Brand del Lusso. In crescita del 5% i consumi mondiali

di Giorgio Nadali

IMG_6054

La 17esima edizione dell’annuale dell’Osservatorio Altagamma ha fotografato situazione e prospettive del segmento più alto del mercato: nonostante l’estrema incertezza internazionale, per i beni di lusso si conferma la crescita del 5% iniziata nel 2017, grazie soprattutto al mercato cinese e alle nuove generazioni di consumatori. La situazione dell’industria e dei mercati del mercato di  alta  gamma è emersa dagli studi Altagamma Worldwide Market Monitor 2018 (presentato da Claudia D’Arpizio, Bain & Company), Il Consumo Tax-Free nell’Unione Europea 2018 (Pierfrancesco Nervini, Global Blue) e Altagamma Consensus 2019 (Armando Branchini, Fondazione Altagamma), nel corso della conferenza tenutasi a Milano il 15 novembre 2018 presso il Teatro Nazionale.

Andrea Illy, Presidente della Fondazione Altagamma e Presidente di Illycaffé S.p.A. ha evidenziato nel discorso introduttivo come due cose hanno necessità di crescere in Italia: istruzione e digitalizzazione.

IMG_6081

In crescita del 5% i consumi mondiali nella fascia più alta del mercato ed è un’ottima notizia per l’Italia, che è storicamente uno dei Paesi leader del comparto” ha dichiarato il Presidente di Altagamma, Andrea Illy. “La competitività internazionale della nostra manifattura si gioca fra creatività e innovazione. Altagamma ritiene necessario rafforzare il Made in Italy attraverso politiche forti, o partire dai temi della reputazione del Paese e dello formazione, come illustrato nel volume Altagamma. Strategie per l’Italia di Eccellenza”. L’alto di gamma continua a veleggiare sopra le incertezze congiunturali, le guerre dei dazi e le crisi geopolitiche che caratterizzano la situazione internazionale e conferma la sua anti-ciclicità, attestandosi nel 2018 su un valore di mercato totale intorno ai 1.200 miliardi di Euro, con una crescita del 5% a cambi costanti.

Il comparto del Personal Luxury, registra una crescita ancora maggiore, del +6%, per un valore complessivo di 260 miliardi di Euro, nonostante la relatrice Claudia D’Arpizio di Bain & Company si sia dichiarata pessimista per natura.

Secondo lo studio di Altagamma Worldwide Luxury Market Monitor. Realizzato da Bain & Company, nel 2018 si registra una performance solida del mercato personale dei beni di lusso, che cresce del +2% in Euro, e del +6% a tassi costanti: una crescita quindi in termini reali invariata in percentuale rispetto all’anno scorso. L’andamento è positivo in tutte le aree geografiche con l’eccezione del Medio Oriente, stabile; un trend particolarmente positivo si riscontra in Cina, trainata dal rimpatrio degli acquisti dovuti ai minori flussi turistici dei Cinesi in Europa, e nel resto dell’Asia, trainato sia da consumi locali che da un rinnovato acquisto dei Cinesi nei loro paesi limitrofi. Per quanto riguarda i canali, l’online si conferma in accelerazione, raggiungendo una penetrazione del 10% del mercato globale; fra i canali fisici, le performance migliori sono quelle di airport retail e outlet. Le nuove generazioni (Y e Z) generano il 100% della crescita di quest’anno. I consumatori più giovani (Generazione Z) mostrano dei comportamenti di acquisto molto specifici e differenziati dai loro “fratelli maggiori” Millennial. Gioielleria e scarpe si confermano top categorie di crescita, mentre l’abbigliamento dopo molti anni di timida ma solida crescita ha una frenata (-1%) dovuta principalmente al rallentamento dei giganti dell’accessible luxury, soprattutto sul segmento menswear. Le previsioni, per quanto sia complicato svolgerle nell’attuale contesto, rimangono positive: da qui al 2025 si stima una crescita del mercato del +3 / +5% medio annuo a tassi costanti, guidato da solidi fondamentali e attitudini del consumatore globale a questo tipo di consumi. Non si esclude che nel breve periodo ni si possa incontrare qualche lieve turbolenza (inclusa una soft recession in USA, e un lieve rallentamento dell’economia Cinese), che non distoglie dalle solide potenzialità del mercato nel futuro.

Per quanto riguarda il Consumo Tax Free nell’Unione Europea lo studio  realizzato da Global Blue rivela che dopo un 2017 positivo, nei primi nove mesi del 2018, il Tax Free Shopping in Europa ha fatto registrare un rallentamento delle vendite (-6%), riconducibile principalmente all’apprezzamento dell’euro sulle principali valute, in particolare il dollaro e il renminbi cinese. A fronte del minor numero di transazioni i dati Global Blue hanno registrato, però, un aumento del valore dello scontrino medio europeo pari al 2%. Nonostante un 2018 in difficoltà in Europa il Tax Free negli ultimi sette anni, dal 2011 al 2018, ha rappresentato uno dei principali driver di crescita del comparto lusso raddoppiando il suo volume . Guardando in dettaglio le dinamiche di acquisto del Vecchio Continente, da gennaio 2018 a settembre 2018 il Tax Free Shopping ha rallentato in Italia (-8%), Gran Bretagna (-8%), Spagna (-8%) e Germania (-13%). In controtendenza la Francia, unico Paese europeo nel quale, nei primi nove mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, le vendite tax free hanno registrato un segno positivo (+1%) grazie soprattutto agli acquisti dei Globe Shopper appartenenti ai segmenti: “Elite” (2.2%) e “Frequente (17.7%) meno sensibili alle oscillazioni valutarie.

IMG_6069

Per l’Altagamma Consensus 2019 realizzato da Fondazione Altagamma con il contributo dei maggiori analisti internazionali specializzati le previsioni per il 2019 confermano un solido +5%: crescita più alta per pelle, calzature e accessori (+7%) e per profumi e cosmetici (+ 5%). Buona crescita dell’Hard Luxury, più contenuta quella dell’abbigliamento (+2%). Stabile l’Art de la Table. Mercati: l’Asia è prevista essere il mercato in più rapida crescita (+10%), anche per via dell’abbassamento dei dazi in Cina. Seguono il Giappone (+5%) e il Nord America (+4%), quest’ultimo soprattutto nel primo semestre. Buone anche le prospettive per l’Europa (+3%).

Secondo Armando Branchini, Vice Presidente di Fondazione Altagamma “Con una previsione di crescita al 5% nel prossimo anno, si conferma che i consumi mondiali dei personal luxury goods nel triennio 2017-18-19 si presentano in costante e solida crescita. Questo nonostante una serie di fattori politici ed economici esogeni al comporto abbiano cominciato ad essere sempre più minacciosi in questo secondo semestre 2018 e potrebbero avere — verso lo fine del prossimo anno – un impatto ulteriore.”

Negli ultimi sette anni – dal 2011 al 2018 – in Europa il Tax Free Shopping ha rappresentato uno dei principali driver di crescita del comporto “Lusso” raddoppiando il suo volume;

Da gennaio 2018 a settembre 2018 in Europa a fronte di una contrazione delle vendite tax free (-6%) si è evidenziato un incremento dello scontrino medio (+2%) rispetto al medesimo periodo del 2017;

Da gennaio 2018 a settembre 2018 in Italia i turisti cinesi si sono confermati la prima nazionalità nel settore Tax Free Shopping: 30% del mercato.

Negli ultimi sette anni, ovvero dal 2011 al 2018, in Europa il Tax Free Shopping ha rappresentato uno dei principali driver di crescita del settore “Lusso” raddoppiando il suo volume. È quanto emerge dai dati Global Blue, società leader nei servizi di Tax Free Shopping, che, in occasione del tradizionale appuntamento con l’Osservatorio Altagamma 2018, ha tracciato le principali tendenze del mercato nei primi nove mesi del 2018.

«È un piacere essere qui anche quest’anno» ha commentato Pier Francesco Nervini, Chief Operating Officer North & Central Europe & Global Accounts Global Blue. «Dopo un 2017 positivo, i primi nove mesi del 2018 hanno visto un rallentamento (-6%) del mercato europeo del Tax Free Shopping. II fenomeno, in gran parte previsto, è riconducibile principalmente all’apprezzamento dell’euro sulle principali valute. Interessante è comunque l’innalzamento nello stesso periodo della transazione media il che conferma la minore elasticità al tasso di cambio da parte di compratori con più alto budget. Mi preme sottolineare che, nonostante il non positivo 2018, siamo sempre su valori superiori al 2016 e che il Tax Free si conferma una delle principali leve della crescita del comparto lusso».

IMG_6057

Nei primi nove mesi del 2018 l’Europa ha registrato un calo delle vendite tax free (-6%) rispetto al medesimo periodo del 2017. La principale causa di questa contrazione è legata al rafforzamento dell’euro rispetto alle altre valute, in particolare il dollaro e il renminbi cinese, iniziato già l’anno scorso. A fronte del minor numero di transazioni i dati Global Blue hanno registrato, però, un aumento del valore dello scontrino medio europeo pari al 2%.

In particolare, da gennaio 2018 a settembre 2018, il Tax Free Shopping ha rallentato in Italia (-8%), Gran Bretagna (-8%), Spagna (-8%) e Germania (-13%). In controtendenza la Francia, unico Paese europeo nel quale, nei primi nove mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, le vendite tax free hanno registrato un segno positivo (+1%) grazie soprattutto agli acquisti dei Globe Shopper appartenenti ai segmenti “Elite” (2,2%) e “Frequenti* (17,7%) meno sensibili alle oscillazioni valutarie.

I dati Global Blue evidenziano, però, un’altra tendenza volta ad aumentare negli anni a venire: nel 2017 i “Millennials” sono stati i principali fautori dell’incremento del Tax Free Shopping francese. Con un’età compresa fra i 18 e i 34 anni rappresentano il 31% del totale dei Globe Shopper con un potere di acquisto che nel 2017 ha fatto registrare un +17% sul 2016. E i dati emersi nel 2017 ne sono esempio: circa 1.700 euro (+10% vs 2016) la spesa annuale in Tax Free dei Millennials appartenenti alla categoria “Infrequent”, supera i 4.000 euro (+17% vs 2016) quella dei “Frequent” per arrivare a oltre i 51.000 euro (+10% vs 2016) della categoria “Elite”. Infine, per questi turisti, che rappresentano la prima generazione a essere cresciuta con Internet e smartphone, la possibilità di avere una esperienza di shopping personalizzata e “digitale” è fondamentale.

Scendendo nel dettaglio delle nazionalità, la spesa nei primi nove mesi del 2018 dei Globe Shopper cinesi, seppure in lieve calo (-4% rispetto al 2017), resta la protagonista del Tax Free Shopping con il 29% del totale degli acquisti effettuati in Europa. ll Vecchio Continente continua a essere meta di shopping anche per i viaggiatori provenienti dai Paesi del Golfo (11% del totale delle vendite tax free), e per quelli in arrivo dalla Russia (8% del totale delle vendite tax free). Dai dati Global Blue emerge che nel periodo gennaio-settembre 2018 le principali nazionalità, eccezion fatta per i turisti russi, hanno prediletto principalmente la Francia come destinazione di viaggio rispetto agli altri Paesi tradizionalmente considerati “mete di shopping“. Gli acquisti dei Globe Shopper cinesi sono calati soprattutto in UK (-8%), cosi come quelli degli americani (-8%); è invece l’Italia a scontare maggiormente la frenata dello shopping dei viaggiatori del Middle East (-16%). Le previsioni per i prossimi tre mesi confermano questa tendenza di contrazione fatta eccezione per UK e Spagna.

Con l’obiettivo di analizzare le dinamiche di acquisto dei turisti extra-UE, anche nel 2018 Global Blue e Bain & Company hanno focalizzato le loro reciproche competenze per determinare le evoluzioni delle transazioni tax free nei tre principali segmenti di riferimento: “Luxury”, “Premium” e “Mass”. Nei primi nove mesi di quest’anno in linea con le dinamiche di arrivo e i profili dei Globe Shopper si è assistito a una flessione nei segmenti “Luxury” (-8%), e “Premium” (-10%), mentre il segmento “Mass” risulta invariato rispetto allo scorso anno.

Nei primi nove mesi del 2018 in Italia il mercato del Tax Free Shopping ha registrato una flessione dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, riconducibile soprattutto al rafforzamento dell’Euro sulle altre divise, impattando negativamente sulla spesa nel nostro Paese. I turisti cinesi, pur continuando a rappresentare il 30% del mercato, hanno rallentato i loro acquisti tax free (-5%) rispetto al medesimo periodo del 2017. In calo anche lo shopping tax free dei viaggiatori russi (-15%), seconda nazionalità con il 13% del totale. In questo caso la debolezza del rublo russo, gli embarghi e le tensioni nei rapporti internazionali sono state le principali cause di tale flessione. Il Bel Paese ha visto una frenata anche degli acquisti dei viaggiatori in arrivo dagli Stati Uniti (-4%). Segno meno anche per i Globe Shopper provenienti dalla Corea del Sud (-15%) e dal Medio Oriente (-16%), un’area, quest’ultima, nella quale la situazione economica e le forti tensioni geopolitiche hanno pesanti ripercussioni anche sulle dinamiche dei flussi turistici. Nei prossimi tre mesi le previsioni Global Blue confermano questa tendenza, ad eccezione degli acquisti tax free dei turisti statunitensi da cui ci si aspetta un incremento pari al 16%.


Brand Magazine. La nuova frontiera del prestigio aziendale

di Giorgio Nadali

Il magazine aziendale – Brand Magazine – è il fiore all’occhiello della strategia di comunicazione aziendale. Brand molti noti e aziende poco hanno un impatto più prestigioso con una rivista dedicata. Interviste, prodotti, strategie, nuove acquisizioni, eventi, consigli ai Clienti, tutto ha un immagine più diretta, come ad esempio un filo diretto con il Top Management, che può dialogare attraverso il brand magazine. Kevin Lane Keller definisce il Brand come una “aggregazione, intorno a specifici segni di riconoscimento, di un definito complesso di valori imprenditoriali, di associazioni cognitive, di aspettative e di emozioni”. Le parole fanno la differenza! Leggi qui cosa succede a usare parole giuste e sbagliate nel business, nel mio articolo per Forbes.

Sì, emozioni. Dale Carnegie scrive: “Quando trattiamo con la gente, ricordiamo che non stiamo trattando con creature dotate di logica stiamo trattando con creature dotate di emozioni”. Leggi qui cosa succede a trascurare o non conoscere l’intelligenza emotiva nel business, nel mio articolo per Forbes.

Un Brand magazine aziendale genera profonde emozioni persuasive e attraenti per il Brand e colloca l’azienda al top della conoscenza e fidelizzazione da parte dei Clienti dandopiù prestigio alla immagine dell’azienda, avvicinandola al pubblico diretto e duraturo.

Se l’Azienda è di grandi dimensioni e molto nota, l’effetto sarà di un incremento del suo prestigio. Infatti un Brand Magazine è la nota distintiva di un grande successo raggiuntoe consolidato, ma che desidera dialogare in modo più diretto e “caldo” con i Clienti e potenziali nuovi investitori.

Se l’Azienda è di piccole / medie dimensioni l’effetto sarà di un incremento della visibilità e di una percezione aumentata di importanza sul mercato competitivo.

L’investimento per il Brand Magazine (online o cartaceo) rende superfluo un Ufficio Stampa che non è composto né da specialisti della comunicazione, né da giornalisti, ma dà una resa decisamente superiore come immagine e risultati. E costa molto meno di quanto si pensi. Ah, le convinzioni limitanti!..

L’impatto emozionale di una rivista dedicata esclusivamente all’Azienda è enorme e si avvicina a quello di influencer molto noti, ai quali le Aziende si stanno affidando sempre di più per la comunicazione aziendale al passo con i tempi. Avere una propria rivista è immagine e oggi l’immagine è essenziale per il successo, per chi ce l’ha, per chi vuole incrementarlo e mantenerlo. Chi non è al passo con i tempi è destinato a scomparire dal mercato, come Blockbuster. La comunicazione oggi viaggia molto più veloce della tradizione. Non fare il dinosauro. Cambia! E parliamone.

 

Guarda un esempio: Brand Magazine Tonino Lamborghini

Brand Magazine Tonino Lamborghini

www.giorgionadali.com

stampa@giorgionadali.com


Le nuove frontiere dell’economia etica e del successo etico win-win-win

winwinwin

di Giorgio Nadali

“In una negoziazione dobbiamo trovare una soluzione che soddisfa tutti, perché nessuno accetta che deve perdere che l’altro deve vincere. Entrambe devono vincere” (Nabil N. Jamal). Successo ed etica possono convivere. Anzi, devono! Strategia win-win-win significa trarre un beneficio da una contrattazione commerciale in cui anche il cliente è avvantaggiato. Il terzo “win” è il ritorno di immagine e il beneficio per altri clienti che potrebbero essere interessati indirettamente alla trattativa o divenire tali in seguito al passaparola. La qualità paga sempre. Di fatto nessuna autentica trattativa commerciale svolta in modo professionale cerca il solo vantaggio di chi vende. Ciò che il pubblico si chiede è infatti “perché dovrei comprare questo prodotto e proprio da te? Cosa puoi fare tu per me? Dove vuoi portarmi, in quanto tempo e come? Quale vantaggio per me?” secondo la regola chiamata WIIFM: What’s In It For Me? «Cosa c’è qui dentro PER ME?»  L’economia etica si chiede sempre cosa c’è di buono per il cliente, per le SUE esigenze. Sembra un banalità, ma solo una parte di chi vende (e in realtà tutti “vendiamo” qualcosa) applica questa regola. Ecco perché (secondo il  principio dell’economista Pareto) solo il 20% dei venditori realizza l’80% del fatturato e il restante 80% dei venditori realizza solo il 20% del fatturato! La causa è l’etica e la comunicazione.

Ad esempio:

Chi ha fretta di vendere, perde di vista la comunicazione o la usa in modo sbagliato, mentre l’attenzione etica all’altro è fondamentale per una trattativa vincente. A nessuno piace sentire che gli si vuole vendere qualcosa, ma che si cerca di soddisfare le sue esigenze. Dalla vendita di un’aspirapolvere alla cessione di una società la regola è la stessa.

Il cliente dice: «Non so, non mi convince…»

Il venditore dice: «Allora ti offro anche questo prodotto (o benefit) in omaggio…». Sembrerebbe un atteggiamento etico e un vantaggio per il cliente. Invece non lo è. Manca l’ascolto. Il cliente sta esprimendo una difficoltà e non viene assecondato su questo sentimento. Al venditore interessa solo portare a casa la vendita e sfodera l’arma dell’omaggio. Trattativa perdente. Nella PNL (Programmazione Neuro Linguistica) si chiama “andare in mappa contro mappa”, cioè non ascoltare sul serio e cercare di imporre la propria visione (“mappa”) per vincere su quella dell’altro (l’altra “mappa”). E questo fa perdere. Sempre. Il problema è che non si ascolta per capire, ma per ribattere.

Qual era la risposta etica e quindi vincente perché viene incontro a ciò che esprime il cliente?

Eccola: «Che cosa esattamente non La convince?» oppure (nel caso il Cliente abbia espresso perplessità sul cambio di marca) «Quali problemi in particolare potrebbe crearLe cambiare marca?». Semplice e determinante.

Il successo etico è quindi una sincera attenzione all’altro. E questo ripaga molto. Un cliente soddisfatto è il miglior biglietto da visita. L’etica è una questione centrale nei servizi finanziari. Il comportamento etico delle vendite può giocare un ruolo fondamentale nella formazione e nel mantenimento di relazioni a lungo termine con i clienti e, cosa ancora più importante, può anche generare problemi di responsabilità per le organizzazioni di venditori attraverso dichiarazioni intenzionali e involontarie. Le istituzioni finanziarie sono vulnerabili a molti abusi legali ed etici e a forme di corruzione molto costose.

Ad esempio, la Prudential Insurance Company of America ha dovuto sostenere una commissione di  2,6 miliardi di dollari contro i guadagni per pagare i danni degli assicurati dopo che la società ha permesso ai propri venditori di utilizzare pratiche di vendita ingannevoli. I servizi finanziari sono servizi altamente astratti caratterizzati da attributi di credibilità e, di conseguenza, difficili da comprendere per i consumatori. Quindi, il consumatore deve fare affidamento sull’agente per ottenere informazioni corrette e una guida adeguata. Pertanto, poiché l’industria finanziaria è diventata più competitiva, i venditori di servizi finanziari potrebbero, se scelgono di agire in modo non etico, approfittare dell’ingenuità del consumatore e migliorare la propria posizione, mentre il successo etico passa dall’attenzione all’altro e questo fa vincere su tutti i piani, anche quello economico. Chi non comprerebbe se fosse certo che il venditore vuole sinceramente il mio bene e vuole quindi venire incontro alle mie esigenze in modo chiaro e cristallino? Vince chi vende, vince il cliente soddisfatto, vince la credibilità del settore. Win win win. Il vero successo è sempre quello del supereroe: Forte per aiutarti, non per fregarti.

 

 

 


Salone del Mobile di Milano. Il lusso è di casa

Versione integrale del servizio per FORBES del 22/04/2018

  IMG_8782

Casa mia, casa mia per piccina che tu sia tu mi sembri una badia. Dimenticatevi questa poesia. La casa di lusso non può essere piccina e decisamente non può sembrarti un’abbazia. Samuel Johnson scriveva: “Essere felici a casa è il massimo risultato dell’ambizione”. Per mettere d’accordo felicità e ambizione tra le mura domestiche è essenziale un arredamento che esprima gioia di vivere, intesa come totale assenza di limiti economici. Il Salone del Mobile a Milano – nella sua sezione extra lusso con i suoi favolosi stand-boutique presenziati da body guards – presenta il meglio dell’arredamento extra lusso (ovviamente personalizzabile), adatto sia per le proprie residenze sulla terra ferma che per quella galleggiante sul mega yacht.

Per abbinare l’arredamento all’auto preferita ci hanno pensato alcuni marchi storici che hanno creato soluzioni di arredamento esclusivo targato Bentley, Tonino Lamborghini Casa e Aston Martin, che è presente al “fuori salone”.

La nuova  collezione  di  mobili,  nata  dalla  collaborazione  tra  la  casa  automobilistica britannica  Aston  Martin  e  i  produttori  di  arredamento  e  accessori  di  lusso  Formitalia. La  partnership  tra  i  due  marchi  di  lusso  si  propone  di  creare  una  collezione  di  mobili  unica,  contemporanea e  senza  tempo,  che  rispecchi  la  tradizione  e  l’artigianalità  delle  auto  sportive  Aston  Martin. La  collezione  completa,  che  sarà  disponibile  per  la  vendita  a  settembre,  è  realizzata  a  mano  in  Italia  in  modo impeccabile  con  materiali  di  lusso:  legni  dalle  texture  scure  che  si  combinano  con  la  calda  luce  dell’ottone spazzolato,  velluti  e  pellami  morbidissimi  che  si  intrecciano  con  lini  italiani  lavorati  a  mano.  Ogni  pezzo, proposto  in  un’ampia  gamma  di  colori,  è  capace  di  coinvolgere  ed  assecondare  tutti  i  sensi. Tra  i  punti  forti  della  nuova  collezione  un  elegante  divano  realizzato  artigianalmente  che  si  avvale  di  un  mix di  tessuto,  pelle,  legno  e  metallo  e  che  comprende  un  portariviste  in  morbida  pelle  oppure  un  tavolino  in elegante  noce  Canaletto.  In  mostra  anche  una  selezione  di  raffinati  tavolini,  realizzati  in  esotico  marmo Sahara  Noir  o  Breccia  Medicea  e  vetro  fumè  o  trasparente. Un  letto  elegante  ed  estremamente  confortevole  viene  impreziosito  da  due  morbidi  cuscini  rivestiti  in cashmere    per  dare  risalto  e  importanza  alle  camere  più  lussuose. Completano  la  collezione  una  scelta  di  credenze  e  comodini  realizzati  in  noce  Canaletto  e  pelle,  insieme  ad una  poltrona  in  morbida  pelle  con  gambe  in  noce  meravigliosamente  strutturate. Marek  Reichman,  Chief  Creative  Officer  di  Aston  Martin,  ha  dichiarato:  “L’uso  di  un  linguaggio  di progettazione  comune  tra  le  nostre  auto,  i  nostri  showroom  e  i  nostri  mobili  contribuisce  a  trasmettere  una sensazione  unica  di  lusso    con  un’enfasi  particolare  sulla  qualità  e  l’esecuzione  dettagliata.  Quando  crei  un prodotto  che  combina  perfettamente  design,  tecnologia  e  stile,  il  risultato  può  essere  molto  gratificante.

In  occasione  del  Salone  del  Mobile  2018  la  collezione  luxury,  dedicata  alla  casa,  si  arricchisce ulteriormente  di  nuovi  e  vibranti  pezzi  d’arredo,  carichi  di  fascino  e  di  particolari  che  non  passano inosservati.  Pellami  e  tessuti  di  qualità  ineccepibile  disponibili  in  100  combinazioni  di  colori,  essenze ricercate  e  lavorate  dalle  mani  di  artigiani  esperti  e  qualificati,  dettagli  unici,  sorprendenti  ed  identificativi  di un  brand  molto  amato  e  fortemente  riconosciuto  a  livello  internazionale. I  nuovi  modelli  della  collezione  Tonino  Lamborghini  Casa  evocano  come  sempre  con  eleganza il mondo delle  granturismo. 

Roberto Cavalli Casa presenta arredamento, tableware, carte da parati, biancheria da letto. La collezione Home Interiors di Roberto Cavalli è un omaggio alle linee più significative della Maison Roberto Cavalli. Un mix dal fascino fortemente distintivo, fedele alla filosofia e al DNA del marchio, capace di coniugare moda e design con glamour e sensualità. Roberto Cavalli Home Interiors si ispira alle iconiche stampe e ai modelli delle collezioni più rappresentative della maison: una galassia dai colori vivaci, trame preziose e splendidi motivi, mescolando e sovrapponendo audaci stampe e morbidi ricami, forme scultoree e linee irregolari, gusto urbano con elementi naturali, come rocce, fiori e giungle lussureggianti. Grande cura e attenzione sono dedicate alla scelta di materiali preziosi per creare scenografie lussuose e drammatiche che diventano emblemi di uno stile unico. Al Salone del Mobile presenta la Tropical Glam Collection. Spumanti sfumature di cedro animano gli arredi della nuova collezione Roberto Cavalli Home Interiors. Una proposta in stile tropicale con stampe di linci, zebre e foglie di banano.  Decisamente glamour la collezione di tableware con oro, motivi tropicali e la firma dello stilista fiorentino: posate, bicchieri, stoviglie degne di una reggia imperiale.

Trussardi Casa espone la nuova linea “Happ” di divani e zona letto. Il tavolo dining Belgado con sedie Annabel in pelle. La linea luci Ampoll riprende la forma delle boccette di profumo Trussardi “Rifless”. Per una camera da letto completa occorrono  60 mila euro.

Il Paisley, leitmotiv della collezione di Etro Casa, si lascia saturare di colori, interpretato e ridefinito in un gioco di suggestiva eleganza. Questa nuova collezione fonde la tradizione con l’innovazione e la storia con un tocco contemporaneo. Cashmere rosso fantasia per i divani e sedie porpora con una simpatica scimmietta in oro sullo schienale, ma anche una camera da letto più classica con armadio dorato. In sostanza colori, fantasie  e tessuti che al tatto che esprimono una grande prosperità degna dell’extra lusso.

Anche Fendi è presente al Salone con le ultime novità per l’arredamento firmato. Versace Casa presenta la sua linea di arredamento, tableware e tessuti con l’inconfondibile design e marchio della medusa e stampe barocche con il motivo neoclassico a greca, che Gianni Versace aveva scelto per Casa Casuarina, la sua villa di Miami Beach.

La Contessina di Marano di Parma presenta un fastoso “stand” stile reggia di Versailles. Infatti una delle sue collezioni di arredamento ha questo nome. Lavorazioni eseguite prevalentemente a mano e con massima cura, da esperti artigiani, utilizzando essenze di legni pregiati e tessuti ricamati e progettazione di ambienti e articoli con personalizzazione di misure e decori.

Grande opulenza classica anche allo stand Boiserie Italia che propone un arredamento da reggia imperiale. Un solo cliente nel Nord Italia. Tutti gli altri clienti (di solito miliardari) sono stranieri. “Gli italiani hanno altri gusti” – mi spiega la titolare Simona Orsenigo – che preferisce uno stile moderno per la sua abitazione.

Giorgio Collection presenta la nuova collezione Infinity, sofisticato connubio tra inaspettate geometrie e materiali ricercati. Un connubio sofisticato di materiali preziosi declinati con superfici brillanti, cura al dettaglio e sapienti lavorazioni in grado di regalare inaspettate geometrie ai classici volumi. Questi i tasselli che vanno a comporre la nuova e raffinata proposta di Giorgio Collection che presenta la collezione Infinity, ultima rappresentante di oltre sei decadi di lusso. la collezione Infinity, disegnata da Giorgio Soressi, con il quale l’azienda ha all’attivo una consolidata collaborazione, il nuovo emblema e protagonista di tre dei sette ambienti presenti. Articolata tra camera da letto, dining, living room, Infinity rende protagonista il pregiato e ricercato Makoré di mogano damato in tinta grigio scuro, legno dell’Africa tropicale in grado di regalare una profondità unica agli arredi. Al lucido poliestere spazzolato si accostano, per la prima volta, l’oro chiaro cromato e il raro marmo verde Bolivia, top di gamma che va ad aggiungersi agli altri otto marmi presenti a catalogo, per offrire una nuova interpretazione in chiave contemporanea dell’Art Déco.

Home jewels: Opere d’arte monumentali mozzafiato e sorprendenti gioielli per la casa ispirati al Rinascimento? Fedele ad una tradizione basata sulla bellezza e l’artigianato, per uno stile opulento, ma di classe la fiorentina Baldi annovera tra le sue creazioni uniche al mondo: la vasca in cristallo di rocca. Dal valore di 1 milione di euro, la vasca, che può contenere fino a tre persone, è ricavata da un pezzo unico di cristallo di rocca di circa 10.000 kg, proveniente dalla foresta amazzonica del Brasile. Al Salone presenta una vasca da bagno ricavata da un unico pezzo di quarzo verde da 700 mila euro e un grande tavolo circolare da pranzo di lapislazzuli da 500mila euro. Non passa inosservato il pianoforte Steinway & Sons “Armonia Limited Edition” impreziosito da Baldi con doratura 24K, e bronzi che vengono posizionati sui maestosi pianoforti a coda Steinway & Sons presso il laboratorio Baldi e dotati di una tecnologia che permette allo strumento anche di suonare da solo comandato da un tablet. (Costo: 250mila euro). Venduto al Salone ad un cliente cinese. Baldi ha solo clienti stranieri, da Medio Oriente, Russia e Cina. “Gli italiani che possono spendere così tanto hanno altri gusti, più orientati allo stile moderno. Il nostro core business è quello di portare con queste creazioni un pezzo dell’Italia classica  all’estero”, spiega il responsabile marketing.

Gastone Modenese presenta mobili classici di extra lusso fatti a mano da sette generazioni nello stile di antiche ville italiane classiche che piacciono soprattutto ai  clienti esteri.

Per un po’ di svago il nuovo biliardo motorizzato Revolution M999 di MBM Biliardi garantisce serate spensierate a 139mila euro.

Alla mattina nasce sempre il dilemma di quale orologio di lusso della propria collezione scegliere di mettere al polso. Per venire incontro a questa difficile incombenza Thomas Schalk della tedesca Buben & Zorweg mi presenta la collezione di casseforti di gran design con cristallo antiproiettile dotate di espositore girevole interno motorizzato per una collezione sino a 38 orologi e cassetti per opere d’arte e gioielli. È  anche possibile selezionare elettronicamente il senso rotatorio degli orologi per ispirarsi maggiormente nella scelta. Si va dalla cassaforte cilindrica da tavolo rivestita in pelle alla Galaxy Deluxe a scomparsa elettronica, sino alla cassaforte grande come tutta una stanza che può fungere da pratica panic room nella quale blindarsi dentro in caso di attacco terroristico. “Già venduta a un cliente in Messico”. Per casseforti più classiche la portoghese Boca do Lobo presenta la grande Knox, rivestita d’oro.

Il design italiano è vincente. Il lusso in stile classico/barocco vende quasi esclusivamente all’estero. Quello moderno e firmato anche in Italia. Appuntamento dunque al Salone del Mobile di Milano a Mosca dal 10 al 13 ottobre e poi a Shangai dal 22 al 24 novembre 2018.

Per chi ama il bello il prezzo è solo un dettaglio marginale e dopotutto – come diceva Coco Chanel – il lusso non è il contrario della povertà, ma della volgarità.

 

 

 

 


Selling much ​​more by becoming a celebrity in your business? Today you can. And you have to!

personbal branding

by Giorgio Nadali

Marketing is no longer based on the things you do, but on the stories you tell“. Seth Godin is right. The most important story must be yours. What others tell about you. In fact, true success is achieved when one passes from the “self-referential” plane to the “referential” plane, that is when others are talking about you.

The great seller Jeff Bezos – founder of Amazon – defines the “Personal brand is what they say about you when you’re not in the room“. Personal Branding is the activity that applies to the individual individual marketing and branding strategies, normally reserved for corporate communication. It is among the topics of greatest interest in recent years.
To make personal branding means to create a strong mental association between a relevant competence for an audience and one’s own person, to be considered the number one choice in a specific field.” In essence there is no better method to sell avalanche.
Paradoxically, today the personal brand is worth more than the corporate brand. Do you want some examples? Steve Jobs, Richard Brandson, Coco Chanel, Giovanni Rana, Franco Rosso, Brunello Cucinelli.

People who put their faces to ensure the value of their products, people who have become real celebrities and this has created a stronger relationship with customers to the point of turning them into real fans. People today are not just looking for a product or service that allows them to satisfy a specific need. They do not want just any smartphone, a pair of jeans any … They want the Iphone, a couple of Diesel … just like you’re not just looking for a lawyer, an accountant, any architect. You look for the most experienced or specialized in a certain subject, the one with the best reputation. People are looking for someone they can trust and to whom they can “love”.

For entrepreneurs and professionals, Personal Branding already has an important evolution. In fact, there is talk of Business Celebrity Building, to identify the maximum application of personal branding in the business world, with the aim of transforming the individual into a real business celebrity.

The term was coined by Gianluca Lo Stimolo, founder and CEO of Stand Out, the only European agency based in Milan, Italy, specialized in integrated personal branding services and considered one of the leading experts in the field.

The difference between the two themes is apparently subtle, but it is not so, if examined closely. In fact, while Personal Branding works mainly on the image of the person and on the construction of a coherent identity, the Business Celebrity Building operates not only on identifying a talent but also identifies a distinctive positioning for the growth of both professional skills and visibility, through strategies and operations that embrace the whole sphere of personal business, as if it were a sort of “ME Inc.”.

The reasons for this evolution are basically three:

Stand out from competitors
face the ever increasing competition on the markets with new weapons, caused by unstoppable processes of globalization and digitalization;

Reinforce their messages

Overcoming the refractoriness and distrust of every message that the “fake news” have determined in every interlocutor. “Put your face” is in fact the most effective way to guarantee and give authority to its contents;

Translating visibility into Business

Build and implement business models that allow you to generate greater inflows of money resulting from increasing visibility.

The Business Celebrity Building activity therefore allows

– Exit the price war;
– Access partnership and business opportunities, to the most denied;
– Find and select the best suppliers and the most profitable customers.

The formula of the Celebrity Building Business

Gianluca Lo Stimolo explains how to make Business Celebrity Building through the illustration of the formula he has devised:

BCB = P (E) xR (T) / S

Business Celebrity Building = Promise to the market (Personal label) x Reputation (Target) / Communication and promotion tools.
The promise to the market translates into a label that exemplifies communication, but this alone is not enough, just as reputation is not enough. We must have a clear market promise and a strong reputation. The latter is the recognized ability to keep the promise stated (how much your target considers you able to keep your promise to the market). It is therefore a belief that it must be instilled in its target because it turns into reputation.

How you do it? With the typical tools of online and offline communication, however, all must be applied with constancy and attenactment (for example: a unique and coherent message, what in English is defined consinstency, the story of case histories, customer testimonials, the use of influencer marketing, the creation of valuable content for your target – blog, reports, podcasts, videos, books – events and media relations).

The essential steps for Personal Branding

  1. Specialized to get out of the generalist’s perception:
  1. Choose a specific topic on which you can “say yours”;
  1. Put your focus on a specific audience (market segment)
  1. Find a label that makes it easy to understand your distinction and your promise to the market
  1. Be obsessive and unique in your message (Consistency)
  1. Use personal storytelling to give strength and congruence to what was declared on the market
  1. Produce content on the specific topic that you have chosen, to be distributed through the channels and tools useful to reach your audience (blog, e-book, book, video, heading), including events (workshops, seminars, congresses)
  1. Collect and use testimonials from satisfied users and illustrate case histories: they are a great inspiration for purchase
  1. Identify and use influential personalities to your target to your advantage, without forgetting the use of traditional media that have perhaps lost the value of means (media in Latin) to reach an audience, but are more than ever a means of accreditation and sources of credibility in the to professionalism for the public that you already reach through social channels. The path is this: first you are a general practitioner and few know you. A pity, you deserve more! Then you become a specialist and your reputation improves. Things definitely start to change when you become an authority in your industry. The next step is celebrity. You are known for your unquestionable professionalism and the final peak can only be the reference point for your branch.

Vendere di più diventando una celebrità nel proprio settore? Oggi si può. E si deve

business celebrity

“Il marketing non si basa più sulle cose che fai, ma sulle storie che racconti”. Seth Godin ha ragione. La storia più importante deve essere la tua. Quella che raccontano gli altri su di te. Infatti  il vero successo si raggiunge quando si passa dal piano “autoreferenziale” al piano “referenziale”, ossia quando sono gli altri a parlare di te.

Il grandissimo venditore Jeff Bezos – fondatore di Amazon – definisce il  “Personal brand è ciò che dicono di te quando non sei nella stanza”. Il Personal Branding è l’attività con la quale si applicano al singolo individuo strategie di marketing e di branding, normalmente riservate alla comunicazione aziendale. È tra le tematiche di maggiore interesse degli ultimi anni.

“Fare personal branding significa creare una forte associazione mentale tra una competenza rilevante per un pubblico e la propria persona, tale da essere considerati la scelta numero uno in un preciso campo.” In sostanza non esiste metodo migliore per vendere a valanga.

Paradossalmente oggi il personal brand vale più del brand aziendale. Vuoi alcuni esempi? Steve Jobs, Richard Brandson, Coco Chanel, Giovanni Rana, Franco Rosso, Brunello Cucinelli. Persone che ci hanno messo la faccia per garantire il valore dei propri prodotti, persone che sono diventate delle vere e proprie celebrities e per questo hanno creato un legame più forte con i clienti al punto da trasformarli in veri e propri fan. Oggi le persone non cercano solo un prodotto o un servizio che permetta loro di soddisfare un bisogno specifico. Non vogliono semplicemente uno smartphone qualsiasi, un paio di jeans qualsiasi… Vogliono l’Iphone, un paio di Diesel… Così come non si cerca più semplicemente un avvocato, un commercialista, un architetto qualsiasi. Si cerca quello più esperto o specializzato in una determinata materia, quello con la migliore reputazione. Le persone cercano qualcuno di cui si possono fidare e a cui si possono “affezionare”.

Per imprenditori e professionisti il Personal Branding ha già un’importante evoluzione. Si parla infatti di Business Celebrity Building, per identificare l’applicazione massima del personal branding nel mondo del business, con l’obiettivo di trasformare l’individuo in una vera e propria business celebrity.

Il termine è stato coniato da Gianluca Lo Stimolo, fondatore e CEO di Stand Out, l’unica agenzia europea specializzata in servizi integrati di personal branding e considerato uno dei massimi esperti della materia.

La differenza tra i due temi è apparentemente sottile, ma non è così, se presi in esame da vicino. Infatti, mentre il Personal Branding lavora principalmente sull’immagine della persona e sulla costruzione di un’identità coerente, il Business Celebrity Building opera non soltanto sull’individuazione di un talento ma individua anche un posizionamento distintivo per l’accrescimento sia delle competenze professionali sia della visibilità, attraverso strategie e operations che abbracciano l’intera sfera del business personale, come se si trattasse di una sorta di “IO S.p.A.”.

I motivi di questa evoluzione sono stanzialmente tre:

Distinguersi dai concorrenti

affrontare con nuove armi la sempre crescente competizione sui mercati, causata da processi inarrestabili di globalizzazione e digitalizzazione;

Rafforzare i propri messaggi

Superare la refrattarietà e la diffidenza a ogni messaggio che le “fake news” hanno determinato in ogni interlocutore. “Metterci la faccia” è infatti il modo più efficace per garantire e dare autorevolezza ai propri contenuti;

Tradurre la visibilità in Business

Costruire e rendere operativi modelli di business che consentano di generare maggiori afflussi di denaro derivanti dalla crescente visibilità.

L’attività di Business Celebrity Building consente dunque di

–        Uscire dalla guerra dei prezzi;

–        Accedere ad opportunità di partnership e di business, ai più negate;

–        Trovare e selezionare i migliori fornitori e i clienti più profittevoli.

La formula del Business Celebrity Building

Gianluca Lo Stimolo spiega come fare Business Celebrity Building attraverso l’illustrazione della formula da lui  ideata:

BCB=P(E)xR(T)/S

Business Celebrity Building = Promessa al mercato (Etichetta personale) x Reputazione (Target) / Strumenti di comunicazione e promozione.

La promessa al mercato si traduce in un’etichetta che ne esemplifica la comunicazione, ma questa da sola non basta, così come non basta solo la reputazione. Bisogna avere una promessa al mercato chiara e una reputazione forte. Quest’ultima è la capacità riconosciuta di mantenere la promessa dichiarata (quanto il tuo target ti reputa in grado di mantenere la tua promessa al mercato). Si tratta quindi di una convinzione che deve essere istillata nel proprio target perché si tramuti in reputazione. Come si fa? Con gli strumenti tipici della comunicazione online e offline che però vanno applicati tutti con costanza e attenzione (ad esempio: un messaggio univoco e coerente, ciò che in inglese viene definito consinstency; il racconto di case history, testimonianze dei clienti, l’uso dell’influencer marketing, la creazione di contenuto di valore per il proprio target – blog, report, podcast, video, libri – la realizzazione di eventi e le media relations).

I passi essenziali per il Personal Branding

  1. Iperspecializzati per uscire dalla percezione del generalista:
  2. Scegli un argomento specifico su cui puoi “dir la tua”;
  3. Metti il tuo focus su un preciso pubblico (segmento di mercato)
  4. Trova un’etichetta che renda comprensibile con facilità la tua distinzione e la tua promessa al mercato
  5. Sii ossessivo e univoco nel tuo messaggio (Consistency)

 

  1. Usa lo storytelling personale per dare forza e congruenza a quanto dichiarato sul mercato
  2. Produci contenuti sull’argomento specifico che hai scelto, da distribuire attraverso i canali e gli strumenti utili a raggiungere il tuo pubblico (blog, e-book, libro, video, rubrica), inclusi eventi (workshop, seminari, congressi)
  3. Raccogli e usa testimonianze di utenti soddisfatti e illustra case history realizzate: sono di grande ispirazione all’acquisto
  4. Individua e utilizza a tuo vantaggio personalità influenti sul tuo target, senza dimenticare l’uso dei media tradizionali che forse hanno un po’ perso il valore di mezzi (media in latino) per raggiungere un pubblico, ma sono più che mai mezzi di accreditamento e fonti di credibilità nella tua professionalità per il pubblico che già raggiungi attraverso i canali social.

Il percorso è questo: prima sei un professionista generico e pochi ti conoscono. Un peccato, meriti di più! Allora diventi uno specialista e la tua notorietà migliora. Le cose iniziano decisamente a cambiare quando diventi un’autorità nel tuo settore. Il passo successivo è la celebrità. Sei noto per la tua professionalità incontestabile e la vetta finale non può che essere il diventare un punto di riferimento per il tuo ramo.

 

 


10 cose da fare per conciliare business e amore

speciale_s_valentino_jpg_320207522

di Giorgio Nadali

 

“Il meglio del vivere sta in un lavoro che piace e in un amore felice” (Umberto Saba). È possibile conciliare con successo le due cose?

 

1) Vi sono delle esigenze affettive basilari diverse per ciascun sesso che vanno capite e ricordate. Non tenerne conto apre a infinte incomprensioni, anche se sono in buona fede. Nelle coppie eterosessuali ricordati che l’altro sesso pensa in un modo diverso. Non migliore o peggiore, ma diverso. Lei non ragiona istintivamente come un uomo. Lui non ragiona istintivamente come una donna. Se è capace di fare così o è un coach oppure è uno sceneggiatore che scrive dialoghi del sesso opposto, ma non è il tuo caso. Quindi, scolpisci bene queste cose nella tua mente:

Per sentirsi amata una donna deve sentirsi: a) capita b) rispettata c) ascoltata d) speciale.

Per sentirsi amato un uomo deve sentirsi: a) stimato b) accettato c) importante d) necessario.

Per lui. “Ascoltata” non vuol dire che hai vagamente udito delle parole, mentre stavi solo pensando a come difendere il tuo orgoglio ferito. Si ascolta con il cuore, non con le orecchie. “Capita”. Non vuol dire che condividi tutto ciò che dice. “Rispettata”. Non vuol dire comprare la sua attenzione. È il rispetto che alza la quotazione. Vuol dire attenzione (“respìcere, in latino significa guardare”) al suo sentire senza invalidare il suo stato d’animo. Si rispetta ascoltando.

Per lei. Importante è lui qualsiasi cosa faccia. Fare sentire sinceramente importante qualcuno senza adularlo è un’arte essenziale per la comunicazione. Necessario. L’uomo è atavicamente “faber”. È miracoloso ciò che un uomo può fare quando si sente necessario. È lo stimolo migliore per farlo agire e migliorare, ma forse lo fai già con i tuoi dipendenti. La maniera migliore per stimolare qualcuno al miglioramento non è umiliarlo e criticarlo, ma fargli sentire che la squadra (in questo caso sei tu) ha bisogno di lui. Accettato. Non vuol dire che apprezzi ogni cosa che lui fa o dice. Ma se vuoi cambiare qualcuno, o meglio se vuoi che qualcuno (in questo caso, lui) cambi, prima apprezza ciò che fa di buono e dopo, ma solo dopo, suggerisci un’idea per migliorare. Non dimenticare che le frasi con il “ma” o  il “però” dette dopo un complimento lo rendono inutile. Prima suggerisci la tua, e dopo con il “però” dimostra il tuo apprezzamento: “Potremmo fare così, però sei veramente bravo in questo”.

Anche se sei una donna manager super emancipata, fagli sentire che hai bisogno di lui. Lascia la grinta da business woman in sala riunioni.

2) Per ottenere di più nella relazione, una donna deve prima apprezzare ciò che un uomo fa già – fossero anche cose molto piccole. Solo con l’accettazione e la stima un uomo è stimolato a dare e fare di più.

3) Evita di dare consigli non richiesti ad un uomo. C’è il pericolo di farlo sentire incompetente. Le donne si consigliano spontaneamente. Gli uomini no. Per correggerlo devi usare tatto. “Lo apprezzo, ma forse avremmo potuto fare così…”. Evita di dire: “Vedi? Hai sbagliato tutto”.

4) Quando una donna parla non prendere tutto alla lettera, anche se non sei un coach. Non vuol dire non ascoltarla, ma non prendere letteralmente alcune espressioni e soprattutto non farti colpire da queste nel tuo ego maschile.  “Non mi ascolti mai”, “Fai sempre così”. Certo, sono indicatori assoluti. Se vuoi innescare una lite, dì  pure “No, non è vero perché…”. Si chiama “mappa contro mappa”. Allo stesso tempo non ascolti e invalidi i sentimenti di chi si sta esprimendo, perché stai puntando tutto sulla tua difesa. Disastroso. Se sei un coach dì “Non ti ascolto mai, ho capito bene? Proprio mai? Ci sono volte in cui ti sei sentita ascoltata?”. Tuttavia non sei un coach, ma un amante, un marito o un fidanzato. Meglio se ascolti senza replicare. Calma. Non ti sta accusando. Sta solo riordinando le idee. La donna è analitica. L’uomo sintetico. Lei parla per capire. Lui parla per trasmettere la sintesi del suo pensiero.

5) Lui non è un uomo dell’età della pietra, ma certi istinti atavici rimangono nell’umanità. Quando lui è nella sua “caverna”, non disturbarlo. Non ti ha esclusa dalla sua vita. Ha bisogno di un momento solo per lui. È il momento peggiore per dire “parliamo”. In quel momento è l’ultima cosa che vuole fare. Rimanda, ok? Tornerà a comunicare con te tra poco.  La tua comprensione e la tua pazienza saranno ricompensate.

6) Apprezza i suoi sforzi. Lui è molto impegnato. Se ami un uomo di successo devi accettare che il tempo sia limitato, soprattutto se non ha frequentato un corso di time management. Siamo noi il padroni del nostro tempo. Ma tu hai capito che anche i suoi piccoli sforzi per ritagliare un tempo per voi vanno apprezzati moltissimo. Ricordati che un uomo che porta al cinema una donna si sente come se fosse lui il regista, lo sceneggiatore e il produttore del film. Dammi retta, apprezza ciò che fa e diglielo apertamente.

7) No al “Tu sei…”.  Evitiamo il più possibile la parolina di tre lettere che impatta a 100 all’ora contro il muro della propria identità e del proprio orgoglio, perché generalmente è detta in negativo. “Sei…”. Lasciamo il “sei” il più possibile alla matematica. Le critiche devono sempre essere costruttive e dette in modo che l’altro le recepisca. Altrimenti non sono critiche, ma solo sfoghi che gettano benzina sul fuoco. Se invece la dici al positivo, pensaci bene. Lui o lei è veramente la tua vita? Se sì, vai tranquillo.

8) Non c’è problema. A noi uomini i problemi piacciono. O meglio, ci piace trovare soluzioni ai problemi. Evita di dire a lei che non c’è problema. Resisti coraggiosamente all’ atavico istinto di fornire soluzioni seduta stante. Il problema può anche esserci e magari hai anche la soluzione. Aspetta. Prima dimostrati comprensivo e empatico. Solo dopo potrai indossare l’armatura per andare a sconfiggere il drago-problema per la tua donzella. Così non c’è problema.

9) Attendi. In caso di momenti di tensione è totalmente inutile una comunicazione logica. Attendi. Se una persona non è in grado di recepire un discorso o è in “sequestro emotivo”, attendi. Passerà. Dimostra empatia, comprensione silenziosa, evita di fornire soluzioni. Chi è in “K meno” non può ascoltarti in quel momento.

 10) Colpisci con la tua personalità. Da ultimo lascerei il trading al settore economico. Sono tanti gli uomini, anche intelligenti e di successo, che credono di impressionare una donna con la tecnica del pavone. Ci sono cose che non possono essere comprate. Non ricoprirla di regali. Non puoi comprarla, a meno che non voglia un rapporto mercenario. Il principe del film “Il principe e la ballerina” (1957) svela solo alla fine alla ballerina la sua posizione sociale, quando è sicuro dei sentimenti di lei. Oggi si fa troppo spesso il contrario. Si fa credere ciò che non si è per fare colpo. Colpisci con l’empatia, con la simpatia, con l’arguzia, con l’intelligenza, con la sensibilità, prima di correre da Bulgari. Potrebbe anche non essere necessario. Vinci per ciò che sei. Buon San Valentino!


10 cose da credere per motivarti al successo

 

di Giorgio Nadali

motivazione

Cosa succede nella mente di persone di grande successo? Se vuoi rimanere concentrato e persistente di fronte alle sfide, prova ad adottare alcune di queste mentalità positive e utili. Il successo arriva in molte forme diverse, e tutti noi abbiamo le nostre idee su cosa voglia dire ottenere dei risultati. Gli studi dimostrano, tuttavia, che tutti i vincenti hanno una visione simile della vita. Se hai difficoltà ad essere motivato, prova questi modi di pensare.

“Non impari a camminare seguendo le regole. Impari facendo e cadendo”. (Richard Branson)

 

1) Il successo conta più del potere. Le persone possono assumere posizioni manageriali se il loro obiettivo principale è l’autorità, ma le persone che ritagliano il proprio posto nel mondo tendono ad essere quelle che si sentono meglio con se stesse quando raggiungono qualcosa di importante. Il potere può essere necessario per raggiungere i tuoi obiettivi e realizzare qualcosa, ma è solo un mezzo, non un fine in sé. L’obiettivo è di sentire che hai fatto qualcosa che è significativo secondo i tuoi valori.

 

2) È una mia responsabilità. Le persone di successo tendono ad avere un ottimo autocontrollo e credono che i loro sforzi siano ciò che farà la differenza. L’obiettivo è quello di fare ciò che deve essere fatto e non aspettare che gli altri ti incoraggino o ti diano una direzione. Assumersi la responsabilità significa anche sapere quando chiedere aiuto.

 

3) È un’opportunità, non una minaccia. Quando arriva una sfida, i top performer sono più entusiasti della possibilità che offre di preoccuparsi di ciò che potrebbe accadere se dovesse andare storto. Sanno che niente che valga la pena di avere è facile, quindi la difficoltà è solo un segno che il progetto è utile.

 

4) Questo mi piacerà. La perseveranza porta le sue soddisfazioni. Rimanere concentrati a lungo termine può essere affrontato come un gioco, con ogni giorno in cui ti attieni ai tuoi obiettivi sentendoti come una vittoria. Se riesci a sentirti scherzoso riguardo ai tuoi sforzi, rischia di essere meno stressato: il senso di minaccia diminuisce e il divertimento aumenta.

 

5) Il talento non vale la pena preoccuparsi

L’abilità con cui sei nato può stabilire la base per un potenziale successo ma, senza pratica, il talento naturale non si svilupperà, proprio come un muscolo che non viene usato. Sebbene ci sia davvero poco da fare sugli attributi con cui siamo nati, c’è un granché che possiamo scegliere di fare con questi attributi Anche le persone di talento devono lavorare per continuare a sviluppare le loro abilità, quindi è più produttivo concentrarsi su ciò che si intende fare e imparare piuttosto che preoccuparsi se sei naturalmente “bravo” a farlo.

 

6) Il duro lavoro è impressionante. Le persone che eccellono in quello che fanno vedono il lavoro duro come ammirevole e le persone dedicate come interessanti. Si sentono bene con se stessi per vivere i loro valori e sono disposti a lavorare duramente nel tempo.

 

7) Il fallimento non significa molto. Se qualcosa non funziona le prime volte, le persone di successo tendono a spazzolarle come un processo di apprendimento e andare avanti. Ci vogliono molte più battute d’arresto prima che inizino a considerare qualcosa di impossibile.

 

8) Non bruciare ponti. Potresti non piacere a qualcuno, ma potresti ancora dover lavorare con loro in futuro. Anche se non lo fai, avere avversari non fa bene alla tua reputazione. È molto più facile e meno stressante rimanere almeno ragionevolmente civile ed essere conosciuto come qualcuno con cui è facile collaborare. Non sai mai chi potrebbe arrivare a conoscere il tuo comportamento, quindi è sempre utile essere professionale.

 

9) Non rimanere bloccati. Fare sempre le stesse cose non ci migliora. Ciò che funziona è la “pratica deliberata” – cioè, praticando costantemente a un livello leggermente più alto della nostra zona di comfort.

 

10) Qual è il mio prossimo passo? Ci sviluppiamo continuamente man mano che procediamo, quindi è probabile che i tuoi obiettivi cambino man mano che progredisci. I migliori raggiungono un feedback regolare nei loro programmi e identificano cosa fare in base alle nuove informazioni. Valuta e aggiorna i tuoi obiettivi man mano che continui ad apprendere.

 

PIÙ PRODUTTIVA. La società di consulenza globale Hay Group ha riscontrato che le aziende con dipendenti motivati erano il 43% più produttive rispetto ai luoghi di lavoro con personale immotivato.

LAVORATI IMPEGNATI Un sondaggio Gallup del 2014 ha rilevato che, mentre meno di un terzo dei dipendenti americani erano motivati e assorbiti dal loro lavoro, i livelli di impegno erano al massimo dal 2000 – quando solo il 26% era impegnato. Fai in modo che i tuoi affari si identifichino e cerchino tali persone – la loro motivazione si nutre della tua.

17,5% Non impegnato: attivamente infelice e scontento

31,5% Impegnato. Motivatoi e appassionato del lavoro

51% Non impegnato: Fa il suo lavoro senza entusiasmo o sforzi extra


Brand Journalism si presenta. La nuova frontiera del Brand Reputation. E i signori “abbiamo fatto sempre così” rimangono al palo.

brand-journalism-small copia

Sempre più aziende, finalmente anche in Italia, decidono di applicare le strategie del brand journalism

per incrementare la brand awareness (la notorietà del proprio marchio). Per brand journalism

(traducibile in italiano con giornalismo d’impresa), s’intende quel tipo di giornalismo che si occupa

della comunicazione di tutto ciò che ruota attorno a un marchio (brand) con lo scopo fondamentale

di informare i lettori e farli appassionare sulla storia dell’azienda e i suoi prodotti attraverso gli strumenti

e le regole proprie del professionista che opera nei mass media.

Il brand journalist si occupa della storia del brand e dell’elaborazione di notizie che lo riguardano.

In poche parole, il giornalista comunica storie, informando i lettori e offrendo in questo modo un servizio

per aziende e consumatori.

 

Inoltre gli articoli non sono dei semplici e freddi comunicati stampa che vengono forniti da un qualsiasi

ufficio stampa (anche se possiamo fornire anche quelli), ma delle storie autentiche che ruotano attorno

al brand e fanno appassionare il lettore sull’utilità per lui o lei di un acquisto. Ciò che il pubblico si chiede

è infatti “perché dovrei comprare questo prodotto e proprio da te? Cosa puoi fare tu per me?” secopndo la regola

chiamata WIIFM: What’s In It For Me? «Cosa c’è qui dentro PER ME?» 

CHIEDITI SEMPRE COSA C’E’ LI’ DENTRO PER IL CLIENTE

Personalmente unisco gli skill di giornalista iscritto all’Ordine dei Giornalisti (garanzia di professionalità)

a quella di business coach, sempre nell’intertesse del Cliente che vuole aumentare la sua capacità di penetrazione su

un mercato sempre più competitivo.

 

Qualche mio esempio:

Il frutto della salute si racconta

Il colloquio di lavoro del Signor Magnesio Cloruro

 

Due delle più grandi convinzioni limitanti sono la paura di cambiare e la paura del fallimento.

Un vero peccato. Quante aziende potrebbero spiccare il volo verso cieli più alti, se solo ne avessero il coraggio!

Secondo Manzoni “il coraggio uno non se lo può dare”, come dice Don Abbondio.

Questo vale forse per lui, ma certamente non per un CEO di successo!

Dopotutto, Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto. (Thomas Jefferson).

Per molti è troppo difficile. E i signori “abbiamo fatto sempre così” rimangono al palo.

 

Mio è anche lo speciale corso Tecniche, parole vincenti e strategie potenti per il Business e la Vendita

che incrementa le vendite del 25% in tre mesi (dati alla mano).

 

stampa@giorgionadali.com