-Pacifico, che inducono la Cina e India, ospitano più di 37.000 UHNWI, contro i quasi 32.000 che vivono in Europa.

Questa differenza a favore dell’Asia-Pacifico è ulteriormente aumentata e, entro il 2022, si prevede che la regione accumulerà altri 14.400 UHNWI per raggiungere un totale di quasi 52.000, il 49% dei quali sarà dalla Cina. Mentre l’America latina ospita l’8,5% degli adulti di tutto il mondo, solo il 2% degli UHNWI globali risiedono in Sud America. Nonostante le buone prestazioni previste per Brasile e Argentina, ci si aspetta che questo trend continui, poiché la regione probabilmente aggiungerà solo 1.600 UHNWI nei prossimi cinque anni. Assumendo alcun cambiamento nella disuguaglianza della ricchezza globale, si prevede che l’economia globale aggiungerà altri 719 milionari nei prossimi cinque anni, il che significa che il loro numero salirà a quasi 3.000. Di questi, 233 saranno dal Nord America e 205 dalla Cina. Degli altri 235 miliardari attesi dall’Europa, 33.810 probabilmente proverranno dalla Russia.


Hight Net Worth Individuals. Paperoni in crescita

wealthy-and-rich

“Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare” (Ben Herbster).

227.800. È il numero degli HNWI italiani – le persone che dispongono di almeno un milione di euro di patrimonio globale netto personale, immobile di residenza escluso. Il 4,5% in più dello scorso anno! High Net Worth Individuals. Il mondo finanziario distingue in Sub-HNWI, con almeno 100.000 euro, una meta facile. Very-HNWI, con almeno 5 milioni di euro. Ultra-HNWI, sopra i 30 milioni: l’1% di tutti i 12 milioni di HNWI del mondo, cioè 120.000. Tra loro c’è anche la punta dei 2043 miliardari mondiali, (33 in Italia), con i nuovi 195 miliardari del 2017.  Dalla più giovane – Alexandra Andresen, 21 anni – al più anziano – Chang Yun Chun, 99 anni, dopo che David Rockefeller Sr. è passato qualche mese fa a miglior vita, se così si può dire…

Sono coloro che prima ancora della ricchezza legata al capitale, hanno adottato una mentalità vincente. Una mentalità ricca. Cosa che inevitabilmente entra in rotta di collisione con la mentalità del “povero” (non in senso stretto, si intende), molto abile a lamentarsi, invidiare e sperperare quel poco che ha, appena lo guadagna. Un destino segnato. Se invidi le persone di successo – scrive Brian Tracy – crei un campo di attrazione di forze negative che ti respinge dal fare le cose che ti servono per avere successo. Se ammiri le persone di successo, crei un campo di attrazione di forze positive che ti attira a diventare sempre più il tipo di persona che vorresti essere. L’invidia è devastante! È la cosa peggiore che esista per avere successo, insieme alla paura di cambiare.

Ecco dunque le due mentalità che avvicinano o allontanano dalla ricchezza. Il denaro ha  molti valori spirituali. Primo fra tutti è la libertà. Libertà di azione. Col denaro posso fare molte cose, aiutare molte persone, dare lavoro a chi non l’ha, frequentare corsi costosi, aprire una fondazione filantropica, viaggiare e conoscere popoli, proporre e fare conoscere su vasta scala le mie brillanti idee, fare beneficienza, lavorare per passione e non per bisogno. Infatti tutti i ricchi lavorano molto per il mantenere il loro business e per la responsabilità del lavoro di chi dipende da loro. La frase “se vinco alla lotteria mollo tutto e non lavoro più” è tipicamente da povero. E anche stupido.

D’altra parte “sia la povertà che la ricchezza sono il risultato del pensiero” – come diceva Napoleon Hill. Vediamo come.

Ci sono due strade. La prima è quella delle persone comuni. Non sono forse propriamente “povere”, ma la loro strada le porta verso la dipendenza dal denaro. Se lavori tanto per guadagnare molto in modo da sostenere tutte le tue spese, puoi essere ricco, ma non sei finanziariamente libero. La libertà finanziaria è il denaro che lavora per te con entrate passive “automatiche” che non dipendono dal tuo tempo. In questo caso sei libero finanziariamente, anche se non sei propriamente ricco. La libertà finanziaria è un passo avanti rispetto alla ricchezza!

La prima strada

È quella di coloro che lavorano per produrre denaro. Niente di male. Ma il denaro non li renderà liberi. Appena possono spendono e quel poco che rimane magari lo investono (in modo generalmente sbagliato). Mutui da pagare, rate da onorare, acquisti superiori alle entrate. Lavora una vita intera e poi aspetta la pensione. Se hai intrapreso questo percorso torna subito indietro. Sempre che tu voglia essere finanziariamente libero. Perché, sai, il trucco c’è! È il denaro che deve lavorare per te. Non il contrario.

Come? Per prima cosa ti consiglio di non pensare a come risparmiare. Una contraddizione? No. Pensiero positivo. Pensa piuttosto a come guadagnare di più. Non lavorando di più, ma con più valore! Sei sicuro di essere pagato per quello che veramente vali?

La seconda strada.

Non chiederti cosa può fare il tuo conto in banca per te, ma cosa puoi  fare tu per il tuo conto in banca! Per guadagnare di più devi prendere in esame la possibilità di cambiare lavoro. Lo so, non è facile. Devi superare la paura di non farcela e la mentalità perdente dei “soldi, pochi maledetti e subito”. Devi abbandonare la tua “zona di comfort” e navigare verso orizzonti più ampi e sconosciuti. Insomma, mettiti in proprio. Certo, non è essenziale per essere libero finanziariamente. Quello che però è fondamentale è aumentare il tuo valore di mercato. Perché, sai, il mercato è un po’ egoista. Lui ti paga molto solo se tu vali molto. Valere molto – per il mercato – non vuol dire solo essere una brava persona preparata Non basta. Vuol dire fare guadagnare molto la tua azienda o i tuoi clienti. Vuol dire produrre un servizio o un prodotto che molti vogliono. Anzi, che percepiscono come importante. Non devi abbassare il prezzo. Devi farlo percepire come essenziale per quello che offri. Ci vuole intelligenza. Devi farti conoscere e percepire come prezioso. Ci vogliono le giuste strategie. Un coach come me sarebbe felice di insegnartele. A pagamento, si intende! J

La ricchezza è direttamente proporzionale all’intelligenza. La povertà è inversamente proporzionale all’intelligenza. Scandaloso?

Adotta la mentalità dell’imprenditore

È necessario cambiare. Dall’essere un consumatore a essere un produttore. Ecco alcuni esempi: i consumatori consumano pizza, i produttori fanno la pizza; i consumatori guardano film, i produttori fanno film; i consumatori cercano posti di lavoro, i produttori offrono posti di lavoro. Ogni milionario è un produttore . Solo i produttori sono ricchi. L’obiettivo principale di un produttore non è quello di mangiare, ma di nutrire le persone. Quando adotterai una mentalità da produttore, sarai anche ricco.

Conosci il tuo valore quotidiano

Se stai guadagnando 100€ al giorno, dovresti cercare di raddoppiare. Cosa stai facendo per migliorare il tuo guadagno giornaliero? Accontentarti? Sbagliato. Se stai effettuando 10 chiamate di vendita al giorno, raddoppia il tuo numero di chiamate a 20. Naturalmente, sarebbe meglio mantenere o aumentare la tua qualità di lavoro mentre persegui questi sforzi.

Sacrifica e abbandona la paura

La grande maggioranza delle persone ha paura di fare sacrifici perché pensano di perdere qualcosa. La madre single non comprerà un libro da 20€ o un corso da 2000€ che la aiuterà a guadagnare di più. La stessa madre che ha paura del costo, comunque comprerà un videogioco per suo figlio per renderlo felice. Devi essere disposto a pagare il prezzo del sacrificio e investire su di te. Devi essere in grado di gestire il peggio se vuoi aspettarvi il meglio. Ci saranno molte volte in cui devi ritardare la gratificazione per concentrarti su un obiettivo più grande.

Eccoti 20 ostacoli al successo dai quali devi fuggire a gambe levate! Ne parlo in dettaglio nel mio corso di “Comunicazione & Successo”:

1)     La paura di correre rischi
2)     Mancanza di costanza
3)     Volere risultati immediati
4)     Dare poco spazio a se stessi
5)     Cercare scorciatoie
6)     Avidità
7)     Mancanza di convinzione
8)     Resistenza al cambiamento
9)     Rifiuto di organizzarsi
10)Razionalizzare
11)Non imparare dagli errori passati
12)Incapacità di riconoscere le opportunità
13)Paura
14)Incapacità di usare il talento
15)Mancanza di disciplina
16)Scarsa autostima
17)Mancanza di volere scoprire cose nuove
18)Atteggiamento fatalista
19)Mancanza di propositi
20)Mancanza di coraggio

 

www.giorgionadali.com