Salvatore Sciré Campisi

FIL_6188 schire ok

index

www.evehogroup.com

Eveho si conferma una realtà in piena espansione, da cosa nasce l’idea di aprire una filiale in Sicilia?

Non é tanto un’idea ma una giusta esigenza dovuta al fatto che questo territorio è stato aggredito da aziende di servizi di vario genere, non solo di aziende come la Eveho. La presenza della filiale dà ai clienti un messaggio preciso e inequivocabile, “noi siamo qua per qualsiasi problema e supportiamo il cliente in ogni momento”.

Quali sono le peculiarità del territorio? Come viene recepita l’internazionalizzazione?

Dopo L’Expo di Milano sia la Sicilia che la Calabria hanno avuto una accelerazione nel decidere di prendere in considerazione i mercati esteri, poche aziende ci sono riuscite altre sono ancora al palo. Alcune peculiarità sono comuni ai due territori, entrambi trasformano materie prime di eccellenza, dove il food si distingue. Ma non vanno assolutamente dimenticati gli altri settori dove si evincono: prezzi competitivi, idee, esperienza e mano d’opera.

Strategie e nuovi scenari, come vede il 2017, Sig. Sciré?

Nel 2017 vanno cambiate le strategie, in particolare quelle della commercializzazione, solo cosi si può pensare a nuovi scenari. Indubbiamente gli imprenditori, siciliani e calabresi, oggi sono molto condizionati,dalle difficolta’ economiche, dalle difficolta del mercato e dalle difficoltà dell’accesso al credito, quindi l’unica maniera di operare correttamente è quella di ricercare nuovi mercati, magari superando quella diffidenza che attanaglia tutti gli imprenditori. Noi siamo l’Eveho Group che non lavora per voi ma con voi per un successo frutto di sinergie ed esperienze vincenti.