La libertà finanziaria parte dal cervello

 

Money

Puoi prendere due strade. La prima è quella delle persone comuni. Non sono forse propriamente “povere”, ma la loro strada le porta verso la dipendenza dal denaro. Se lavori tanto per guadagnare molto in modo da sostenere tutte le tue spese, puoi essere ricco, ma non sei finanziariamente libero. La libertà finanziaria è il denaro che lavora per te con entrate passive “automatiche” che non dipendono dal tuo tempo. In questo caso sei libero finanziariamente, anche se non sei propriamente ricco. La libertà finanziaria è un passo avanti rispetto alla ricchezza!

La prima strada è quella di coloro che lavorano per produrre denaro. Niente di male. Ma il denaro non li renderà liberi. Appena possono spendono e quel poco che rimane magari lo investono. Mutui da pagare, rate da onorare, acquisti superiori alle entrate. Lavora una vita intera e poi aspetta la pensione. Se hai intrapreso questo percorso torna subito indietro. Sempre che tu voglia essere finanziariamente libero. Perché, sai, il trucco c’è! È il denaro che deve lavorare per te. Non il contrario.

Come? Per prima cosa ti consiglio di non pensare a come risparmiare. Una contraddizione? No. Pensiero positivo. Pensa piuttosto a come guadagnare di più. Non lavorando di più, ma con più valore! Sei sicuro di essere pagato per quello che veramente puoi valere, se vuoi?

La seconda strada. Non chiederti cosa può fare il tuo conto in banca per te, ma cosa puoi  fare tu per il tuo conto in banca! Per guadagnare di più devi prendere in esame la possibilità di cambiare lavoro. Lo so, non è facile. Devi superare la paura di non farcela e la mentalità perdente dei “soldi, pochi maledetti e subito”. Devi abbandonare la tua “zona di comfort” e navigare verso orizzonti più ampi e sconosciuti. Insomma, mettiti in proprio. Certo, non è essenziale per essere libero finanziariamente. Quello che però è fondamentale è aumentare il tuo valore di mercato. Perché, sai, il mercato è un po’ egoista. Lui ti paga molto solo se tu vali molto. Valere molto – per il mercato – non vuol dire solo essere una brava persona. Non basta. Vuol dire fare guadagnare molto la tua azienda o i tuoi clienti. Vuol dire produrre un servizio o un prodotto che molti vogliono. Anzi, che percepiscono come importante. Non devi abbassare il prezzo. Devi farlo percepire come essenziale per quello che offri. Ci vuole intelligenza. Ci vogliono le giuste strategie. Un coach come me sarebbe felice di insegnartele. A pagamento, si intende!

Ora ti dirò qualcosa di scandaloso. La ricchezza è direttamente proporzionale all’intelligenza. La povertà è inversamente proporzionale all’intelligenza. Scandaloso per quelle ideologie e per quelle visioni religiose deformate che ti vogliono materialmente povero. E magari te dicono da un ricco pulpito! Perché i poveri li si controlla meglio. Ad ogni modo, se vuoi essere finanziariamente libero devi usare il cervello. Non seguire le pecore o le galline. Loro stanno bene insieme nel pollaio e si accontentano. No! Tu non devi accontentarti! Devi volare solo e in alto come un’aquila! Se non te la senti, ok. Ti capisco. Ma poi non invidiare chi ce l’ha fatta! Non pensare che quello abbia rubato o chissà cos’altro. Non pensare che il 30% dei 1870 miliardari  al mondo che sono partiti da zero abbiano venduto l’anima al diavolo. No, loro hanno fatto un passo coraggioso e difficile, con tanti sacrifici, tanta creatività, tanta determinazione, tante porte chiuse in faccia e… con un’idea vincente. Cerca le loro storie. Un’operaia di Hong Kong è una delle donne partite da zero diventate miliardarie. Zhou Qunfei ha messo su un giro di prostituzione? No. Ha creato molto valore. Schermi per i telefoni cellulari che usi anche tu. Si è detta “non voglio più essere una semplice operaia. Voglio di più dalla mia vita”. E l’ha fatto. Azione! Non ti dico i sacrifici! E cosa le ha portato così tanto denaro? Ha fatto qualcosa utile a moltissime persone. Parliamo anche di Bill Gates di Microsoft o di Mark Zuckenberg di Facebook?

Già ti vedo. Ecco le tue convinzioni limitanti: “Io non sono così. Loro sono dei geni. Io no!” Ma guardati! Sei il primo a non credere in te stesso! Forse è meglio per te continuare sulla strada “povera”. Ottima compagnia. Gente onesta, per carità! Continua a farti fotografare davanti a macchine di lusso o mega yacht che appartengono a qualcun altro. Sogna in modo sbagliato e pensa che tanto loro hanno rubato! Ti sentirai meglio. O forse no? Pensa in grande. Sogna in grande. Fallo. Non farti rubare i sogni dalli sfigati!

L’invidia è disastrosa. Ti allontana dal denaro. Fai un esame di coscienza con umiltà e chiediti dove hai sbagliato. Magari, è probabile, hai sbagliato a non investire abbastanza su te stesso. Per pagare le bollette hai finito per esserne schiavo per sempre.

Per prima cosa devi avere una grande ambizione. GRANDE. Devi volere di più! Non sei nato per una vita mediocre! Tira fuori le… giuste motivazioni. Dì a te stesso: Io voglio una grande prosperità. Me la merito. Con questa aiuterò tanta gente, anche soltanto a capire che “povero” non è bello! È stupido. Essere povero non vuol dire essere un mendicante. A meno che tu non abbia liberamente scelto di fare un voto religioso di povertà. Ripeto: scelto. Altrimenti essere “povero” vuol dire tirare a campare. Vuol dire investire poco, prima di tutto in te stesso. Vuol dire spendere troppo e investire male. Vuol dire lavorare per il denaro e non farlo fruttare automaticamente mentre tu ti occupi d’altro, magari crescendo sempre di più frequentando corsi di formazione, leggendo molto, creando opportunità di lavoro. Rifiuta la pigrizia mentale. Chiediti: “come posso fare per guadagnare (onestamente) di più?” Il tuo cervello si sentirà obbligato a fornirti la risposta. Non ci credi?

Sai, «Spesso la differenza tra un uomo di successo ed un fallito non è nelle migliori idee o capacità, ma nel coraggio che si ha nello scommettere sulle proprie idee, assumersi dei rischi calcolati – ed agire» come diceva Maxwell Maltz.

Sei ancora lì? Ok. Ascolta bene:

  • Crea più valore per te stesso. Trova un’idea vincente. Fai un piano finanziario personale. Investi da subito il 30% dei tuoi guadagni, anche se sono ancora piccoli.
  • Lascia l’ancora e il vittimismo. Rischia e mettiti in proprio.
  • Fai lavorare il denaro per te con almeno tre rendite automatiche al mese.

Buona libertà finanziaria. Se hai bisogno di aiuto (non di soldi) scrivimi: coach@giorgionadali.com

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *