Storie imprenditoriali di Successo

Businessman and businesswoman shaking hands in the hall

Storie di imprenditori che hanno fatto la differenza partendo da zero

Per avere successo occorre essere ottimisti. Inoltre bisogna avere sicurezza interiore e fiducia in se stessi. E’ essenziale amare se stessi. Credere di avere valore è essenziale. Ottimismo e speranza non sono illusioni, ma il modo per tradurre un’aspirazione, un sogno in realtà.

Chiariamo subito. Il successo non è né la popolarità, né la celebrità. Anche se una persona di successo è spesso anche popolare. Si può avere molto successo nella vita senza essere famosi. Il successo è realizzare i propri sogni, riuscire in quello che si desidera di più. Successo deriva dal latino successus ossia avvenimento, buon esito” derivante da succedére, cioè “avvenire”. Si può essere una madre di successo, uno studente di successo, un artigiano di successo e così via. L’importante è essere il massimo di ciò che possiamo essere, secondo i talenti che abbiamo. Ma è anche sfidarci ad andare oltre i nostri limiti. Limiti che siamo convinti di avere e magari non abbiamo.

Lo dobbiamo a noi stessi, ma anche società, per creare un mondo migliore grazie a noi! E’ la chiave della felicità. Infatti l’invidia per gli altri, per ciò che sono o hanno, deriva dal confrontarci con loro. Senza considerare le condizioni che li hanno portati a essere così o avere ciò che hanno. Senza contare le condizioni di partenza che conducono ad una vita particolare. Difficile essere una star di Hollywood se non si è nati negli Stati Uniti, se non si ha un talento particolare e anche un carattere molto deciso e determinato a raggiungere un risultato. Ma le eccezioni non mancano.

Basta puntare sulle proprie qualità e usarle per raggiungere in un altro modo il proprio obiettivo. Si può essere nati in uno sperduto paesino austriaco, non conoscere una parola di inglese, non aver studiato recitazione, non avere talento per il cinema, diventare culturisti, vincere il titolo di Mister Olympia, imparare l’inglese, trasferirsi negli USA, essere scritturato in piccole parti e in seguito diventare un grande divo del cinema e poi governatore della California. E’ la vita di Arnold Schwarzenneger. Coltivare un sogno con una determinazione incrollabile è qualcosa che molti non osano fare. Il carattere di Arnold lo ha reso possibile. La persona che non si lascia scoraggiare dalle condizioni sfavorevoli apre la porta al proprio successo.

Jan Snyders disse che vincere non ha nulla a che fare con una medaglia. E’ sapere dentro di te che hai dato tutto ciò che potevi. Successo non vuol dire riflettori, denaro e potere. Non per tutti, almeno. Lao Tsu – il fondatore del Taoismo – disse: «Chi vince gli altri è forte. Chi vince se stesso è potente». Per trovare il successo bisogna trovare se stessi. Vuol dire mettere da parte invidia e disprezzo per la grandezza degli altri. Vuol dire sfruttare le proprie qualità con umiltà, mettendo da parte paura e scetticismo. Vuol dire credere in se stessi. «Un vincente è colui che riconosce il suo talento naturale, lavora sui suoi limiti per  tramutarli in abilità, e usa queste abilità per realizzare i suoi obiettivi» (Larry Bird).

DA MARZO 2017 il dodicesimo libro di Giorgio Nadali

Quarta di CopertinaFronte Copertina

Storie imprenditoriali di successo

Storie esemplari di determinazione al successo. Interviste di Giorgio Nadali

Dott. Francesco Martelli

Ovidio Marzi

Dott. Umberto Quintavalle 

Alberto Alemagna