Prendi il coraggio e mettilo nell’animo di chi non sa lottare

Di Giorgio Nadali

“Prendi il coraggio e mettilo nell’animo di chi non sa lottare”. Chi avrebbe mai accusato Il Mahatma Gandhi di incitare alla violenza per una frase così? Perché in politica – e non solo – il verbo lottare non è sinonimo di violenza. Eppure il 2021 è iniziato con l’accusa  al Presidente Trump di incitamento alla violenza. Un pretesto per imbavagliare la libertà di opinione e di espressione. Centinaia di migliaia di persone in rappresentanza dei 75 milioni di votanti di Trump (famiglie, uomini quasi tutti senza corna, donne, giovani) si sono pacificamente radunati nella capitale degli USA. Una manifestazione pacifica seguita da una marcia di protesta. Assolutamente lecito (sino ad oggi). Il fatto che qualche centinaio di facinorosi (da condannare) abbiano assaltato il Campidoglio non può essere usato come pretesto per una messa in stato di accusa del Presidente uscente. E’ tipico della sinistra delegittimizzare gli avversari e giudicare con due pesi e due misure, questo lo sappiamo. Ora però stiamo assistendo a qualcosa d’altro. Qualcosa che avrà dei risvolti inimmaginabili nel Paese più potente del mondo e modello della democrazia. E se pensi che non ne sarai coinvolto…

Ecco la trascrizione tradotta in italiano del discorso del Presidente Trump alla manifestazione del 6 gennaio scorso . Ognuno giudichi secondo coscienza e senza pregiudizi.

Donald Trump: (02:44)

I media non mostreranno l’entità di questa folla. Anche io, quando mi sono acceso oggi, ho guardato e ho visto migliaia di persone qui, ma non vedi centinaia di migliaia di persone dietro di te perché non vogliono dimostrarlo. Abbiamo centinaia di migliaia di persone qui e voglio solo che vengano riconosciute dai media di notizie false. Per favore, capovolgi le telecamere e mostra cosa sta realmente accadendo qui perché queste persone non ce la faranno più. Non ce la faranno più. Vai avanti. Trasforma le tue telecamere, per favore. Mi mostreresti? Sono arrivati ​​da tutto il mondo, in realtà, ma da tutto il nostro paese. Voglio solo vedere cosa fanno. Voglio solo vedere come hanno coperto. Non ho mai visto niente di simile. Ma sarebbe davvero fantastico se potessimo essere coperti in modo equo dai media. I media sono il problema più grande che abbiamo per quanto mi riguarda, il problema più grande, le notizie false e la grande tecnologia. La grande tecnologia ora sta entrando in gioco. Li abbiamo battuti quattro anni fa. Li abbiamo sorpresi. Li abbiamo colti di sorpresa e quest’anno hanno truccato un’elezione. L’hanno truccato come se non avessero mai truccato un’elezione prima. A proposito, la scorsa notte non hanno fatto nemmeno un brutto lavoro, se noti. Sono onesto. Voglio solo ringraziarti di nuovo. È solo un grande onore avere questo tipo di folla ed essere davanti a te. Centinaia di migliaia di patrioti americani si sono impegnati per l’onestà delle nostre elezioni e l’integrità della nostra gloriosa Repubblica. Tutti noi qui oggi non vogliamo vedere la nostra vittoria elettorale rubata da democratici radicali di sinistra incoraggiati, che è quello che stanno facendo e rubata dai media di notizie false. Questo è quello che hanno fatto e quello che stanno facendo. Non ci arrenderemo mai. Non ammetteremo mai, non succede. Non ammetti quando è coinvolto un furto.

Donald Trump: (04:42)

Il nostro paese ne ha avuto abbastanza. Non ce la faremo più ed è di questo che si tratta. Per usare un termine preferito che tutti voi avete davvero inventato, interromperemo il furto. Oggi esporrò solo alcune delle prove che dimostrano che abbiamo vinto queste elezioni, e le abbiamo vinte con una schiacciata. Questa non è stata un’elezione ravvicinata. A volte dico scherzosamente, ma non scherzo, sono stato a due elezioni. Li ho vinti entrambi e il secondo, ho vinto molto più grande del primo. Quasi 75 milioni di persone hanno votato per la nostra campagna, la maggior parte di qualsiasi presidente in carica di gran lunga nella storia del nostro paese, 12 milioni di persone in più rispetto a quattro anni fa. I veri sondaggisti mi hanno detto che abbiamo dei sondaggi veri. Sanno che avremmo fatto bene e avremmo vinto. Quello che mi è stato detto, se sono passato da 63 milioni, che avevamo quattro anni fa, a 66 milioni, non c’era possibilità di perdere. Beh, non siamo andati a 66. Siamo andati a 75 milioni e dicono che abbiamo perso. Non abbiamo perso.

Donald Trump: (06:08)

A proposito, qualcuno crede che Joe avesse 80 milioni di voti? Qualcuno ci crede? Aveva 80 milioni di voti dal computer. È una vergogna. Non c’è mai stato niente del genere. Potresti prendere paesi del terzo mondo. Dai un’occhiata, prendi i paesi del terzo mondo. Le loro elezioni sono più oneste di quello che abbiamo passato in questo paese. È una vergogna. È una vergogna. Anche quando guardi la notte scorsa, corrono tutti come galline con la testa tagliata da scatole. Nessuno sa cosa diavolo stia succedendo. Non c’è mai stato niente di simile. Non lasceremo che zittiscano le tue voci. Non lasceremo che accada. Non lascerò che accada.

Folla: (07:11)

Combatti per Trump! Combatti per Trump! Combatti per Trump!

Donald Trump: (07:11)

Grazie. Mi piacerebbe avere, se a quelle decine di migliaia di persone fosse consentito, l’esercito, i servizi segreti e vogliamo ringraziare te e le forze dell’ordine. Grande. Stai facendo un ottimo lavoro, ma mi piacerebbe se potessero essere autorizzati a venire qui con noi. È possibile? Puoi lasciarli salire, per favore? Rudy, hai fatto un ottimo lavoro. Ha fegato. Sai cosa? Ha fegato, a differenza di molte persone nel partito repubblicano. Ha fegato, combatte. Combatte e te lo dirò. Grazie mille, John. Lavoro fantastico. Ho guardato. È un atto difficile da seguire, quei due. John è uno degli avvocati più brillanti del paese, e ha guardato questo e ha detto: “Che vergogna assoluta, che questo potrebbe accadere alla nostra costituzione”. Ha guardato Mike Pence, e spero che Mike farà la cosa giusta.

Donald Trump: (08:09)

Lo spero. Lo spero perché se Mike Pence fa la cosa giusta, vinciamo le elezioni. Tutto quello che deve fare. Questo è del numero uno o sicuramente uno dei migliori avvocati costituzionali del nostro paese. Ha il diritto assoluto di farlo. Dobbiamo proteggere il nostro paese, sostenere il nostro paese, sostenere la nostra costituzione e proteggere la nostra costituzione. Gli Stati vogliono revote. Gli Stati Uniti sono stati frodati. Sono state fornite informazioni false. Lo hanno votato. Ora vogliono ricertificare. Lo rivogliono indietro. Tutto ciò che il vicepresidente Pence deve fare è rimandarlo negli Stati Uniti per ricertificare, e noi diventiamo presidente, e voi siete le persone più felici.

Donald Trump: (09:08)

Ho appena parlato con Mike. Ho detto: “Mike, non ci vuole coraggio. Ciò che richiede coraggio è non fare nulla. Ci vuole coraggio ”, e poi siamo bloccati con un presidente che ha perso di molto le elezioni, e dobbiamo conviverci per altri quattro anni. Semplicemente non lasceremo che accada. Molti di voi hanno viaggiato da tutta la nazione per essere qui, e voglio ringraziarvi per lo straordinario amore. Ecco cos’è. Non c’è mai stato un movimento come questo mai, mai per lo straordinario amore per questo fantastico paese e questo fantastico movimento. Grazie.

Folla: (09:44)

Amiamo Trump! Amiamo Trump! Amiamo Trump!

Donald Trump: (09:59)

A proposito, questo risale al passato del monumento a Washington. Ci credi? Guarda questo. Sfortunatamente, hanno dato alla stampa i primi posti. Non lo sopporto. No, ma guardi quello dietro. Vorrei che capovolgessero quelle telecamere e guardassero dietro di te. Questo è lo spettacolo più sorprendente. Quando commettono un errore, puoi vederlo in televisione. Incredibile, fantastico, fin dall’inizio. Non preoccuparti. Non toglieremo il nome dal monumento a Washington. Noi non. Annulla cultura. Volevano sbarazzarsi del Jefferson Memorial, o portarlo giù o semplicemente mettere qualcun altro lì dentro. Non credo che succederà. È dannatamente meglio di no. Anche se con questa amministrazione, se questo accade, potrebbe accadere. Vedrai accadere cose davvero brutte.

Donald Trump: (10:54)

A proposito, metteranno fuori combattimento anche Lincoln. Hanno demolito la sua statua, ma poi abbiamo firmato una piccola legge. Hai ferito i nostri monumenti, hai ferito i nostri eroi, sei andato in prigione per 10 anni e tutto si è fermato. L’hai notato? Si fermò. Tutto si è fermato. Potrebbero usare Rudy a New York City. Rudy, potrebbero usarti. La tua città andrà all’inferno. Vogliono Rudy Giuliani a New York. Avremo una versione un po ‘più giovane di Rudy. Va bene, Rudy?

Donald Trump: (11:25)

Siamo riuniti nel cuore del Campidoglio della nostra nazione per un motivo molto, molto basilare e semplice, per salvare la nostra democrazia. La maggior parte dei candidati la sera delle elezioni, e ovviamente questa cosa va avanti così a lungo, non hanno ancora idea di cosa siano i voti. Abbiamo ancora i seggi del Congresso in fase di revisione. Non ne hanno idea. Hanno perso totalmente il controllo. Hanno usato la pandemia come un modo per frodare le persone in una corretta elezione. Ma quando vedi questo e quando vedi cosa sta succedendo, numero uno, tutti dicono: “Signore, non lasceremo che accada di nuovo”. Ho detto: “Va bene, ma circa otto settimane fa?” Provano a farti andare. Dicono: “Signore, tra quattro anni, sei garantito”. Ho detto: “Non sono interessato in questo momento. Fammi un favore, torna indietro di otto settimane. Voglio tornare indietro di otto settimane. Torniamo indietro di otto settimane. ” Vogliamo tornare indietro, e vogliamo farlo bene perché avremo qualcuno lì dentro che non dovrebbe essere lì e il nostro paese sarà distrutto, e non lo sopporteremo.

Donald Trump: (12:34)

Per anni i Democratici se la sono cavata con frodi elettorali e repubblicani deboli, e questo è quello che sono. Ci sono così tanti repubblicani deboli. Ne abbiamo di grandi, Jim Jordan e alcuni di questi ragazzi. Sono là fuori a combattere contro la Camera. I ragazzi stanno combattendo, ma è incredibile. Molti repubblicani li ho aiutati a entrare. Li ho aiutati a essere eletti. Ho aiutato Mitch a farsi eleggere. Potrei nominarne 24, diciamo. Non ti annoierò, e poi all’improvviso avrai qualcosa del genere. È come, “Caspita, forse parlerò con il presidente qualche tempo dopo”. No, è fantastico. I repubblicani deboli, sono repubblicani patetici ed è quello che succede. Se questo fosse successo ai Democratici, ci sarebbe stato un inferno in tutto il paese. Ci sarebbe l’inferno in tutto il paese. Ma ricorda questo. Sei più forte, sei più intelligente. Hai più cose da fare di chiunque altro, e cercano di sminuire chiunque abbia a che fare con noi, e tu sei le persone reali. Sei le persone che hanno costruito questa nazione. Non siete le persone che hanno distrutto la nostra nazione.

Donald Trump: (13:45)

I repubblicani deboli, e basta. Ci credo davvero. Penso che userò il termine, i repubblicani deboli. Ne hai molti e molti fantastici, ma ne hai molti deboli. Hanno chiuso un occhio anche se i Democratici hanno promulgato politiche che hanno scalfito i nostri posti di lavoro, indebolito le nostre forze armate, spalancato i nostri confini e messo l’America per ultima. Hai visto l’altro giorno dove Joe Biden ha detto: “Voglio sbarazzarmi della prima politica americana”. Di cosa si tratta, sbarazzarsi di …? Come si dice: “Voglio sbarazzarmi prima dell’America?” Anche se hai intenzione di farlo, non parlarne. Incredibile, quello che dobbiamo affrontare, quello che dobbiamo affrontare e tu devi convincere la tua gente a combattere. Se non combattono, dobbiamo dare la priorità a quelli che non combattono. Li primari. Ti faremo sapere chi sono. Te lo posso già dire, francamente.

Donald Trump: (14:39)

Ma quest’anno, usando il pretesto del virus cinese e la truffa dei voti per corrispondenza, i democratici hanno tentato il furto elettorale più sfacciato e oltraggioso. Non c’è mai stato niente di simile. È un puro furto nella storia americana, lo sanno tutti. Quelle elezioni, la nostra elezione si è conclusa alle 10:00 di sera. Stiamo guidando Pennsylvania, Michigan, Georgia per centinaia di migliaia di voti, e poi la sera tardi o la mattina presto, boom, queste esplosioni e queste stronzate, e tutto ad un tratto. All’improvviso è iniziato a succedere.

Folla: (15:25)

[inudibile 00:15:25]

Donald Trump: (15:35)

Non dimenticare quando Romney è stato battuto. Romney. Chissà se ieri sera gli è piaciuto il volo? Ma quando Romney è stato picchiato, si alza in piedi come se fossi più tipico. Bene, vorrei congratularmi con il vincitore, il vincitore. Chi è stato il vincitore, Mitt? Vorrei congratularmi. Non vanno a guardare i fatti. Adesso non lo so. Probabilmente è stato massacrato, forse andava bene. Forse è quello che è successo. Ma guardiamo ai fatti e la nostra conferenza è stata così corrotta che nella storia di questo paese, non abbiamo mai visto niente di simile. Puoi tornare indietro. L’America è benedetta dalle elezioni in tutto il mondo. Parlano delle nostre elezioni. Sai cosa dice il mondo di noi adesso? Hanno detto che non abbiamo elezioni libere ed eque e sai cos’altro? Non abbiamo una stampa libera ed equa.

Donald Trump: (16:25)

I nostri media non sono gratuiti. Non è giusto. Sopprime il pensiero. Sopprime la parola ed è diventato il nemico del popolo. È diventato il nemico del popolo. È il problema più grande che abbiamo in questo paese. Nessun paese del terzo mondo tenterebbe nemmeno di fare ciò che li abbiamo sorpresi a fare e ne sentirai parlare in pochi minuti. I repubblicani combattono costantemente come un pugile con le mani legate dietro la schiena. È come un pugile e vogliamo essere così gentili. Vogliamo essere così rispettosi di tutti, comprese le persone cattive. Dovremo combattere molto più duramente e Mike Pence dovrà affrontare per noi. Se non lo farà, sarà un giorno triste per il nostro paese perché hai giurato di sostenere la nostra costituzione. Ora spetta al Congresso affrontare questo grave assalto alla nostra democrazia. Dopo questo, scendiamo e io sarò lì con te. Stiamo andando a scendere. Cammineremo con chiunque tu voglia, ma penso proprio qui. Andremo a piedi in Campidoglio e faremo il tifo per i nostri coraggiosi senatori, membri del Congresso e donne. Probabilmente non tiferemo così tanto per alcuni di loro perché non riprenderai mai il nostro paese con debolezza. Devi mostrare forza e devi essere forte.

Donald Trump: (18:16)

Siamo giunti a chiedere al Congresso di fare la cosa giusta e di contare solo gli elettori che sono stati legalmente iscritti, legalmente iscritti. So che presto tutti qui marceranno verso il Campidoglio per far sentire pacificamente e patriotticamente le vostre voci. Oggi vedremo se i repubblicani sono forti per l’integrità delle nostre elezioni, ma se sono forti o meno per il nostro paese, il nostro paese. Il nostro Paese è sotto assedio da molto tempo, molto più a lungo di questo periodo di quattro anni. L’abbiamo impostato su una rotta molto più dritta, molto … pensavo altri quattro anni. Ho pensato che sarebbe stato facile. Abbiamo creato-

Donald Trump: (19:03)

Altri quattro anni, ho pensato che sarebbe stato facile. Abbiamo creato la più grande economia della storia. Abbiamo ricostruito il nostro esercito. Ti procuriamo i più grandi tagli fiscali della storia. Ti abbiamo procurato i maggiori tagli alle normative. Nessun presidente, che siano quattro, otto anni o in un caso di più, si è avvicinato ai tagli regolamentari. Ci volevano 20 anni per ottenere l’approvazione di un’autostrada. ora siamo scesi a due. Voglio ridurlo a uno, ma siamo a due. E potrebbe essere rifiutato per motivi ambientali o di sicurezza, ma l’abbiamo eliminato. Abbiamo creato Space Force. Guarda cosa abbiamo fatto. Il nostro esercito è stato completamente ricostruito. Quindi creiamo Space Force, che di per sé è un risultato importante per un’amministrazione. E con noi è una delle tante cose diverse.

Donald Trump: (19:52)

Diritto di provare. Tutti sanno che è giusto provare. Abbiamo fatto cose che nessuno pensava fossero possibili. Ci siamo presi cura dei nostri veterinari. I nostri veterinari, il VA ora ha il punteggio più alto, 91%, il punteggio più alto che ha avuto dall’inizio, il 91% di approvazione. Guardi sempre il VA, quando era in televisione. Ogni notte la gente vive in maniera orribile, orribile. Ce l’abbiamo fatta. Abbiamo fatto la responsabilità. Abbiamo capito che ora in Virginia non devi aspettare quattro settimane, sei settimane, otto settimane, quattro mesi per vedere un dottore. Se non riesci a trovare un dottore, esci fuori, chiami il dottore, li fai curare. E paghiamo il dottore. E non solo abbiamo reso la vita meravigliosa per così tante persone, abbiamo risparmiato enormi quantità di denaro, molto secondariamente, ma abbiamo risparmiato molti soldi.

Donald Trump: (20:49)

E ora abbiamo il diritto di licenziare i cattivi in ​​Virginia. Avevamo 9000 persone che trattavano i nostri veterani in modo orribile. In prima serata, non avrebbero trattato male i nostri veterani. Ma hanno trattato i nostri veterani in modo orribile. E abbiamo quello che viene chiamato VA Accountability Act. E la responsabilità dice che se vediamo qualcuno lì dentro che non tratta bene i nostri veterinari, o ruba, rapina, fa le cose male. Diciamo: “Joe, sei licenziato. Vai fuori di qui.” Prima che tu non potessi farlo. Non potevi farlo prima.

Donald Trump: (21:24)

Quindi ci siamo presi cura delle cose. Abbiamo fatto cose che nessuno avrebbe mai pensato possibile. E questo è uno dei motivi per cui non piacciamo a molte persone, perché abbiamo fatto troppo, ma lo abbiamo fatto velocemente. E stavamo per sederci a casa e guardare una grande vittoria. E tutti ci hanno convinto per una vittoria. Sarebbe stato fantastico. E ora siamo qui fuori a combattere. Ho detto a qualcuno, stavo per prendermi qualche giorno e rilassarmi dopo la nostra grande vittoria elettorale. Alle dieci era finita. Ma stavo per prendere alcuni giorni.

Donald Trump: (21:52)

E posso dire questo, dalla nostra elezione, credo, che è stata una catastrofe quando guardo e anche questi ragazzi sapevano cosa è successo, sanno cosa è successo. Dicono: “Wow, la Pennsylvania è insormontabile. Wow, Wisconsin, guarda i grandi lead che abbiamo avuto. ” Anche se la stampa ha detto che avremmo perso il Wisconsin di 17 punti. Anche se la stampa ha detto che l’Ohio sarà vicino, abbiamo stabilito un record. La Florida sarà vicina, abbiamo stabilito un record. Il Texas sarà vicino. Il Texas sarà vicino, abbiamo stabilito un record. E abbiamo stabilito un record con gli ispanici, con la comunità nera. Abbiamo stabilito un record con tutti.

Donald Trump: (22:36)

Oggi, però, assistiamo a un evento molto importante, perché proprio lì, proprio lì, vediamo l’evento che avrà luogo. E starò a guardare, perché la storia verrà fatta. Vedremo se abbiamo leader grandi e coraggiosi o se abbiamo leader che dovrebbero vergognarsi di se stessi nel corso della storia, per tutta l’eternità, si vergogneranno. E tu sai cosa? Se fanno la cosa sbagliata, non dovremmo mai dimenticare che l’hanno fatto. Non dimenticare mai. Non dovremmo mai dimenticare. Con solo tre dei sette stati in questione, vinciamo la presidenza degli Stati Uniti.

Donald Trump: (23:21)

E a proposito, è molto più importante oggi di quanto non fosse 24 ore fa. Perché ho parlato con David Perdue, che persona fantastica, e Kelly Loeffler, due persone fantastiche, ma era una messa a punto. E ho detto: “Non abbiamo più retrovie”. L’unica linea di fondo, l’unica linea di demarcazione, l’unica linea che abbiamo è il veto del presidente degli Stati Uniti. Quindi questo è quello che stiamo facendo adesso, un’elezione molto più importante di due giorni fa.

Donald Trump: (23:59)

Voglio ringraziare gli oltre 140 membri della Camera. Quelli sono guerrieri. Sono laggiù che lavorano come non hai mai visto prima, studiano, parlano, in realtà tornano indietro, studiano le radici della Costituzione, perché sanno che abbiamo il diritto di inviare un voto negativo ottenuto illegalmente, loro hanno dato a queste persone cose cattive da votare e hanno votato, perché cosa sapevano? E poi, quando lo scoprirono, poche settimane dopo … Ancora una volta, ci vollero quattro anni per ideare la storia. E l’unica persona infelice negli Stati Uniti, single più infelice, è Hillary Clinton perché ha detto: “Perché non hai fatto questo per me quattro anni fa? Perché non l’hai fatto per me quattro anni fa? Cambia i voti! 10.000 nel Michigan. Avresti potuto cambiare tutto! ” Ma non è troppo felice. Ti accorgi che non la vedi più. Quello che è successo? Dov’è Hillary? Dov’è lei?

Donald Trump: (24:57)

Ma voglio ringraziare tutti quei membri del Congresso e quelle donne. Voglio anche ringraziare i nostri 13 membri più coraggiosi del Senato degli Stati Uniti, il senatore Ted Cruz, il senatore Ron Johnson, il senatore Shadowless, Kelly Loeffler. E Kelly Loeffler, te lo dico io, è stata fantastica. Lavora così duramente. Quindi diamo a lei e David una piccola testa speciale, perché è stata truccata contro di loro. Diamo a lei e David. Kelly Loeffler, David Perdue. Hanno combattuto una bella gara. Non hanno mai avuto una possibilità. Quell’attrezzatura non avrebbe mai dovuto essere usata, e stavo dicendo a queste persone di non permettere loro di usare questa roba. Marsha Blackburn, persona fantastica. Mike Braun, Indiana. Disinvestito, bravo ragazzo. Bill Hagerty, John Kennedy, James Lankford, Cynthia Lummis. Tommy Tuberville, all’allenatore. E Roger Marshall. Vogliamo ringraziarli, senatori che si sono fatti avanti, vogliamo ringraziarli.

Donald Trump: (26:04)

In realtà penso che ci voglia, ancora una volta, più coraggio per non farsi avanti. E penso che molte di quelle persone lo scopriranno, ed è meglio che inizi a guardare alla tua leadership perché la leadership ti ha portato giù per i tubi. “Non vogliamo dare $ 2000 alle persone. Vogliamo dare loro $ 600 “. Oh grande. Come funziona politicamente? Piuttosto buono? E questo non ha niente a che fare con la politica. Ma come gioca politicamente? La Cina ha distrutto queste persone. Non abbiamo distrutto. La Cina li ha distrutti, completamente distrutti. Vogliamo dare loro $ 600 e semplicemente non cambierebbero. Ho detto: “Dai loro $ 2000. Lo rimborseremo. Lo rimborseremo velocemente. Devi già 26 trilioni. Dagli un paio di dollari. Lasciali vivere. Dagli un paio di dollari! ”

Donald Trump: (26:57)

E alcune delle persone qui non sono d’accordo con me su questo. Ma io dico solo, guarda, devi lasciare che le persone vivano. E come funziona però? Ok, numero uno, è la cosa giusta da fare. Ma come funziona politicamente? Penso che sia la ragione principale, una delle ragioni principali, l’altra era solo un puro imbroglio. Questa era la ragione principale. Ma non puoi farlo. Devi usare la tua testa.

Donald Trump: (27:19)

Come sapete, i media hanno costantemente affermato la scandalosa menzogna secondo cui non c’erano prove di frodi diffuse. Hai mai visto queste persone? “Anche se non ci sono prove di frode …” Oh, davvero? Bene, vi leggerò le pagine. Spero che non ti annoi ad ascoltarlo. Promettere? Non annoiarti ad ascoltarlo, tutte quelle centinaia di migliaia di persone là dietro. Spostali su, per favore. Si. Tutte queste persone non si annoiano. Non arrabbiarti con me perché ti annoierai perché è così tanto. Il popolo americano non crede più alle fake news corrotte. Hanno rovinato la loro reputazione.

Donald Trump: (27:57)

Ma una volta litigavano con me, io combattevo. Quindi combatterei, combatterebbero. Combatterei, combatterei. Boop-boop. Mi crederesti, gli crederesti. Qualcuno esce. Avevano il loro punto di vista, io avevo il mio punto di vista. Ma avresti una discussione. Ora quello che fanno è tacere. Si chiama soppressione. Ed è quello che succede in un paese comunista. È quello che fanno. Sopprimono. Non combatti più con loro, a meno che non sia un male. Hanno una piccola brutta storia su di me, la peggioreranno 10 volte ed è un titolo importante. Ma Hunter Biden, non parlano di lui. Cosa è successo a Hunter? Dov’è Hunter? Dov’è Hunter? Non parlano di lui.

Donald Trump: (28:34)

Ora guarda che tutti i set si spengono. Beh, non possono farlo perché ottengono buoni voti. Le valutazioni sono troppo buone. Dov’è Hunter? E come mai a Joe è stato permesso di dare un miliardo di dollari per sbarazzarsi del pubblico ministero in Ucraina? Come succede? Ti farei questa domanda. Come succede? Riesci a immaginare se lo dicessi? Se dicessi che sarebbe una partita completamente diversa. E come mai Hunter ottiene tre milioni e mezzo di dollari dalla moglie del sindaco di Mosca, e ottiene centinaia di migliaia di dollari per sedersi su un consiglio di amministrazione anche se ammette di non avere alcuna conoscenza di energia e milioni di dollari in anticipo, e come mai entrano in Cina e se ne vanno con miliardi di dollari da gestire? “Hai gestito denaro prima?” “No, non l’ho fatto.” “Oh questo è un bene. Eccone circa 3 miliardi. ”

Donald Trump: (29:29)

No, non ne parlano. No, abbiamo un media corrotto. Sono diventati silenziosi. Sono morti. Ora mi rendo conto di quanto fosse bello tornare indietro di 10 anni. Mi sono reso conto di quanto bravo, anche se non lo amavo necessariamente, ho capito quanto fosse bello come un movimento di purificazione. Ma non lo abbiamo più. Non abbiamo più un media equo. È soppressione e devi stare molto attento con questo. E hanno perso tutta la credibilità in questo paese. Non ci lasceremo intimidire nell’accettare le bufale e le bugie a cui siamo stati costretti a credere nelle ultime settimane. Abbiamo accumulato prove schiaccianti su una falsa elezione. Questa è l’elezione presidenziale. La scorsa notte è andata un po ‘meglio a causa del fatto che avevamo molti occhi che osservavano uno stato specifico, ma hanno comunque imbrogliato a morte.

Donald Trump: (30:27)

Hai uno dei governatori più stupidi degli Stati Uniti. E quando l’ho appoggiato, non conoscevo questo ragazzo. Su richiesta di David Perdue. Ha detto: “Un mio amico è in corsa per il governatore, come si chiama”. E tu sai il resto. Era al quarto posto, al quinto posto. Non lo so. Era così … Stava andando male. L’ho approvato. È andato come un razzo e ha vinto. E poi ho dovuto battere Stacey Abrams con questo ragazzo, Brian Kemp. Ho dovuto battere Stacey Abrams e ho dovuto battere Oprah, una mia amica. Ero al suo ultimo spettacolo. La sua ultima settimana ha scelto le cinque persone eccezionali. Non credo che lo pensi più. Una volta che mi sono candidato alla presidenza, non ho notato che c’erano troppe chiamate in arrivo da Oprah. Che tu ci creda o no, le piacevo, ma ero una delle cinque persone eccezionali.

Donald Trump: (31:17)

E ho fatto una campagna contro Michelle Obama e Barack Hussein Obama contro Stacey. E avevo Brian Kemp, pesa 130 libbre. Ha detto che ha giocato in linea offensiva nel calcio. Sto cercando di capirlo. Sto ancora cercando di capirlo. Ha detto che l’altra sera, “Ero un guardalinee offensivo”. Sto dicendo: “Davvero? Deve essere stata una squadra davvero piccola. ” Ma guardo quello e guardo quello che è successo, e si è rivelato un disastro. Questa roba accade.

Donald Trump: (31:50)

Senti, non sono contento della Corte Suprema. Amano governare contro di me. Ho scelto tre persone. Ho combattuto come un inferno per loro, uno in particolare ho combattuto. Tutti dissero: “Signore, liberalo. Ci sta uccidendo. ” I senatori, senatori molto leali. Sono persone molto leali. “Signore, liberatelo. Ci sta uccidendo, signore. Liberatelo, signore. ” Devo aver preso la metà dei senatori. Ho detto: “No, non posso farlo. È ingiusto con lui. Ed è ingiusto nei confronti della famiglia. Non ha fatto niente di male. Sono storie inventate. ” Erano tutte storie inventate. Non ha fatto niente di male. “Liberatelo, signore.” Ho detto: “No, non lo farò”. L’abbiamo fatto passare. E tu sai cosa? Non potevano fregarsene. Non potevano fregarsene. Lascia che governino nel modo giusto, ma sembra quasi che stiano tutti facendo di tutto per ferirci tutti e per ferire il nostro paese. Per ferire il nostro paese.

Donald Trump: (32:40)

Recentemente ho letto un articolo su uno dei giornali su come controllo i tre giudici della Corte Suprema. Li controllo io. Sono burattini. L’ho letto di Bill Barr, che è il mio avvocato personale. Che farà qualsiasi cosa per me. E ho detto: “È davvero geniale”, perché quello che fanno è quello, e rende davvero impossibile per loro darti una vittoria, perché all’improvviso Bill Barr è cambiato, se non l’avessi notato. Mi piace Bill Barr, ma è cambiato, perché non voleva essere considerato il mio avvocato personale. E la Corte Suprema si pronunciano contro di me così tanto. Tu sai perché? Perché la storia è che non ho parlato con nessuno di loro, nessuno di loro, dal momento che praticamente sono entrati. Ma la storia è che sono il mio burattino. Che sono burattini. E ora che è l’unico modo per uscirne, perché lo odiano, non va bene sul circuito sociale. E l’unico modo per uscirne è governare contro Trump. Quindi governiamo contro Trump, e lo fanno. Quindi voglio congratularmi con loro.

Donald Trump: (33:41)

Ma ti mostra il genio dei media. In effetti, probabilmente, se fossi un media, lo farei allo stesso modo. Odio dirlo. Ma dobbiamo metterli a posto. Oggi, per il bene della nostra democrazia, per il bene della nostra Costituzione e per il bene dei nostri figli, esponiamo il caso affinché il mondo intero possa ascoltare. Lo vuoi sentire?

Folla: (34:04)

Sì!

Donald Trump: (34:06)

In ogni singolo stato altalenante, funzionari locali, funzionari statali, quasi tutti i Democratici hanno apportato modifiche illegali e incostituzionali alle procedure elettorali senza le approvazioni obbligatorie dei legislatori statali, che hanno aperto la strada a frodi su una scala mai vista prima. E penso che se lo dico faremmo molta strada fuori dal nostro paese.

Donald Trump: (34:34)

Quindi, in poche parole, non è possibile modificare il voto per un’elezione federale a meno che il legislatore statale non lo approvi. Nessun giudice può farlo. Nessuno può farlo, solo un legislatore. Quindi, ad esempio in Pennsylvania o altro, hai una legislatura repubblicana, hai un sindaco democratico e hai molti democratici dappertutto. Vanno al legislatore, il legislatore ride di loro. Dice: “Non lo faremo”. Dicono: “Grazie mille”. E vanno e apportano le modifiche da soli. Lo fanno comunque. E questo è totalmente illegale. È totalmente illegale. Non puoi farlo.

Donald Trump: (35:13)

In Pennsylvania, il Segretario di Stato democratico e i giudici della Corte suprema dello Stato democratico hanno abolito illegalmente i requisiti di verifica della firma solo 11 giorni prima delle elezioni. Quindi pensa a quello che hanno fatto. Non c’è più la verifica della firma. Oh, va bene. Vogliamo l’ID degli elettori, comunque. Ma non è più la loro firma di verifica, 11 giorni prima delle elezioni! Dicono: “Non lo vogliamo”. Sai perché non lo vogliono? Perché vogliono imbrogliare. Questa è l’unica ragione. Chi ci penserebbe nemmeno? Non vogliamo verificare una firma? In Pennsylvania sono state contate più di 205.000 schede. Ora pensa a questo. Hai avuto 205.000 schede in più rispetto agli elettori. Significa che ne avevi 200 … Da dove vengono? Sai da dove vengono? L’immaginazione di qualcuno. Qualunque cosa di cui avevano bisogno. Quindi in Pennsylvania avevate 205.000 voti in più rispetto agli elettori! Ed è il numero in realtà molto più grande di quello ora. Era una settimana fa. E questa è un’impossibilità matematica, a meno che tu non voglia dire che è una frode totale. Così la Pennsylvania è stata truffata.

Donald Trump: (36:35)

Oltre 8000 schede in Pennsylvania sono state espresse da persone i cui nomi e date di nascita corrispondono a persone morte nel 2020 e prima delle elezioni. Pensa a questo. Persone morte! Molte persone morte, migliaia. E alcune persone morte hanno effettivamente richiesto una domanda. Questo mi dà ancora più fastidio. Non solo votano, vogliono che un’applicazione voti. Uno di loro è morto 29 anni fa. È incredibile.

Donald Trump: (37:05)

Oltre 14.000 voti sono stati espressi da elettori fuori dallo stato. Quindi questi sono elettori che non vivono nello stato. E a proposito, questi numeri sono ciò che chiamano determinante del risultato. Significa che questi numeri superano di gran lunga … Ho perso un po ‘. Questi numeri sono enormi. Massiccio. Più di 10.000 voti in Pennsylvania sono stati contati illegalmente, anche se sono stati ricevuti dopo il giorno delle elezioni. In altre parole, “Sono stati ricevuti dopo il giorno delle elezioni, contiamoli comunque!” E quello che hanno fatto in molti casi è che hanno fatto delle frodi. Hanno preso la data e l’hanno spostata indietro, in modo che non sia più dopo il giorno delle elezioni. E più di 60.000 voti in Pennsylvania sono stati segnalati come ricevuti indietro. Sono tornati prima di essere mai presumibilmente spediti. In altre parole, hai riavuto la scheda elettorale prima di spedirla!

Donald Trump: (38:03)

… presumibilmente sono stati spediti per posta, in altre parole, hai ricevuto la scheda elettorale prima di spedirla, il che è anche logisticamente e logisticamente impossibile. Pensa a quello. Hai riavuto il voto. Mandiamo le schede. Oh, sono già stati inviati. Ma abbiamo riavuto la scheda elettorale prima che venissero inviate. Non penso che sia troppo bello.

Donald Trump: (38:23)

Venticinquemila schede in Pennsylvania sono state richieste dai residenti delle case di cura, tutte in un unico lotto gigante, non legale. Indica un’enorme operazione di raccolta delle schede elettorali illegali. Non ti è permesso farlo. È contro la legge. Il giorno prima delle elezioni, lo Stato della Pennsylvania ha comunicato il numero di schede assenti che erano state inviate. Eppure questo numero è stato improvvisamente e drasticamente aumentato di 400.000 persone. È stato aumentato. Nessuno sa da dove provenga per 400.000 schede. Un giorno dopo le elezioni, rimane totalmente inspiegabile. Hanno detto: “Beh, non possiamo immaginarlo”. Questo è molte, molte volte quello che ci vorrebbe per rovesciare lo stato. Solo quell’elemento. 400.000 schede sono apparse dal nulla, subito dopo le elezioni.

Donald Trump: (39:16)

A proposito, la Pennsylvania ora ha visto tutto questo. Non lo sapevano perché era così veloce. Hanno votato, hanno votato, ma ora vedono tutta questa roba. È tutto venuto alla luce. Non succede così velocemente. E vogliono certificare nuovamente i loro voti. Vogliono certificare nuovamente. Ma l’unico modo che può accadere è se Mike Pence accetta di rimandarlo indietro.

Donald Trump: (39:43)

Mike Pence deve accettare di rimandarlo indietro. E molte persone al Congresso vogliono che venga rimandato indietro e si prendono ciò che stai facendo. Diciamo che non lo fai. Qualcuno dice: “Bene, dobbiamo obbedire alla costituzione”. E lo sei, perché stai proteggendo il nostro paese e stai proteggendo la costituzione, quindi lo sei. Ma pensa a cosa succede. Diciamo che sono rigidi e sono persone stupide. E dicono: “Beh, non abbiamo davvero scelta”. Anche se la Pennsylvania e altri stati vogliono rifare i voti, vogliono vedere i numeri. Hanno già i numeri. Va molto velocemente e vogliono rifare la loro legislatura perché molti di questi voti sono stati presi come ho detto, perché non sono stati approvati dalla loro legislatura. Questo di per sé è illegale e poi hai la truffa e questo è tutto ciò di cui stiamo parlando. Ma pensa a questo: se non lo fai, significa che avrai un presidente degli Stati Uniti per quattro anni, con il suo meraviglioso figlio.

Donald Trump: (40:50)

Avrai un presidente che ha perso tutti questi stati, o avrai un presidente, per dirla in un altro modo, che è stato votato da un gruppo di stupidi che hanno perso tutte queste cose. Avrai un presidente illegittimo, ecco cosa avrai. E non possiamo lasciare che accada. Questi sono i fatti che non sentirai dai media di notizie false. Fa tutto parte dello sforzo di soppressione. Non vogliono parlarne. Non vogliono parlarne. In effetti, quando ho iniziato a parlarne, ti garantisco che molti televisori e molte di quelle telecamere si sono spente ed è così che molte telecamere là dietro. Ma molti di loro sono andati fuori, ma queste sono cose di cui non senti parlare. Non senti quello che hai appena sentito. E esaminerò alcuni altri stati. Ma non lo senti dalle persone che vogliono ingannarti e demoralizzarti e controllarti, big tech, media.

Donald Trump: (41:48)

Proprio come i sondaggi di soppressione che dicevano, perderemo il Wisconsin di 17 punti, beh, abbiamo vinto il Wisconsin. Non hanno così perché perdono solo per un piccolo frammento. Ma il giorno prima del sondaggio del Washington Post, ABC, mi hanno fatto scendere di 17 punti. Ho chiamato un vero sondaggista. Ho detto: “Che cos’è?” “Signore, questo è chiamato sondaggio di soppressione. Penso che vincerai nel Wisconsin, signore. ” Ho detto: “Ma perché fanno quattro o cinque punti?” “Perché poi la gente vota. Ma quando hai meno di 17 anni, dicono: ‘Ehi, non sprecherò il mio tempo. Amo il presidente, ma non c’è modo. ‘”Nonostante ciò, abbiamo vinto il Wisconsin, vedrai. Ma si chiama soppressione perché molte persone, quando lo vedono, è molto interessante. Questo sondaggista ha detto: “Signore, se sei sotto di tre, quattro o cinque persone votano. Quando scendi 17, dicono: “Salviamo, andiamo a cena e guardiamo la sconfitta presidenziale stasera in televisione, tesoro”.

Donald Trump: (42:49)

E proprio come la sinistra radicale cerca di metterti nella lista nera sui social media, ogni volta che metto un tweet, anche se è totalmente corretto, totalmente corretto. Ottengo una bandiera. Ottengo una bandiera. E inoltre non ti lasciano uscire. Su Twitter è molto difficile accedere al mio account. È molto difficile far uscire un messaggio. Non lasciano che il messaggio venga diffuso come dovrebbero, ma molte persone hanno detto: “Non riesco ad accedere al tuo Twitter”. Non mi interessa Twitter. Twitter è una cattiva notizia. Sono tutte brutte notizie. Ma sai cosa? Se vuoi uscire dal messaggio. E se vuoi passare attraverso la grande tecnologia, i social media, lo sono davvero, se sei un conservatore, se sei un repubblicano, se hai una grande voce, immagino che lo chiamino divieto ombra. Divieto di ombra. Ti mettono al bando e dovrebbe essere illegale. Ho detto a questi repubblicani di sbarazzarsi della Sezione 230.

Donald Trump: (43:47)

E per qualche ragione, Mitch e il gruppo, non vogliono metterlo lì. E non si rendono conto che quella sarà la fine del partito repubblicano come lo conosciamo, ma non sarà mai la fine per noi, mai. Lasciali uscire. Lascia che i deboli escano. Questo è un momento di forza. Vogliono anche indottrinare i tuoi figli a scuola insegnando loro cose che non sono così. Vogliono indottrinare i tuoi figli. Fa tutto parte dell’assalto globale alla nostra democrazia e al popolo americano alzarsi finalmente in piedi e dire: “No.” Questa folla ne è di nuovo una testimonianza. Non ho fatto pubblicità. Non ho fatto niente. Hai alcuni gruppi che sono grandi sostenitori. Voglio ringraziare Amy e tutti, abbiamo dei sostenitori incredibili, incredibili, ma non abbiamo fatto nulla. È appena successo.

Donald Trump: (44:39)

Due mesi fa, abbiamo avuto una folla enorme a Washington. Ho detto: “A cosa servono”. “Signore, sono lì per te.” Non abbiamo niente a che fare con questo. Questi gruppi si stanno formando in tutti gli Stati Uniti. E dobbiamo ricordare, tra un anno da adesso, inizierai a lavorare al Congresso. E dobbiamo sbarazzarci dei deboli membri del Congresso, quelli che non sono bravi, le Liz Cheney del mondo, dobbiamo sbarazzarci di loro. Dobbiamo sbarazzarci di loro. Non vuole mai che un soldato venga portato a casa. Ho portato a casa molti dei nostri soldati. Non lo so, ad alcuni piace. Sono in paesi di cui nessuno conosce nemmeno il nome. Nessuno sa dove siano. Stanno morendo. Sono fantastici, ma stanno morendo. Stanno perdendo le braccia, le gambe, la faccia. Li ho riportati a casa, in gran parte a casa, in Afghanistan, in Iraq. Ricorda che ai vecchi tempi dicevo: “Non andare in Iraq. Ma se entri, tieni l’olio. ” Non abbiamo tenuto l’olio. Così stupido. Così stupide, queste persone. E l’Iraq ha miliardi e miliardi di dollari ora in banca. E cosa abbiamo fatto? Non otteniamo niente. Non ci arriviamo mai. Ma in realtà lo facciamo, abbiamo tenuto l’olio qui. Abbiamo fatto bene. Ci siamo sbarazzati del califfato dell’ISIS. Ci siamo sbarazzati di molte cose diverse che tutti sanno e della ricostruzione del nostro esercito in tre anni, la gente diceva che non poteva essere fatto. Ed era tutto made in USA, tutto made in USA. La migliore attrezzatura al mondo. In Wisconsin, le città corrotte dei Democratici hanno schierato più di 500 cassette postali illegali senza pilota e non protette, che hanno raccolto un minimo di 91.000 voti illegali. Era sottile come un rasoio la perdita. Questa sola cosa è molto più di quanto avremmo bisogno, ma ci sono molte cose.

Donald Trump: (46:29)

Hanno questi armadietti, li raccolgono e scompaiono per due giorni. La gente diceva: “Dov’è quella scatola?” Sono scomparsi. Nessuno sapeva nemmeno dove diavolo fosse. Inoltre, in Wisconsin sono stati contati oltre 170.000 voti per assente senza una domanda di voto per assente valida. Quindi avevano un voto, ma non avevano domanda. E questo è illegale in Wisconsin. Significa che quei voti sono stati palesemente fatti in opposizione alla legge statale. E provenivano al 100% dalle aree democratiche, come Milwaukee e Madison, al 100%. A Madison, 17.000 voti sono stati depositati nelle cosiddette cassette umane. Sai cos’è, vero? Dove gli agenti infilano migliaia di schede non garantite in sacche da viaggio sulle panchine di un parco in tutta la città, sfidando completamente le lettere di cessazione e di rinuncia del legislatore statale. Il legislatore statale ha detto: “Non farlo”. Sono gli unici che potrebbero approvarlo. Hanno dato decine di migliaia di voti.

Donald Trump: (47:37)

Sono entrati in sacche da viaggio. Da dove diavolo vengono? Secondo testimonianze oculari, anche gli addetti ai servizi postali del Wisconsin sono stati incaricati di retrodatare illegalmente circa 100.000 schede. Il margine di differenza in Wisconsin era inferiore a 20.000 voti. Ognuna di queste cose da sola ci vince lo Stato. Grande stato, amiamo lo stato, abbiamo vinto lo stato. In Georgia, il tuo segretario di stato, non posso credere che questo ragazzo sia repubblicano. Ama registrare le conversazioni telefoniche. Personalmente ho pensato che fosse un’ottima conversazione, così tante altre persone … la gente ama quella conversazione, perché dice cosa sta succedendo. Queste persone sono storte. Sono al 100% secondo me, uno dei più corrotti. Tra il tuo governatore e il tuo segretario di stato. E ora ce l’hai di nuovo ieri sera, dai un’occhiata a quello che è successo, che casino e gli agenti del partito Democratico hanno stipulato un accordo transattivo illegale e incostituzionale che ha drasticamente indebolito la verifica delle firme e altre procedure di sicurezza elettorale.

Donald Trump: (48:53)

Stacey Abrams, li ha portati a pranzo e io l’ho picchiata due anni fa con un cattivo candidato, Brian Kemp. Ma i democratici hanno portato i repubblicani a pranzo perché il segretario di stato non aveva la più pallida idea di cosa diavolo stesse succedendo, a meno che non ne avesse la minima idea. Interessante. Forse era dall’altra parte, ma abbiamo cercato di ottenere le verifiche delle firme nella contea di Fulton. Non ce lo lasceranno fare. L’unico motivo per cui non lo faranno è perché troveremo cose a centinaia di migliaia. Perché non ci hanno permesso di verificare le firme e la contea di Fulton? Che è noto per essere molto corrotto. Non lo faranno. Vanno in qualche altra contea dove vivresti. Ho detto: “Non è questo il problema. Il problema è Fulton County “. Casa di Stacey Abrams. Ha fatto un buon lavoro. Mi congratulo con lei, ma è stato fatto in modo tale che non possiamo lasciare che queste cose accadano.

Donald Trump: (49:53)

Non avremo un paese in cui succeda. Di conseguenza, il tasso di rifiuto delle schede elettorali assente della Georgia è stato più di 10 volte inferiore rispetto ai livelli precedenti, perché i criteri erano così diversi, 48 contee in Georgia con migliaia e migliaia di voti hanno rifiutato zero schede. Non c’è stato uno scrutinio. In altre parole, in un anno in cui sono state inviate più votazioni per corrispondenza che mai e più persone hanno votato per posta per la prima volta, il tasso di rifiuto è stato drasticamente inferiore a quello che era mai stato prima. L’unico modo in cui questo può essere spiegato è che se decine di migliaia di voti illegittimi fossero aggiunti al conteggio, questo è l’unico modo in cui potresti spiegarlo. A proposito, stai parlando di decine di migliaia. Se la Georgia si fosse limitata a rifiutare lo stesso numero di schede illegali, come in altri anni, avrebbero dovuto essere respinte circa 45.000 schede, molto più di quanto ci serviva per vincere, poco più di 11.000.

Donald Trump: (50:59)

Dovrebbero trovare quei voti. Dovrebbero assolutamente scoprire che poco più di 11.000 voti, è tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Ci hanno truffato per una vittoria in Georgia e non lo dimenticheremo. C’è solo una ragione per cui i Democratici potrebbero voler eliminare la corrispondenza delle firme, opporsi all’ID degli elettori e interrompere la conferma della cittadinanza. Sei in cittadinanza? Non ti è permesso fare questa domanda. Perché vogliono rubare le elezioni. La sinistra radicale sa esattamente cosa sta facendo. Sono spietati ed è ora che qualcuno faccia qualcosa al riguardo. E Mike Pence, spero che ti schiererai per il bene della nostra costituzione e per il bene del nostro paese. E se non lo sei, sarò molto deluso da te. Te lo dico subito. Non sto ascoltando belle storie. Nella contea di Fulton, gli osservatori del sondaggio repubblicano sono stati respinti in alcuni casi, fisicamente dalla stanza con la falsa pretesa di uno scoppio di tubo.

Donald Trump: (52:03)

Scoppio principale dell’acqua, se ne vanno tutti. Che ora sappiamo era una bugia totale. Poi i funzionari elettorali tirano fuori scatole, democratici e valigie di schede elettorali da sotto un tavolo. L’avete visto tutti in televisione, totalmente fraudolento. E li ha scansionati illegalmente per quasi due ore senza supervisione. Decine di migliaia di voti, in quanto ciò ha coinciso con una misteriosa discarica di voti fino a 100.000 voti per Joe Biden, quasi nessuno per Trump. Oh, sembra giusto. Era l’1: 34 AM. Il segretario di stato della Georgia e patetico governatore della Georgia … anche se dice, sono un grande presidente. Forse devo cambiare. L’altro giorno ha detto: “Sì, non sono d’accordo con il presidente, ma è stato un grande presidente”. Oh bene. Grazie. Grazie mille. A causa sua e di altri. Brian Kemp, votalo fuori ufficio, per favore.

Donald Trump: (53:05)

Bene, i suoi tassi sono così bassi, il suo indice di approvazione ora, penso che abbia appena raggiunto un minimo storico. Hanno respinto cinque appelli separati per una verifica indipendente e completa delle firme nella contea di Fulton. Anche senza un controllo, il numero di schede fraudolente che abbiamo identificato in tutto lo stato è sbalorditivo. Oltre 10.300 schede elettorali in Georgia sono state espresse da individui i cui nomi e date di nascita corrispondono ai residenti in Georgia che sono morti nel 2020 e prima delle elezioni. Più di 2.500 schede sono state espresse da persone i cui nomi e date di nascita corrispondono a criminali incarcerati nella prigione della Georgia. Persone a cui non è consentito votare. Più di 4.500 schede elettorali illegali sono state espresse da individui che non compaiono nelle liste elettorali dello Stato. Secondo il servizio postale, oltre 18.000 schede illegali sono state espresse da persone che si sono registrate per votare utilizzando un indirizzo indicato come vacante. Almeno 88.000 schede in Georgia sono state espresse da persone le cui registrazioni erano retrodatate illegalmente.

Donald Trump: (54:18)

Ognuno di questi è molto più del necessario. 66.000 voti in Georgia sono stati espressi da individui al di sotto dell’età legale per il voto. E almeno 15.000 schede sono state espresse da individui che si sono trasferiti fuori dallo stato prima delle elezioni del 3 novembre. Dicono di essere tornati indietro. Tornano indietro. Oh, se ne sono andati. Sono tornati indietro. Va bene. Gli manca così tanto la Georgia. Lo voglio. Amo la Georgia, ma è un sistema corrotto. Nonostante tutto questo, il margine in Georgia è di soli 11.779 voti. Ognuna di queste questioni è sufficiente per darci una vittoria in Georgia, una grande, bella vittoria. Non commettere errori, questa selezione è stata rubata a te, a me e al paese. E non un singolo stato altalenante ha condotto un audit completo per rimuovere le schede illegali. Questo dovrebbe assolutamente accadere in ogni singolo stato concorrente prima che l’elezione sia certificata.

Donald Trump: (55:21)

Nello Stato dell’Arizona, oltre 36.000 schede sono state espresse illegalmente da non cittadini. 2000 schede sono state restituite senza indirizzo. Più di 22.000 schede sono state restituite prima che fossero presumibilmente spedite per posta. Sono tornati, ma non li abbiamo ancora spediti. Sono stati contati 11.600 voti e voti in più rispetto agli elettori effettivi. Lo vedi? Quindi hai ancora più voti di quanti ne hai elettori.

Donald Trump: (55:51)

150.000 persone si sono registrate nella contea di Maya Copa dopo la scadenza della registrazione. 103.000 schede nella contea sono state inviate per l’aggiudicazione elettronica senza osservatori repubblicani. Nella contea di Clark, in Nevada, le impostazioni di precisione sulle macchine per la verifica della firma sono state abbassate di proposito prima di essere utilizzate per contare oltre 130.000 schede. Se firmassi il tuo nome come Babbo Natale, sarebbe andato bene. Ci sono stati anche più di 42.000 doppi voti in Nevada. Più di 150.000 persone sono state ferite così gravemente da ciò che è accaduto. E 1500 schede sono state espresse da individui i cui nomi e date di nascita corrispondono ai residenti del Nevada morti nel 2020, prima delle elezioni del 3 novembre. Più di 8.000 voti sono stati espressi da persone che non avevano indirizzo e probabilmente non vivevano lì. Il margine in Nevada è sceso a un numero molto basso. Ognuna di queste cose avrebbe risolto la situazione. Avremmo vinto

Donald Trump: (57:03)

Ognuna di queste cose avrebbe risolto la situazione. Avremmo vinto anche il Nevada. Ognuno di questi che stiamo esaminando, vinciamo. In Michigan rapidamente, il segretario di stato, davvero eccezionale, ha inondato lo stato di domande di voto per posta non richieste, inviate a tutte le persone iscritte, in diretta violazione della legge statale. Più di 17.000 schede del Michigan sono state espresse da individui i cui nomi e date di nascita corrispondevano a persone decedute. A Wayne County, è fantastico. Questa è Detroit. Sono state contate 174.000 schede senza essere legate a un effettivo elettore registrato. Nessuno sa da dove vengano. Sempre nella contea di Wayne, i sondaggi hanno osservato che i procacciatori riesaminano ripetutamente gruppi di schede, fino a tre o quattro o cinque volte. A Detroit l’affluenza alle urne è stata del 139% degli elettori registrati. Pensa a questo. Quindi hai votato il 139% delle persone a Detroit. Questo è in Michigan, Detroit, Michigan.

Donald Trump: (58:08)

Un’impiegata in carriera di Detroit, città di Detroit, ha testimoniato sotto pena di spergiuro di aver visto i lavoratori della città istruire gli elettori a votare democratico etero, mentre li accompagnava a vedere per chi votavano. Quando entrava un repubblicano, non gli parlavano. Lo stesso lavoratore è stato incaricato di non chiedere alcun documento di elettorato e di non tentare di convalidare alcuna firma se fossero democratici. Ha anche detto di farlo illegalmente, e le è stato detto che le schede sono retrodatate ricevute dopo la scadenza e riferisce che migliaia e migliaia di schede sono state retrodatate in modo improprio. Quello è il Michigan. Quattro testimoni hanno testimoniato sotto pena di spergiuro che dopo che i funzionari di Detroit hanno annunciato che gli ultimi voti erano stati contati, sono arrivate decine di migliaia di schede aggiuntive senza buste richieste. Ognuno era per un democratico. Non ho voti.

Donald Trump: (59:10)

Alle 6:31, nelle prime ore del mattino dopo la fine delle votazioni, il Michigan ha riportato improvvisamente 147.000 voti. Un sorprendente 94% è andato a Joe Biden, che ha condotto una campagna brillante dal suo seminterrato. Solo un paio di punti percentuali sono andati a Trump. Tali discariche di voto gigantesche e unilaterali sono state osservate solo in alcuni stati oscillanti e sono state osservate negli stati in cui era necessario. Sapete cosa è interessante, il presidente Obama ha battuto Biden in tutti gli stati diversi dagli stati swing in cui Biden lo ha ucciso. Ma gli stati swing erano quelli che contavano. C’erano sempre quel tanto che bastava per spingere Joe Biden a malapena in testa. Eravamo molto avanti e nel numero di ore che stavamo perdendo un po ‘.

Donald Trump: (01:00:03)

Inoltre, c’è la questione estremamente preoccupante dei sistemi di voto di Dominion. In una sola contea del Michigan, 6.000 voti sono stati trasferiti da Trump a Biden e gli stessi sistemi sono utilizzati nella maggior parte degli stati del nostro paese. Il senatore William Ligon, un grande gentiluomo, presidente della sottocommissione giudiziaria del senato della Georgia, il senatore Ligon, molto rispettato per le elezioni, ha scritto una lettera descrivendo le sue preoccupazioni per il Dominion in Georgia.

Donald Trump: (01:00:40)

Ha scritto, e cito, “Le macchine per il voto del Dominio impiegate nella contea di Fulton avevano un tasso di errore astronomico e sbalorditivo del 93,67%”. È sbagliato solo il 93% delle volte. “Nella scansione delle schede che richiedono una commissione di revisione per giudicare o determinare l’interesse dell’elettore, in oltre 106.000 schede su un totale di 113.000.” Pensaci, entri e voti e poi dicono alle persone per chi dovresti votare. Inventano quello che vogliono. Nessuno ha mai nemmeno sentito. Giudicano il tuo voto. Dicono: “Beh, non pensiamo che Trump voglia votare per Trump. Pensiamo che voglia votare per Biden. Mettilo giù per Biden. ” La media nazionale per un tale tasso di errore è di gran lunga inferiore all’1% eppure sei al 93%. “La fonte di questo tasso di errore astronomico deve essere identificata per determinare se queste macchine sono state installate o distrutte per consentire a terzi di ignorare il voto effettivo espresso dall’elettore registrato”.

Donald Trump: (01:01:44)

La lettera continua: “Ci sono prove evidenti che decine di migliaia di voti sono stati trasferiti dal presidente Trump all’ex vicepresidente Biden in diverse contee della Georgia. Ad esempio, nella contea di Bibb, il presidente Trump avrebbe avuto 29.391 voti alle 21:11, ora orientale. Mentre simultaneamente il vicepresidente Joe Biden avrebbe avuto 17.213 persone. Pochi minuti dopo, pochi minuti, al prossimo aggiornamento, questi numeri di voti sono cambiati con il presidente Trump che scendeva a 17.000 e Biden che saliva a 29.391 “. E questo è stato molto veloce, un cambio di 12.000 voti, tutto a favore del signor Biden.

Donald Trump: (01:02:31)

Quindi, voglio dire, potrei andare avanti e avanti su questa frode che ha avuto luogo in ogni stato e tutte queste legislature lo vogliono indietro. Non voglio farlo a te perché ti amo e qui fuori si gela, ma potrei andare avanti per sempre. Posso dirti questo …

Oratore 1: (01:02:52)

Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene. Ti vogliamo bene.

Donald Trump: (01:03:03)

Quindi, quando senti, quando senti: “Anche se non ci sono prove per dimostrare alcun illecito”, questa è la cosa più fraudolenta che si possa fare … Questa è un’impresa criminale. Questa è un’impresa criminale e la stampa dirà, e sono sicuro che non metteranno nulla di tutto ciò perché non va bene, vedi mai: “Anche se non ci sono prove a sostegno dell’asserzione del presidente Trump”, io Potrei continuare per un’altra ora a leggerti questa roba e raccontartela. Non c’è mai stato niente di simile. Pensaci, Detroit aveva più voti di quanti ne avesse elettori. La Pennsylvania aveva 205.000 voti in più di quanti ne avesse di più, ma tu non devi andare … Tra questo, penso che sia quasi meglio dei morti, se pensi, giusto? Più voti di quanti ne avevano elettori, e lo sono anche molti altri Stati.

Donald Trump: (01:03:56)

È una vergogna che negli Stati Uniti d’America a decine di milioni di persone sia permesso di andare a votare senza nemmeno mostrare l’identificazione. In nessuno stato ci sono domande o sforzi per verificare l’identità, la cittadinanza, la residenza o l’eleggibilità dei voti espressi. I repubblicani devono diventare più duri. Non avrai una festa repubblicana se non diventi più duro. Vogliono giocare così dritto, vogliono giocare così, “Signore, sì, gli Stati Uniti, la costituzione non mi permette di rimandarli negli Stati Uniti”. Ebbene, io dico: “Sì, lo fa perché la costituzione dice che devi proteggere il nostro paese e devi proteggere la nostra costituzione e non puoi votare sulle frodi”, e la frode rompe tutto, non è vero? Quando cogli qualcuno in una frode, ti è permesso seguire regole molto diverse. Quindi spero che Mike abbia il coraggio di fare quello che deve fare. E spero che non ascolti i RINO e le persone stupide che sta ascoltando. È anche ampiamente noto che le liste degli elettori sono piene zeppe di non cittadini, criminali e persone che sono uscite dallo stato e individui che non sono altrimenti idonei al voto. Eppure i Democratici si oppongono a ogni sforzo per ripulire i loro ruoli elettorali. Non vogliono pulirli, sono caricati. E quante persone qui conoscono altre persone che quando le centinaia di migliaia e poi milioni di schede sono state inviate, ne hanno ottenute tre, quattro, cinque, sei, e io ne ho sentito una che ha ricevuto sette schede. E poi dicono: “Non ce l’hai fatta, signore”. Abbiamo vinto. Abbiamo vinto con una frana. Questa è stata una frana.

Donald Trump: (01:05:43)

Hanno detto: “Non è americano sfidare le elezioni”. Questa è l’elezione più corrotta della storia, forse del mondo. Sai, potresti andare nei paesi del terzo mondo, ma non penso che avessero centinaia di migliaia di voti e non abbiano elettori per loro. Voglio dire, non importa dove tu vada, nessuno lo penserebbe. In effetti, è così egregio, è così brutto, che molte persone non ci credono nemmeno. È così pazzo che la gente non ci crede nemmeno. Non può essere vero. Quindi non ci credono. Non è solo una questione di politica interna, è una questione di sicurezza nazionale. Quindi oggi, oltre a contestare la certificazione delle elezioni, chiedo al Congresso e alle legislature statali di approvare rapidamente ampie riforme elettorali, ed è meglio che tu lo faccia prima che non ci sia più nessun paese. Oggi non è la fine. È solo l’inizio.

Donald Trump: (01:06:37)

Con il tuo aiuto negli ultimi quattro anni, abbiamo costruito il più grande movimento politico nella storia del nostro paese e nessuno lo sfida nemmeno. Lo dico ancora e ancora, e non sono mai stato sfidato dalle fake news, e sfidano quasi tutto ciò che diciamo. Ma la nostra lotta contro i grandi donatori, i grandi media, la grande tecnologia e altri è appena iniziata. Questo è il più grande della storia. Non c’è mai stato un movimento del genere. Guardi indietro fino al Monumento a Washington. È difficile da credere. Dobbiamo fermare il furto e poi dobbiamo assicurarci che una tale oltraggiosa frode elettorale non si ripeta mai più, non possa mai accadere di nuovo, ma stiamo andando avanti. Ci pensiamo noi ad andare avanti. Dobbiamo occuparci di tornare indietro. Non lasciate che parlino, “Ok, lo promettiamo”, ho avuto molte persone, “Signore, sei al 96% per quattro anni”. Ho detto: “Non sono interessato in questo momento. Mi interessa proprio lì. ”

Donald Trump: (01:07:33)

Con il tuo aiuto supereremo finalmente potenti requisiti per l’ID elettore. Hai bisogno di un documento d’identità per incassare l’assegno. Hai bisogno di un documento d’identità per andare in banca, per comprare alcolici, per guidare un’auto. Ogni persona dovrebbe avere bisogno di mostrare un documento d’identità per poter esprimere la tua cosa più importante, un voto. Richiederemo anche una prova della cittadinanza americana per votare alle elezioni americane. Abbiamo appena avuto una buona vittoria in tribunale su quella, in realtà. Vieteremo la raccolta delle schede elettorali e vieteremo l’uso di drop box non garantiti per commettere frodi dilaganti. Queste caselle a cascata sono fraudolente. Ecco perché ottengono … Scompaiono e poi all’improvviso si presentano. È fraudolento. Interromperemo la pratica del voto per corrispondenza universale e non richiesto. Puliremo le liste elettorali che assicurano che ogni singola persona che ha espresso un voto sia un cittadino del nostro paese, un residente dello stato in cui vota e il loro voto è espresso in modo lecito e onesto. Ripristineremo la vitale tradizione civica del voto di persona il giorno delle elezioni in modo che gli elettori possano essere pienamente informati quando fanno la loro scelta. Alla fine riterremo responsabili la grande tecnologia e se queste persone avessero coraggio e coraggio, si sbarazzerebbero della Sezione 230, qualcosa che nessun’altra azienda, nessun’altra persona in America, al mondo, ha.

Donald Trump: (01:09:10)

Tutti questi monopoli tecnologici abuseranno del loro potere e interferiranno nelle nostre elezioni e questo deve essere fermato ei repubblicani devono diventare molto più duri e così dovrebbero fare i democratici. Dovrebbero essere regolamentati, indagati e assicurati alla giustizia nella misura massima consentita dalla legge. Stanno infrangendo totalmente la legge. Insieme prosciugheremo la palude di Washington e ripuliremo la corruzione nella capitale della nostra nazione. Abbiamo fatto un grande lavoro, ma pensi che sia facile, è un affare sporco. È un affare sporco. Ci sono molte persone cattive là fuori. Nonostante tutto quello che abbiamo passato, guardando tutto questo paese e vedendo folle fantastiche, anche se questo penso sia il nostro record di tutti i tempi. Penso che tu abbia 250.000 persone. 250.000.

Donald Trump: (01:10:05)

Guardando tutti i fantastici patrioti qui oggi, non sono mai stato più fiducioso nel futuro della nostra nazione. Beh, devo dire che dobbiamo stare un po ‘attenti. È una bella affermazione, ma dobbiamo stare un po ‘attenti a questa affermazione. Se permettiamo a questo gruppo di persone di impadronirsi illegalmente del nostro paese, perché è illegale quando i voti sono illegali, quando il modo in cui sono arrivati ​​è illegale, quando agli Stati che votano vengono fornite informazioni false e fraudolente. Siamo il più grande paese della terra e siamo diretti, ed eravamo diretti, nella giusta direzione. Sai, il muro è costruito, stiamo facendo numeri da record al muro. Ora vogliono abbattere il muro. Lasciamo che tutti entrino. Lasciamo che tutti entrino.

Donald Trump: (01:10:52)

Abbiamo fatto un ottimo lavoro nel muro. Ricordi il muro? Hanno detto che non sarebbe mai stato possibile. Uno dei più grandi progetti infrastrutturali che abbiamo mai avuto in questo paese e ha avuto un impatto tremendo e ci siamo sbarazzati del catch and release, ci siamo sbarazzati di tutte le cose con cui dovevamo convivere. Ma ora le carovane, pensano che Biden stia entrando, le carovane si stanno formando di nuovo. Vogliono entrare di nuovo e derubare il nostro paese. Non posso lasciare che accada. Come mostra questa enorme folla, abbiamo la verità e la giustizia dalla nostra parte. Abbiamo un amore profondo e duraturo per l’America nei nostri cuori. Amiamo il nostro paese. Abbiamo un orgoglio travolgente in questo grande paese, e lo abbiamo nel profondo delle nostre anime. Insieme siamo determinati a difendere e preservare il governo del popolo, da parte del popolo e per il popolo.

Donald Trump: (01:11:44)

I nostri giorni più luminosi sono davanti a noi, i nostri più grandi successi aspettano ancora. Penso che uno dei nostri più grandi risultati sarà la sicurezza elettorale perché nessuno fino a quando sono arrivato io, aveva idea di quanto fossero corrotte le nostre elezioni. E ancora, la maggior parte delle persone rimaneva lì alle 9:00 di sera e diceva: “Voglio ringraziarti molto”, e se ne va per un’altra vita, ma io dissi: “Qualcosa non va qui. Qualcosa non va davvero. Non può essere successo. ” E combattiamo. Combattiamo come l’inferno e se non combatti come l’inferno, non avrai più un paese.

Donald Trump: (01:12:21)

Le nostre emozionanti avventure e le nostre imprese più audaci non sono ancora iniziate. I miei concittadini americani per il nostro movimento, per i nostri figli e per il nostro amato Paese e dico questo, nonostante tutto quello che è successo, il meglio deve ancora venire.

Donald Trump: (01:12:43)

Quindi andremo, cammineremo lungo Pennsylvania Avenue, io amo Pennsylvania Avenue, e andremo al Campidoglio e proveremo a dare… I Democratici sono senza speranza. Non votano mai per niente, nemmeno un voto. Ma proveremo a dare ai nostri repubblicani, i deboli, perché i forti non hanno bisogno del nostro aiuto, proveremo a dare loro il tipo di orgoglio e audacia di cui hanno bisogno per riprendersi il nostro Paese.

Donald Trump: (01:13:19)

Quindi camminiamo lungo Pennsylvania Avenue. Voglio ringraziarvi tutti. Dio benedica te e Dio benedica l’America. Grazie a tutti per essere qui, è incredibile. Grazie mille. Grazie.


6 luci e 3 ombre del grande Zar moderno Vlamidir Putin

 Putin

Quarto mandato per Vlamidir Putin, rieletto con il 75% dei voti. La vita del capo del Cremlino è sicuramente molto interessante e ricca di spunti. Dalla miseria a Leningrado a uomo (non ufficiale) più ricco del mondo, passando per spia del KGB di scarsa importanza. Bill Browder, fondatore ed ex gestore di un importante fondo straniero in Russia – ha ipotizzano un patrimonio personale di 200 miliardi di dollari.

Un proverbio russo dice: “Solo un cattivo soldato non spera di diventare generale”. Vlamidir è diventato molto di più di un generale. Con le sue qualità e con i suoi difetti.

Qualità

1) Determinazione a uscire da una situazione molto sfavorevole

Putin è nato nel 1952 a Leningrado da genitori molto poveri. Gioca a inseguire topi ed è vittima di bullismo di strada. A soli 16 anni adotta un piano per riscattarsi. Ispirato dagli attori Vyacheslav Tikhonov e Georgiy Zhzhonov fa domanda come agente del servizio segreto a Leningrado all’agenzia governativa del Comitato per la sicurezza dello Stato (Komitet Gosudarstvennoj Bezopasnosti), meglio nota come KGB. Gli viene consigliato di finire gli studi e di laurearsi. Lui non si dà per vinto. Sia laurea a pieni voti e rifà la domanda. Viene assunto e l’addestramento da spia gli insegna a come sfruttare le debolezze delle persone. L’addestramento lo ha reso un esperto della natura umana, come riferirà alla sua biografa. Vladimir vuole viaggiare, ma solo dopo 10 anni viene inviato solo Dresda (Germania Est), una destinazione decisamente non prestigiosa. Vive una carriera da spia mediocre e a 37 anni è in  un vicolo cieco, mentre il suo Paese sta cambiando e lui è distante migliaia di chilometri. Mosca non lo sostiene durante le manifestazioni contro la sede della Stasi (polizia segreta tedesca controllata dal KGB) durante all’epoca del crollo del muro di Berlino nel 1989. La sua carriera è a un punto morto e torna in Patria disoccupato.

2) Lealtà al capo

Anatoly Sobchak, sindaco di Leningrado decide di affidare a Putin la carica di vicesindaco. La stessa lealtà determinerà la scelta del presidente Boris Eltsin a candidarlo come nuovo presidente.

3) Abilità nel scegliere le priorità

La gestione del tempo è la pratica di mettere a disposizione un budget per il tuo tempo da dedicare abbastanza alle cose a cui veramente dai priorità. Nonostante le enormi responsabilità che l’ufficio del sindaco ha portato sulle spalle di Putin, nel giugno del 1997, ha ancora trovato il tempo di difendere la sua tesi di dottorato in economia presso l’Istituto minerario statale di San Pietroburgo. Il suo lavoro a Leningrado lo ha portato all’attenzione dell’allora presidente russo Boris Eltsin.

4) Abilità nel cogliere le opportunità

L’amico imprenditore Boris Berezovskij lo segnalò al presidente Boris  Eltsin che gli offrì la carica di capo del KGB, per proteggersi dalla accuse di frode. Putin sottolineò la sua decisione di accettare l’offerta: “Una volta che un’opportunità ti cade in grembo, afferrala con sicurezza ma con gli occhi aperti alle responsabilità che ne derivano”. Eltsin lo nomina primo ministro per permettergli di essere conosciuto come politico. Putin si comporta già da presidente. Nel 1999 manda le truppe ad attaccare la Cecenia. Una prerogativa che spetta solo al presidente. La sua popolarità cresce in modo esponenziale come salvatore della Russia.

5) Coraggio e abilità nel risolvere i problemi

L’abilità nel “sistemare le cose” senza preoccuparsi e con decisione è una dote appresa nell’addestramento nel KGB. Putin impressiona Eltsin fermando le indagini per frode sulla figlia del presidente.

6) Grande ambizione

Putin non è mai andato oltre il grado di colonnello del KGB. Il 26 marzo 2000 Putin diventa il secondo presidente russo democraticamente eletto.  Grazie a lui la FSB (Servizi federali per la sicurezza della Federazione russa) erede della “sua” amata ex KGB sovietica, diventa la vera padrona della Russia e Boris Eltsin non può più essere indagato. Vladimir è arrivato a essere a capo della nazione più grande del mondo e dichiara: “Se faccio qualcosa provo a vederne il risultato finale o almeno che porti il massimo risultato”.

Ombre

1) Avidità

Nel suo primo anno da politico la Russia cade in una grande crisi. I generi alimentari furono razionati. Putin doveva firmare contratti per fare arrivare i 100 milioni di dollari di aiuti. Vladimir redasse falsi contratti, il cibo non arrivò mai e i 100 milioni “sparirono”. Oggi in Russia vi sono circa 100 miliardari. Putin fece un accordo con gli oligarchi che volevano prendere potere politico. Se non volevano fare la fine dell’imprenditore Mikhail Khodorkovsky (Banca Menatep), che fece condannare a nove anni di prigione in Siberia, dovettero versargli il 50% dei loro capitali. Oggi Putin guadagna ufficialmente 200.000 dollari all’anno, ma vale 40 miliardi di dollari in azioni delle società degli oligarchi russi. Nel 2012 il “Magnitsky Act” ha impedito a questi capitali di essere depositati negli USA.

2) Grande determinazione nel fare eliminare fisicamente i “nemici”

Sospetti per l’eliminazione con il Polonio-210 di Aleksandr Litvinenko nel 2006 dell’ex agente dissidente del KGB che lo accusò dell’omicidio della giornalista Politkovskaya. Più recentemente sospetti per l’uccisione a colpi di pistola vicino al Cremlino a Mosca nel 2015 di Boris Nemtsov, capo dell’opposizione politica e il 4 marzo 2018 del tentativo di avvelenamento col  gas nervino di  Sergei Skripal (agente russo al servizio della Gran Bretagna) e della figlia Yulia a Salisbury, nel Regno Unito.

3) Eliminazione della stampa non amica

34 sono i giornalisti uccisi da quando Putin è al potere. È sospettato fortemente di aver fatto eliminare nel 2006 la giornalista Anna Politkovskaya perché stava indagando sulla strage di Beslan, da lei attribuita come mandante a Putin e come copertura di facciata ai separatisti ceceni. In occasione della tragedia del sottomarino K-141 Kursk nel 2000 Putin venne fortemente criticato dai media. Decise quindi di far chiudere il canale televisivo russo “TV-6” dell’imprenditore Boris Berezovskij, che si oppose. Putin gli disse che se non l’avesse fatto si sarebbe trovato in serio pericolo. Fu chiuso nel 2002.

 

 


Coerenza o ideologia? La Chiesa cattolica si sta ammalando di relativismo?

Friends Reading Bible

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

«Quando un cristiano diventa discepolo dell’ideologia, ha perso la fede e non è più discepolo di Gesù». Sono le parole di Papa Francesco dell’ottobre 2013. Un momento. Cos’è l’ideologia? Quale distanza passa tra un fanatico religioso, un bigotto, «una malattia grave questa dei cristiani ideologici» come la chiama Francesco. Insomma, «cristiani che perdono la fede e preferiscono le ideologie». Il loro «atteggiamento è diventar rigidi, moralisti, eticisti, ma senza bontà». La questione è delicata. Oggi non ci sono più soltanto le persecuzioni fisiche dei cristiani, purtroppo in costante aumento per via del fondamentalismo islamico. Va di moda oggi essere tacciati di fanatismo retrogado anche all’interno della stessa Chiesa (Cattolica) se si ha il coraggio di sostenere sino in fondo i propri valori inderogabili. Posizioni che sono proprie della tradizione del Magistero della Chiesa. È fanatico colui che si esprime contro i matrimoni gay, oppure è semplicemente un cattolico coerente? È moralista colui che crede nella famiglia tradizionale tra uomo e donna e pensa che i bambini debbano avere un padre e una madre naturali? È bigotto colui che difende la vita dal concepimento alla morte naturale? Abbiamo addirittura i gay omofobi, che si permettono di dire che i bambini non devono essere frutto di un laboratorio. Abbiamo anche spietati medici fanatici malati di sla, che danno il loro eroico esempio permettendosi di dire che l’eutanasia è un orrore. Esiste una specie di fascismo del relativismo. Se osi (liberamente) esprimerti contro di esso sei peggio dell’ISIS. Come ti permetti? Abbiamo dunque una insegnante di religione nel New Jersey licenziata da un liceo cattolico per aver difeso la famiglia tradizionale. È chiaro che ora la famiglia può essere qualsiasi cosa e se dici il contrario sei un terrorista. Abbiamo anche chi mostra a scuola il «delitto abominevole dell’aborto» e il suo vescovo lo rimuove. «Gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati… In nessun caso possono essere approvati». Chi l’ha detto? Osama Bin Laden? Il califfo Abu Bakr al-Baghdadi? Adolf Hitler? No, il catechismo della Chiesa Cattolica al punto 2357. Forse la voce andrebbe riscritta così: «Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?». I casi sono due: o è bigotto e intransigente il catechismo, oppure… Viva il relativismo! Ad ogni modo, non è mai lecito giudicare il cuore di una persona, ma è doveroso discernere la verità di un atto. Giusto per chiarire. In questo periodo particolare della Storia della Chiesa vi è un nemico insidioso che si maschera da tolleranza e amore cristiano. Si chiama relativismo. Ma prima dobbiamo capire qual è la differenza tra la morale e il moralismo e poi tra la tolleranza e la coerenza. La morale è un mezzo. Serve ad amare. È basata sui valori. Conosce delle norme e dei divieti, ma questi servono ad esprimere la verità profonda di un gesto e di un pensiero. Senza morale vi è solo falsità, anarchia, caos, come una nave senza bussola. Senza un riferimento a ciò che è giusto o sbagliato – senza se e senza ma – cioè parlando chiaramente con dei “Sì” e con dei “No”, come chiede il Vangelo (Matteo 5,37). Il moralismo è invece basato sulla legge. La morale diventa un fine. La legge è più importante della persona. È la morale rabbinica dei farisei. Religiosità ipomaniaca, direbbero gli psicologi. È quella del fanatico religioso, che si sente migliore degli altri e che presenta il conto a Dio, come nella parabola del fariseo e del pubblicano (Luca 18,10-14). Certo, qui la fede diventa ideologia, perché non è più basata sulla forza che viene da Dio, ma sulla propria forza in nome di Dio. Mentre “quando sono debole, è allora che sono forte” – direbbe San Paolo (2 Corinzi 12,10). Occorre però equilibrio. Derogare ai propri valori in nome di una presunta tolleranza non è fede, è relativismo. Il relativismo confonde la verità con i capricci e l’opinione con la verità. Non esistono più il bene e il male, ma ogni opinione si equivale. Non è difficile capire che la confusione tra bene e male proviene dal nemico numero uno della verità. Il padre della menzogna, come lo chiama Gesù nel vangelo: Satana. (Giovanni 8,44) L’arte è sottile, insidiosa. La tecnica è raffinata. Togliere i paletti fissi della morale, verniciare tutto con una moderna e benevola tolleranza. Non importa cosa pensi, basta che tu ne sia convinto ed ecco, sei nella verità! Ora dobbiamo chiederci, è possibile per un cristiano – nota bene, un cristiano, non un fanatico cristiano – eliminare i valori e i “paletti fissi” della sua morale? Si è moderni dicendo “chi sono io per giudicare?” quando si deve dare una risposta di coscienza? È giudicare spietatamente il prossimo dire “questo per noi è sbagliato”? Soprattutto in tempi dove il fanatismo religioso arriva ad uccidere in nome di Dio è facile essere vittima del relativismo, perché la verità si maschera facilmente da antipatica coerenza e da rigidità bigotta, mentre il relativismo è molto più simpatico e non ha problemi a travestirsi da “vogliamoci tutti bene”, “vivi e lascia vivere”. Il primo travestito è Satana (Cosa? Apriti cielo!…). Calma, l’ha detto quel terrorista di San Paolo: «Satana si maschera da angelo di luce» (2 Corinzi 11,14). Era un omofobo! “Né effeminati, né sodomiti, erediteranno il regno di Dio” (1 Corinzi 6,10) Come si permette di dire che mio figlio è sintetico e che «gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento»? (Romani 1,27) Roba vecchia! Hanno fatto bene a decapitarlo! A proposito, sembra proprio che oggi la coerenza sia associata al fanatismo religioso dei tagliatori di teste. Ma quante teste cadranno ancora per mano di chi difende il diritto del relativismo a chiuderti quella brutta boccaccia da cristiano ideologico che hai? Tante. Caro Timoteo, «verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole» (2 Timoteo 4,3-4). Ti vedo scettico; ti piacciono le favole? Te ne racconto una: “C’era una volta la Chiesa…”
Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it


Teopazzia

di Giorgio Nadali

stoning

La Muṭawwiʿiyyah è la polizia religiosa del governo saudita. E’ incaricata di fare osservare la sharia (legge Islamica) in quanto il Paese è teocratico, cioè religione e politica sono uniti. Di conseguenza qualsiasi peccato contro l’Islàm, qualsiasi infrazione della legge coranica è anche un reato. Il suo compito è definito dal suo nome ufficiale: Comitato per la promozione della virtù e l’interdizione del vizio. In Arabia Saudita può contare su 3.500 ufficiali e 1.000 volontari, spesso accompagnati dalla polizia ordinaria. La polizia religiosa può arrestare per i seguenti crimini. 1) Coppie composte da un uomo e da una donna non sposati sorpresi a socializzare. 2) Qualsiasi comportamento sessuale (pubblico) o di prostituzione. 3) Una donna non velata e vestita secondo I canoni Islamici. 4) Negozianti che non osservano la chiusura durante il periodo della preghiera (5 volte al giorno). 6) Chiunque consumi maiale o bevande alcoliche. 7) Chiunque utilizzi materiale anti Islamico come CD o DVD di gruppi musicali occcidentali, spettacoli televisivi e film contrari alla legge Islamica. 8) Chiunque faccia propaganda ad una religione diversa dall’Islàm. L’intera nazione è infatti considerata una moschea ed è l’unico Paese al mondo dove non esistono luoghi diu culto di altre religioni. Non esiste, ad esempio alcuna chiesa. I pochi cristiani sauditi si ritrovano in gruppi di discussione su Internet e in incontri privati clandestini in case private. Gli stranieri di religione cristiana hanno il permesso di partecipare a preghiere cristiane presso l’ambasciata del loro Paese (che è quindi territorio di quella Nazione). Ma solo dopo essersi registrati e aver mostrato il loro passaporto straniero. E’ a loro consentito anche partecipare a riunioni religiose presso le palestre di comunità recintate della compagnia nazionale di idrocarburi, la Aramco. Nessun ministro di culto non Islamico può entrare nel Paese. La conversione ad un’altra religione (apostasìa) è punita con la pena di morte. Oggetti di culto di altre religioni, come crocifissi, bibbie, rosari cristiani cattolici e ortodossi, statuette, oggetti con simboli di altre religioni, ecc. sono proibiti. Ai non musulmani (kafirun) è proibito entrare nelle città sante di Mecca e Medina. Le immagini di quelle città sono state eseguite da fotografi e cineoperatori musulmani. Alla polizia religiosa il compito di vigilare anche su queste disposizioni. La polizia Muṭawwiʿiyyah ha recentemente anche sanzionato i regali di San Valentino. L’11 marzo 2012 ha proibito alle alunne di una scuola della Mecca di scappare dall’incendio della loro scuola perché non erano velate, non indossavano la abaya (tunica nera) e non erano accompagnate da un tutore maschio. Nell’incendio sono morte 15 alunne e 50 sono rimaste ferite.

Diversi stati Islamici comminano la rajm, pena di morte per lapidazione, perché la sharia – la legge Islamica – è alla base del sistema giuridico di un Paese teocratico moderno.

Il Corano proibisce i rapporti sessuali fuori dal matrimonio. La lapidazione non è prescritta dal Corano, ma dagli hadith (detti del Profeta). La punizione per chi non osserva questa regola morale consiste in 100 frustate per i colpevoli non sposati[1] o nella lapidazione per quelli sposati, secondo un hadith del profeta Maometto che recita: “Per bikr con bikr (la coppia non sposata) 100 frustate… Per al-thayyab con al-thayyabah (sposati) 100 frustate e la morte per lapidazione”. Il colpevole dev’essere un musulmano praticante adulto e l’accusa va sostenuta da quattro testimoni musulmani maschi testimoni della penetrazione della donna. Per i rapporti omosessuali la pena di morte è prevista in Arabia Saudita (con esecuzione in pubblico), Emirati Arabi Uniti, Iran, Mauritania, Sudan, Somalia e Yemen (dopo l’esecuzione pubblica di una tortura). Per l’adulterio (zina) e la blasfemìa è prevista la lapidazione in Arabia Saudita, Afghanistan (aree tribali), Emirati Arabi Uniti, Sudan, Somalia (corti Islamiche), Iran e dodici stati nel Nord della Nigeria. Il Corano (24,2) non parla di lapidazione, ma di flagellazione per l’adulterio. Se le parti accusate di adulterio si considerano sposate non sono punibili, così come la donna incinta e dopo il parto per la durata di sette anni. Il bambino è attribuito al marito (per i musulmani malikiti del Nord Africa).

Il codice penale iraniano descrive nel dettaglio come eseguire la lapidazione per un adulterio e fornisce suggerimenti di come lapidare sia per uccidere, sia per lasciare in vita. L’articolo 102 prescrive che un adultero uomo sia sepolto nella sabbia sino ai fianchi, mentre  un’adultera donna va sotterrata in una buca sino al seno, prima di essere lapidati a morte. L’articolo 103 si sofferma sul caso in cui il condannato riesca ad uscire dall’immersione nella sabbia. Se vi sono testimoni contro di lui o lei, va rifatta l’esecuzione, se invece il colpevole confessa, la pena va sospesa. L’articolo 104 prescrive che la dimensione delle pietre non debba essere troppo grande al punto da uccidere con uno o due lanci, ma nemmeno troppo piccole al punto da non essere chiamate pietre. L’esecuzione va iniziata dal giudice oppure dal testimone originale dell’adulterio (detto ‘na’aph). Da un’inchiesta del 2007[3] nel più grande stato Islamico, risulta che il 43% degli indonesiani è favorevole alla lapidazione (rajam) per adulterio. In Egitto la percentuale sale all’82%, in Giordania 70%, Pakistan 82%, Nigeria 56%[4].

Nell’Ebraismo la lapidazione è prevista dalla legge rabbinica e può essere comminata solo da una corte di ventitre membri. E’ necessaria la testimonianza credibile di due testimoni oculari e il colpevole doveva essere stato avvisato. Il reo dev’essere maggiorenne, sano di mente e la colpa commessa in piena libertà senza l’aiuto di altri.

Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

 


[1] Sura 24,2 Flagellate la fornicatrice e il fornicatore, ciascuno con cento colpi di frusta e non vi impietosite [nell’applicazione] della Religione di Allah, se credete in Lui e nell’Ultimo Giorno, e che un gruppo di credenti sia presente alla punizione

[2] Bukhari 6:60:79

[3] Trend Dukungan Nilai Islàmis versus Nilai Sekular di Indonesia Lembaga Survei Indonesia 05/10/2007

[4] Pew Research Center. Global attitudes project. Muslim Publics Divided on Hamas and Hezbollah. 02-12-2010


Giornata mondiale contro l’omofobia. Religioni e omosessualità

di Giorgio Nadali

wwww.giorgionadali.it

articolo blogwww.giorgionadali

“I nostri cittadini non devono essere peggiori degli uccelli e di molti altri animali, i quali, generati in grandi frotte, sino all’età della procreazione, non ancora accoppiati, vivono casti e puri, e quando giungono all’età giusta, il maschio si accoppia con la femmina che più gli è gradita, e la femmina con il maschio, e vivono tutto il resto del tempo nella santità e nel rispetto della giustizia, mantenendo stabili i primi accordi del loro amore: bisogna che i nostri cittadini siano appunto migliori delle bestie”. Platone, Leggi, IV sec. a.e.c.

“La Bibbia contiene sei ammonimenti agli omosessuali e 362 ammonimenti agli eterosessuali. Ciò non significa che Dio non ama gli eterosessuali. È solo che hanno bisogno di più controllo”. Lynn Lavner, Butch Fatale, 1992

BIBBIA

Originale A.T.: tow`ebah (abominio)
Originale N.T.: malakos

«Non avrai con maschio (zakar) relazioni (shakab = rapporto sessuale, relazione carnale) come si hanno (mishkab) con donna (‘ishshah): è abominio (tow`ebah)” (Lv 18,22).
«Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due dovranno essere messi a morte; hanno commesso un abominio; il loro sangue ricadrà su di loro». (Lv 20,13)
«Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effemminati, né sodomiti… erediteranno il regno di Dio». (1 Cor 6,9-10 e 1 Tim 1,10)
«Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento… E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa». (Rm 1,26-32)

SODOMIA

Originale A.T.: qadesh      Originale N.T.:   (arsenokoitai)

. (Arsenokoitai). Letteralmente: “Colui che entra dal retro”. E’ il termine greco del Nuovo Testamento, ma non si riferisce alle porte di servizio. E’ il qedeshah giudaico, detto anche keleb, cioè “cane”. Termine ripreso in Apocalisse: «Fuori i cani ()» (Ap 22,15)  non è rivolto ai quadrupedi . Un prostituto sacro, devoto del dio cananeo della fertilità Ba’al: i suoi riti di fertilità dovevano riprodurre i suoi rapporti con la sorella Anat. La capitale di questo rito? Sodoma.

Il termine “sodomita” non esiste nell’Antico Testamento. Viene reso con qedeshah: «Non vi sarà alcuna donna qedeshah dedita alla prostituzione sacra tra le figlie d’Israele, né vi sarà alcun uomo qadesh dedito alla prostituzione sacra  tra i figli d’Israele». (Dt 23,17)

 

TRAVESTITISMO

Originale A.T.: tow`ebah  (abominio.)      Originale N.T.: –

«La donna (‘ishshah) non si metterà un indumento da uomo né l’uomo  (geber) indosserà (labash) una veste (simlah) da donna; perché chiunque fa tali cose è in abominio (tow`ebah) al Signore tuo Dio (Yehovah)». (Dt 22,5)

Nel culto di divinità straniere come Dionisio e Astarte gli uomini si vestivano con abiti femminili, non prima di essersi castrati e d’aver offerto i loro “gioielli” alla dea. Paganesimo libidinoso. Un abominio per il popolo dell’alleanza. Una devianza per la moderna psicologia.

 

Troviamo chiaramente il termine nel Nuovo, con San Paolo: «Non illudetevi:  né immorali, né idolatri, né adulteri, né effemminati,

né sodomiti  Malakoi oute arsenokoitai … erediteranno il regno di Dio».

(1 Cor 6,9-10 e 1 Tim 1,10)

EBRAISMO

Maschile

Condannata. Questi atti sono esplicitamente proibiti da Dio in Levitico 18,22: «Non avrai con maschio relazioni come si hanno con donna: è abominio» e in Lv 20,13: «Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due dovranno essere messi a morte; hanno commesso un abominio; il loro sangue ricadrà su di loro». La lingua ebraica non è molto tenera con l’omosessuale maschio: è volgarmente chiamato mitromèm. Il suo corrispondente femminile è la mitromèmet, che potremmo normalmente tradurre come sgualdrina. Entrambe sono dei Hel’à tinòfet. Colpa grave

Femminile

Consentita, secondo il Talmud. (Shabbat 65a).

CRISTIANESIMO

Lo scrittore e attivista gay David Morrison cercò di coniugare la sua fede battista con la sua omosessualità, ma trovò solo forzature della Parola di Dio, all’interno della sua Chiesa, favorevole all’attività omosessuale. Scrisse Out of the closet, and into chastity.  Aveva bisogno di una “grazia che costi” come la chiama Paul Heffer. Non fu la convinzione che la prosmicuità è connaturale al suo stato psicologicamente narcisistico pre-edipico, né il dovere incontrare un
amico eterosessuale sentendo di dovergli tristemente chiarire: «questo è un abbraccio pulito»,  né il sapere che l’uno percento degli omosessuali considera valido il proprio rapporto col padre o che otto su dieci sono guariti con lo psicoanalista prima dei sedici anni e sei su dieci dopo i venticinque. Non fu il senso di colpa. Fu la fede.

Ortodossi . Condannata

Battisti. Neutrali

Episcopali. Neutrali

Presbiteriani. Tollerata

Avventisti. Condannata

Metodisti. Condannata

Anglicani. Condannata

Quaccheri. Condannata

Nondenominazionali. Neutrali

Ecumenici: Tollerata

Cattolicesimo

1. La Lettera “La cura pastorale delle persone omosessuali” ricorda che la Dichiarazione su alcune questioni di etica sessuale pubblicata nel 1975 dalla Congregazione per la dottrina della fede “teneva conto della distinzione comunemente operata fra condizione o tendenza omosessuale e atti omosessuali”; questi ultimi sono “intrinsecamente disordinati” e “non possono essere approvati in nessun caso” (n. 3).

2. Dal momento che “nella discussione che seguì la pubblicazione della Dichiarazione, furono proposte delle interpretazioni eccessivamente benevole della condizione omosessuale, tanto che qualcuno si spinse fino a definirla indifferente o addirittura buona”, la Lettera prosegue precisando che la particolare inclinazione della persona omosessuale “benché non sia in sé peccato, costituisce tuttavia una tendenza, più o meno forte, verso un comportamento intrinsecamente cattivo dal punto di vista morale. Per questo motivo l’inclinazione stessa dev’essere considerata come oggettivamente disordinata.

Pertanto coloro che si trovano in questa condizione dovrebbero essere oggetto di una particolare sollecitudine pastorale perché non siano portati a credere che l’attuazione di tale tendenza nelle relazioni omosessuali sia un’opzione moralmente accettabile” (n. 3).

3. “Come accade per ogni altro disordine morale, l’attività omosessuale impedisce la propria realizzazione e felicità perché è contraria alla sapienza creatrice di Dio.

Quando respinge le dottrine erronee riguardanti l’omosessualità, la chiesa non limita ma piuttosto difende la libertà e la dignità della persona, intese in modo realistico e autentico” (n. 7).

4. Con riferimento al movimento degli omosessuali, la Lettera afferma: “Una delle tattiche usate è quella di affermare, con toni di protesta, che qualsiasi critica o riserva nei confronti delle persone omosessuali, delle loro attività e del loro stile di vita, è semplicemente una forma di ingiusta discriminazione” (n. 9).

5. “È pertanto in atto in alcune nazioni un vero e proprio tentativo di manipolare la chiesa conquistandosi il sostegno, spesso in buona fede, dei suoi pastori, nello sforzo volto a cambiare le norme della legislazione civile. Il fine di tale azione è conformare questa legislazione alla concezione propria di questi gruppi di pressione, secondo cui l’omosessualità è almeno una realtà perfettamente innocua, se non totalmente buona. Benché la pratica dell’omosessualità stia minacciando seriamente la vita e il benessere di un gran numero di persone, i fautori di questa tendenza non desistono dalla loro azione e rifiutano di prendere in considerazione le proporzioni del rischio, che vi è implicato” (n. 9).

6. “Essa (la chiesa) è consapevole che l’opinione, secondo la quale l’attività omosessuale sarebbe equivalente, o almeno altrettanto accettabile, quanto l’espressione sessuale dell’amore coniugale, ha un’incidenza diretta sulla concezione che la società ha della natura e dei diritti della famiglia, e li mette seriamente in pericolo” (n. 9).

7. “Va deplorato con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevole e di azioni violente. Simili comportamenti meritano la condanna dei pastori della chiesa, ovunque si verifichino. Essi rivelano una mancanza di rispetto per gli altri, lesiva dei principi elementari su cui si basa una sana convivenza civile. La dignità propria di ogni persona dev’essere sempre rispettata nelle parole, nelle azioni e nelle legislazioni.

Tuttavia, la doverosa reazione alle ingiustizie commesse contro le persone omosessuali non può portare in nessun modo all’affermazione che la condizione omosessuale non sia disordinata. Quando tale affermazione viene accolta e di conseguenza l’attività omosessuale è accettata come buona, oppure quando viene introdotta una legislazione civile per proteggere un comportamento al quale nessuno può rivendicare un qualsiasi diritto, né la chiesa né la società nel suo complesso dovrebbero poi sorprendersi se anche altre opinioni e pratiche distorte guadagnano terreno e se i comportamenti irrazionali e violenti aumentano” (n. 10).

8. “Dev’essere comunque evitata la presunzione infondata e umiliante che il comportamento omosessuale delle persone omosessuali sia sempre e totalmente soggetto a coazione e pertanto senza colpa. In realtà anche nelle persone con tendenza omosessuale dev’essere riconosciuta quella libertà fondamentale che caratterizza la persona umana e le conferisce la sua particolare dignità” (n. 11).

9. “Nel valutare eventuali progetti legislativi, si dovrà porre in primo piano l’impegno a difendere e promuovere la vita della famiglia” (n. 17).

Castità e omosessualità nel Catechismo della Chiesa Cattolica

2357 L’omosessualità designa le relazioni tra uomini o donne che provano un’attrattiva sessuale, esclusiva o predominante, verso persone del medesimo sesso. Si manifesta in forme molto varie lungo i secoli e nelle differenti culture. La sua genesi psichica rimane in gran parte inspiegabile. Appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, 238 la Tradizione ha sempre dichiarato che « gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati ». 239 Sono contrari alla legge naturale. Precludono all’atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati.

2358 Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione.

2359 Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Attraverso le virtù della padronanza di sé, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione cristiana.

ISLAM

L’omosessualità (hudud) è un peccato grave. Nel Corano troviamo scritto: «E Lot, quando disse al suo popolo: “compirete forse voi questa turpitudine, tale che mai nessuno la commise prima di voi al mondo? – Poiché voi vi avvicinate per libidine agli uomini anziché alle donne, anzi voi siete un popolo senza freno alcuno” . – Ma la risposta del suo popolo non fu che questa: “cacciateli fuori della vostra città! Sono uomini che voglion farsi passare per puri!”… E facemmo piovere su loro una pioggia distruttrice: considera dunque quale fu la fine degli scellerati”». (Sura 7,80-84) Quindi, nella legge Islamica, l’omosessualità attiva è punita come crimine contro le leggi di Dio, mediante cento frustate, se l’uomo è celibe e con la pena di morte se è sposato. Il partner passivo dev’essere ucciso in ogni caso. Per le donne omosessuali la legge Islamica prevede cento frustate, se sono nubili e la lapidazione se sono sposate.

Il Corano proibisce i rapporti sessuali fuori dal matrimonio. La punizione consiste in 100 frustate per i colpevoli non sposati o nella lapidazione per quelli sposati (secondo gli hadith del profeta Maometto ). Il colpevole dev’essere un musulmano praticante adulto e l’accusa va sostenuta da quattro testimoni musulmani maschi testimoni della penetrazione della donna. Per i rapporti omosessuali la pena di morte è prevista in Arabia Saudita (con esecuzione in pubblico), Emirati Arabi Uniti, Iran, Mauritania, Sudan, Somalia e Yemen (dopo l’esecuzione di una tortura).

INDUISMO

Neutrale

BUDDHISMO

L’omosessualità è vista negativamente dal Buddhismo classico, in quanto infrange il terzo precetto: astenersi dall’abuso dei sensi.
La castità rimane l’ideale buddhista per tutti. Tuttavia il Buddhismo è aperto ad una trasformazione dell’etica e non ha assoluti su ciò che è interamente buono o cattivo. Molto dipende dalle intenzioni e non dalle norme morali.

Buddhaghosa mette in guardia dal micchâdhamma come desiderio sessuale per lo stesso sesso.

SHINTOISMO

L’omosessualità è tollerata. Ihara Saikaku scrisse che i templi buddhisti ed i santuari shintoisti erano luoghi dove le persone omosessuali potevano trovarsi a proprio agio. Tuttora nel teatro giapponese kabuki, l’attore di parti femminili nagata non lascia mai questo ruolo, anche nella vita quotidiana.

L1

Per approfondire:

Giorgio Nadali, Sessualità, religioni e sette. Amore e sesso nei culti mondiali, Roma, Armando, 1999    (Citare la fonte)

Ordina il libro: http://www.unilibro.it/libro/nadali-giorgio/sessualita-religioni-e-sette-amore-e-sesso-nei-culti-mondiali/9788871449326

Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it


TotoPapa. Il papabile al Soglio di Pietro

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

L5

 Vuoi conoscere i retreoscena delle dimissioni di Benedetto XVI? Guarda la mia diretta  su VERO TV, Canale 55 nazionale, di venerdì 15 febbraio 2013 alle 14,25…

http://www.youtube.com/watch?v=FZyFQf5LBMs

e il mio articolo sul settimanale Stop N. 8 del 28 febbraio 2013:

http://www.giorgionadali.it/stop280213a.jpg

http://www.giorgionadali.it/stop280213b.jpg

stop1

Le regole volute da Papa Giovanni Paolo II specificano che il conclave debba iniziare non meno di 15 giorni e non più di 20 giorni dopo la morte del Papa… o pochi giorni dipo le sue dimissioni! Ma questo Giovanni Paolo II non l’avrebbe mai previsto… Volete candidarvi a Papa per una Chiesa pulita opponendovi alle forti lotte di potere interne alla Curia Romana? Forse vi stancherete anche voi, shhh shhh, comunque…

tv487stop3     Il papa guida un miliardo di fedeli.  Nessun altro uomo al mondo ha un potere e un’influenza così  grande. Almeno sul piano spirituale, ma certamente anche sul piano politico e sociale. Adriano I nel 772 d.C. fu eletto a 80 anni di età. Il più anziano.  Benedetto  IX nel 1032 d.C. fu il più giovane pontefice, eletto a soli dodici  anni di età. Secondo altre fonti dai diciotto ai venti.  A quel tempo era facile diventare papa. Bastava essere nobile. Bebedetto IX era figlio del Conte di Tuscolo,  Alberico III,  era nipote di Benedetto VII, anch’egli della nobile famiglia dei Tuscolo, e di papa Giovanni XIX, della stessa casata.  La madre era una delle sorelle di Giovanni XV e  Giovanni XII era zio di suo padre.  Giovanni XI e Giovanni XIII erano rispettivamente zio e cugino del suo prozio Giovanni XII.  Papa Sergio III,  padre di Papa  Giovanni XI, anche lui un Tuscolo, era suo pro-prozio. Insomma, un Tuscolo nepotismo.  Lo Spirito Santo poteva fare ben poco per ispirare la scelta del successore dell’apostolo Pietro.  265 è il numero dei pontefici ad oggi, di cui 81 fatti santi  e

tv485

Oggi in teoria oggi un fedele per essere eletto come successore di San Pietro ad validitatem deve:
- essere un battezzato (ex aqua et Spiritu Sancto)
- di sesso maschile e non sposato (se viene scelto tra coloro che hanno l'ordine episcopale è sicuramente battezzato di sesso maschile non sposato. Come pure se non ha l'ordine episcopale, dovendo immediatamente essere ordinato Vescovo deve per la validità dell'ordinazione essere un battezzato di sesso maschile non sposato).

Quindi o un Vescovo cattolico (quindi anche i Cardinali sono inclusi se già possiedono l'Episcopato), o un Presbitero cattolico, o un Diacono cattolico oppure anche un laico cattolico purché battezzato e di sesso maschile.

Se l'eletto è scelto tra coloro che non hanno l'Episcopato, e che quindi, una volta eletto dovrà essere ordinato Vescovo bisogna aggiungere le indicazioni che vengono date per la nomina di un nuovo Vescovo ma che avrebbero solo un valore orientativo:

–           Saldezza di fede, buoni costumi, pietà, zelo delle anime, saggezza, prudenza, virtù umane e ogni altra qualità che dimostri l'attitudine del Soggetto all'adempimento del suo ufficio.
- Buona reputazione
- L'età di almeno 35 anni
- Almeno 5 anni di presbiterato
- Laurea o almeno licenza in sacra Scrittura, Teologia o Diritto Canonico, conseguite in un Istituto di Studi Superiori approvato dalla Sede Apostolica.
(quest'ultime disposizioni non sono vincolanti per l'elezione canonica).

Semplice no?  In realtà i cosiddetti papabili – così vengono chiamati dai vaticanisti i cardinali che hanno buone possibilità di essere eletti  papa – sono pochi.  In tempi recenti sono stati eletti anche cardinali non considerati papabili, come Giuseppe Sarto (Pio IX), Achille Ratti (Pio XI), Angelo Roncalli (Giovanni XXIII), Albino Luciani (Giovanni Paolo I) e Karol Wojtyla (Giovanni Paolo II). Nnei sacri palazzi circola già una lista di papabili con ottime possibilità. Tutte ben motivate.

  1 . Odilo Pedro Scherer (60), Brasile, Arcivescovo di San Paolo

  2. Ennio Antonelli (73), Italia,  Presidente del Concilio per la Famiglia (Curia Romana)

  3. Marc Ouellet (65), Canada, Arcivescovo di Québec

  4. Wilfrid Fox Napier (68), Sud Africa, Arcivescovo di Durban

  5. Angelo Scola (71), Italia, Arcivescovo di Milano

  6. Philippe Xavier Barbarin (59), Francia, Arcivescovo di Lione

  7. Óscar Rodríguez Maradiaga (67), Honduras, Arcivescovo di Tegucigalpa

  8. Christoph Schönborn (64), Austria, Arcivescovo di Vienna

  9. Agostino Vallini (69), Italia, Vicario Generale di Roma

 10. José da Cruz Policarpo (73), Portogallo, Patriarca di Lisbona

11. Gianfranco Ravasi (70), Italia,  Presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura 

Ma gli interessati sanno che “chi entra in conclave papa, ne esce cardinale”.

tv488

Precisa il Codice di diritto canonico:

 « I Vescovi, che per divina istituzione sono successori degli Apostoli, mediante lo Spirito Santo che è stato loro donato, sono costituiti Pastori della Chiesa, perché siano anch’essi maestri di dottrina, sacerdoti del sacro culto e ministri del governo »  (Can. 375)

Secondo questo testo, e secondo le linee comuni della teologia, il ministero o servizio del vescovo si sviluppa lungo tre direttrici, partendo dalle tre caratteristiche di Cristo (regalità, profezia, sacerdozio):

Dimensione regale (governare, cioè servire): il vescovo è il responsabile dell’attività pastorale della comunità diocesana, il primo dei servitori del popolo di Dio e quindi del regno di Dio.

Dimensione profetica (insegnare): il vescovo è il maestro nella fede del popolo di Dio a lui affidato, ha la funzione di insegnare con autorità la dottrina rivelata da Dio.

Dimensione sacerdotale (santificare): presiedendo la celebrazione dei sacramenti, è strumento di Dio per la santificazione del suo popolo.

Oltre alle insegne episcopali ricevute durante la consacrazione (anello, mitria e pastorale) e ai paramenti propri del presbitero, durante i vari riti liturgici il vescovo indossa la croce pettorale, solitamente in metallo e affrancata ad una catena o cordiglio di colore verde/oro e lo zucchetto di colore paonazzo. Nei pontificali il vescovo presidente indossa sotto la casula o pianeta anche la dalmatica. Se il vescovo è insignito del titolo di arcivescovo metropolita (cioè è a capo di una metropolita, una circoscrizione ecclesiastica comprendente più diocesi)indossa, sopra la casula, il pallio, che esprime il legame con il pontefice romano.

In occasione di visite pastorali o se assiste (ovvero non prende parte diretta alla celebrazione) a riti religiosi, il vescovo indossa l’abito corale, mentre ordinariamente indossa l’abito piano.

Anche tra i vescovi stessi esiste una gerarchia: il grado più alto è quello di patriarca, a cui segue, nelle chiese cattoliche orientali, quello di arcivescovo maggiore; quindi gli arcivescovi metropoliti, che sono i vescovi a capo delle arcidiocesi metropolitane, sedi principali di una provincia ecclesiastica composta, oltre alla sede metropolitana, da una o più diocesi suffraganee. L’arcivescovo metropolita, oltre agli abiti episcopali comuni a tutti i vescovi, indossa il pallio che gli è proprio. Il pallio e il pastorale possono essere portati solo nel proprio ambito di giurisdizione. C’è inoltre da precisare che alcune sedi suffraganee sono comunque “arcidiocesi”, non metropolitane. Il vescovo di tale sede suffraganea è dunque arcivescovo, senza essere metropolita e senza indossare il pallio.

Vuoi saperne di più?

Giorgio Nadali, “La Croce e l’Anello. Misteri e segreti delle carriere ecclesiastiche”, Edizioni Segno, Udine, 2010,  ISBN 978-88-6138-239-8

 http://www.webster.it/libri-croce_anello_nadali_giorgio_segno-9788861382398.htm

http://www.amazon.it/La-croce-lanello-Giorgio-Nadali/dp/8861382398/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1360797211&sr=8-2

http://www.libreriadelsanto.it/libri/9788861382398/la-croce-e-lanello.html

http://catalog.ptsem.edu/cgi-bin/Pwebrecon.cgi?DB=local&BOOL1=all+of+these&FLD1=Keyword+Anywhere+(GKEY)&CNT=25+records+per+page&SAB1=ocn646006667

 Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it


Gesù e la politica

[polldaddy poll=6870029]

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

Gesù e la politica - Giorgio Nadali

Ci hanno provato in molti. Hanno cercato di trovare un sostegno alla loro visione politica negli atteggiamenti di Gesù Cristo. La tentazione di trovare un alleato in Gesù e conquistare un notevole numero di voti dall’elettorato cristiano è sempre stato un obiettivo di diversi schieramenti ideologici.
I pastori impegnati in politica. Dal prete “no global” Don Vitaliano della Sala, noto alle cronache per il boicottaggio alla guerra nella ex Jugoslavia e la partecipazione alle manifestazioni dei No Global, compreso il G8 di Genova, sospeso per “comportamenti gravemente e pubblicamente offensivi della comunione della Chiesa. Padre Zanotelli, ex direttore di “Nigrizia”, oggi personaggio simbolo dei no global di tutto il mondo. Padre Eugenio Melandri di “Missione Oggi”, che entrò in politica e fu eletto deputato al parlamento europeo nelle liste del Partito della rifondazione comunista. A Don Gianni Baget Bozzo, al quale addirittura una rivelazione privata di Gesù, rivelò diversi anni fa di diffidare delle coalizioni di sinistra.
I teologi. Primo tra tutti Leonardo Boff, il teologo brasiliano francescano, autore della “teologia della liberazione”. Sulla giustizia sociale, «dimensione costitutiva della predicazione del vangelo» (Sinodo dei vescovi 1971 n. 6) (37-46).

Luogo proprio della lotta per la giustizia è il campo politico. La politica, «modo esigente, benché non unico, di vivere l’impegno cristiano al servizio degli altri» (Octogesima adveniens n. 46), ha il compito di «precisare i valori fondamentali di tutta la comunità, la sua concordia interna e la sua sicurezza esterna, conciliando l’uguaglianza con la libertà, l’autorità pubblica con la legittima autonomia… Definisce pure i mezzi e l’etica delle relazioni sociali. In questo senso ampio, la politica interessa la chiesa e pertanto i suoi pastori, ministri dell’unità» (Puebla n. 51). Sotto questo aspetto la chiesa deve entrare nella politica: «la chiesa critica coloro che tendono a ridurre lo spazio della fede alla vita personale e familiare, escludendo l’ordine professionale, economico, sociale e politico; come se il peccato, l’amore, l’orazione e il perdono non avessero importanza in tali settori» (Puebla n. 515). In questo campo la neutralità di fatto non si dà: «c’è una strumentalizzazione della chiesa che può provenire dai suoi stessi cristiani, sacerdoti e religiosi, quando annunciano un vangelo senza connessioni economiche, sociali, culturali e politiche. In pratica, tale mutilazione equivale a una certa collusione, benché inconsapevole, con l’ordine costituito» (Puebla n. 558) (46-48). La politica invece quale «attività destinata all’amministrazione o alla trasformazione della società mediante la conquista e l’esercizio del potere statale» è estranea alla competenza della chiesa, ed è atto proprio del laico (49). Di qui le specifiche competenze all’interno dei ministeri della chiesa (51-53). La militanza in determinati partiti è di personale responsabilità dei laici, ma nella specifica situazione dell’America latina la fede guida e giudica la militanza partitica su due punti: a) opzione fondamentale per i poveri, già fatta propria dalla pastorale delle chiese locali; b) opzione della liberazione integrale mirante alla trasformazione dell’attuale situazione in un’altra più fraterna e più giusta (53-54).

Ma Gesù, in forza del suo ministero e del suo messaggio, ha sempre evitato lo scontro politico, in particolare il messianismo politico, condiviso dalla maggioranza dei giudei del suo tempo. Costituiva un visione materialistica delle profezie dell’antico testamento e del messia. L’avvento di una teocrazia da una parte, e di un potente e misterioso rivoluzionario. Gesù rifiuta di stabilire relazioni su un piano politico e temporale e per questa ragione, per essere aperto a tutti gli uomini, fa saltare tutte le categorie ideologiche in cui avrebbero voluto (e ancora molti vogliono) imprigionarlo. Non accetta il nazionalismo degli zeloti, ma accoglie uno dei loro tra i dodici. Quello che poi, anche a causa della delusione per la sua apoliticità, lo tradirà. Respinge la visione teocratica dei farisei, ma rimane aperto ad un profondo dialogo con Nicodemo. Rifiuta di condannare l’invasione coloniale di Cesare e invita anzi a dargli il dovuto. Gesù non giustifica l’occupazione romana, ma vuole portare ad un atteggiamento positivo verso il potere politico. Non semplice sottomissione come per i sadducei e gli erodiani, ma neanche lotta violenta, come per gli zeloti e molti farisei. Chiede di rinunciare al disprezzo per Cesare e di riconoscere il suo potere affermando quindi la necessità di strutture politiche dell’esistenza terrena, da accettare e da cambiare in modo nonviolento. Sottolinea l’umiltà dei collaborazionisti pentiti, i pubblicani. Grida “Guai a voi ricchi!”, ma non esalta né il pauperismo, né la lotta di classe. Ricorda che anche i ricchi potranno salvarsi. La ricchezza, e dunque la proprietà privata, non sono stigmatizzate. Gesù ricorda che semplicemente possono diventare un ostacolo alla salvezza, nel caso divengano degli idoli.

Vediamo ora brevemente come non si possa giustificare un orientamento politico partendo da Gesù e tanto meno tirare la sua tunica da una parte.

Chi vorrebbe “portare” Gesù a sinistra

rivendica i valori dell’attenzione ai più deboli, alla solidarietà, alla giustizia sociale, dell’economia equa e solidale… In realtà la visione originaria del marxismo nega i valori religiosi. Marx ha elaborato la sua nota teoria della religione come “oppio dei popoli”.  Secondo questa teoria la religione è il prodotto di un’umanità alienata e sofferente per causa delle ingiustizie sociali, quindi se la religione è il frutto malato di una società malata, l’unico modo per sradicarla è quello di distruggere le strutture sociali che la producono, cioè abbattere la società di classe. Un’idea originaria, ma anacronistica? Proseguiamo nella storia. A giudizio di Gramsci (uno dei padri della sinistra in Italia) il comunismo era “La religione che doveva ammazzare il cristianesimo. Religione nel senso che anch’esso è una fede, che ha i suoi martiri e i suoi pratici; religione perché ha sostituito nelle coscienze al Dio trascendentale dei cattolici la fiducia nell’uomo e nelle sue energie migliori come unica realtà spirituale”. Per Togliatti Mentre con i veri cattolici il comunismo può coesistere solamente nella lotta, la sua consistenza con le religioni che accettano il relativismo dialettico può essere senz’altro pacifica. Gesù disse: “Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno”. (Mt 5,37) Non esiste relativismo per un cristiano. «Io sono la via, la verità e la vita”. (Gv 14,6) Il relativismo è la negazione della verità. Nel cattolicesimo la difesa degli ultimi e la giustizia internazionale non provengono dalla lotta (materialista) di classe, ma dall’applicazione pratica dei valori spirituali della magna carta della morale evangelica: le otto beatitudini. Il materialismo dialettico del comunismo esclude l’orizzonte spirituale e, senza Dio, diventa utopia ideologica.

Il marxismo. Un’ideologia che ha fatto 100 milioni di morti. Quanti studenti conoscono l’holodomon? Lo sterminio di 7 milioni di ucraini da parte di Stalin? Quanti conoscono l’alleanza segreta tra Stalin e Hitler? Quanti sanno cos’era un Gulag? (Dove Lag sta per Lagerej – Lager). Quanti sanno che nazismo (nazional socialismo) e socialismo internazionale marxista sono entrambe ideologie che non accettano l’uomo? Il nazismo è basato su una falsa biologia. Una “razza” (quella ariana) contro le altre. Ideologia basata sulla superbia. Motto dei campi di concentramento: Arbeit macht mann frei – Il lavoro rende liberi. Il marxismo è basato su una falsa sociologia. Una classe sociale – i proletari – contro tutti gli altri, specialmente i borghesi. Il merito personale e la ricchezza individuale sono ciminalizzate. Un ricco è certamente un criminale. Ideologia basata sull’invidia. Motto dei campi di lavoro in Siberia: Il lavoro nobilita. Cosa c’è e cosa c’era sullo stemma di chi si rifà o si rifaceva storicamente a questa ideologia? Falce e martello. Strumenti del lavoro manuale.   

Chi vorrebbe “portare” Gesù a destra

può rivendicare la storica alleanza tra Mussolini e la Chiesa Cattolica, culminato nei Patti Lateranensi del 1929 col Concordato. Ma anche il rispetto dei valori della famiglia, contro il divorzio, e della vita, contro l’aborto e i valori specificatamente di fede. Ma va anche ricordato che, come il materialismo dialettico di Marx è ideologia antireligiosa, così anche il liberalismo economico sfrenato rimane per il cristiano una forma di paganesimo, perché Gesù disse: «Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni» (Lc 12,15). Non è il capitalismo in quanto tale che è in discussione. Il libero mercato è certamente più in linea con la dignità della persona umana, rispetto al marxismo, che nega la libera iniziativa economica e penalizza fortemente le qualità individuali, appiattendo tutti con l’idea di un’utopica uguaglianza sociale (non di parità della dignità umana). E’ invece da condannare la separazione tra eticità ed economia. Quando al centro dell’attività economica non c’è più l’uomo e i suoi diritti, ma solo il profitto. Quando al centro della politica non c’è la dignità umana e la sua promozione, ma il potere. Potere che per un cristiano deve sempre divenire servizio agli altri.

Giorgio Nadali

 www.giorgionadali.it


Ora di Religione a scuola. Patrimonio culturale europeo

[polldaddy poll=6568463]

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

E’ presente in 22 Paesi d’Europa. In 10 di questi è obbligatoria. Contribuisce a capire la società e la cultura che ci circondano. L’Italia la vuole perché riconosce il valore della cultura religiosa e tiene conto che i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano. Insomma, è l’ora di religione a scuola. Non l’ora dei cattolici (e nemmeno dei credenti), non una succursale del catechismo, non una stranezza italiana o un’ingerenza del Vaticano nella scuola laica italiana. In Svezia e nei Paesi Bassi è obbligatoria, senza possibilità di esonero. Un servizio nella scuola, legato alla cultura e alla storia del proprio Paese. L’Italia vede sempre più alunni stranieri nelle scuole. Alunni che – proprio per integrarsi – hanno bisogno di comprendere meglio la cultura che ha fondato l’Italia e che la permea. La cultura cattolica. E poi – non c’è vera cultura senza religione. E’ possibile essere atei, ma è dura essere ignoranti. Era d’accordo anche un sociologo ateo come Durkheim: “Non esistono popoli conosciuti senza religione. La religione ha dato vita a tutto ciò che è essenziale nella società”.

Nessuno si sognerebbe di eliminare i 59 giorni di vacanza legati al Cattolicesimo. Esattamente 56 festività in meno di quelle esclusivamente laiche  presenti sul calendario. Anche le 52 domeniche provengono dalla cultura cristiana. La domenica è il dominus die, cioè “giorno del Signore”. In russo addirittura la parola domenica significa “risurrezione”. воскресенье.  Solo nei Paesi cristiani è un giorno festivo e di riposo. Nessuno vorrebbe togliere le croci “greche” verdi sulle farmacie o quelle dalle autoambulanze. E nemmeno la grande croce presente sul palazzo più statale d’Italia. Il Quirinale. Allora, l’ora di religione deve rimanere così com’è adesso. Già prevede nei suoi programmi la storia delle Religioni. Un insegnamento laico e slegato dalla Chiesa non è possibile da quando sono state chiuse in Italia le facoltà statali di teologia. Correva l’anno 1861.  Ma non sarebbe nemmeno corretto. Se è la cultura cattolica quella di in gran parte ha fondato l’Italia, allora chi vigila sull’insegnamento della materia deve essere formato e reso idoneo dalla Chiesa cattolica. Con buona pace di laicisti e non cristiani e anche dei fratelli non cattolici.

Ciò non significa che non siano previsti nel programma insegnamenti legati alle altre Confessioni cristiane e alle altre Religioni. Ma si sa. Uno degli sport nazionali italiani – oltre al calcio e alla giustizia colabrodo – è fare figli senza educarli. Meglio passare un’ora in giro per i corridoi o uscire di scuola quando nevica per poi rientrarvi alla fine dell’ora di religione, piuttosto che avere appreso qualcosa in più sulle religioni e essersi confrontati con i propri compagni e l’insegnante. Non preoccupano sono solo i fondamentalismi islamici. C’è il vuoto assoluto del fanatismo ideologico di chi – di fatto – insegna ai figli che la cultura religiosa è decisamente meno importante di Facebook e del Grande Fratello.  Sempre meno studenti – grazie ai loro genitori – la pensano come Paolo Mieli: «Io non sono cattolico, la mia famiglia è di origine ebraica e quando ero a scuola, trentacinque anni fa, ero esonerato dall’ora di religione. […] Da quel momento [l’incontro con un insegnante di religione cattolica capace], per i successivi cinque anni (i due anni del ginnasio e i tre anni del liceo), io rimasi, per scelta, a tutte le lezioni di religione e questo dialogo, a volte puntuto a volte condotto in spirito di franchezza e onestà, non un dialogo compiacente, è stato un momento fondamentale della mia vita. Io ero, appunto, un non credente che invitato a partecipare a quell’ora la sceglieva volontariamente, a differenza di tutte le altre ore di scuola. Le altre ore di scuola le facevo perché ero tenuto a farle, perché la famiglia mi obbligava a farle, perché dovevo crescere, dovevo diplomarmi, dovevo prendere la maturità e poi laurearmi. Quell’ora, invece, me la sceglievo, per cui nella storia della mia giovinezza l’ora di religione è l’ora della scelta, l’ora della libertà, l’ora del confronto, l’ora della crescita».

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo  ha detto: «Credo che l’insegnamento della religione nelle scuole così come è concepito oggi non abbia più molto senso. Nelle nostre classi il numero degli studenti stranieri e, spesso, non di religione cattolica tocca il trenta per cento. Sarebbe meglio adattare l’ora di religione trasformandola in un corso di storia delle religioni o di etica». Quello che non ha molto senso sembra invece dare ad intendere che l’Italia non abbia una sua cultura fondante – come del resto è per tutti i popoli della Terra dato che non esistono popoli non religiosi – e che questa è basata sul Cattolicesimo. Una proposta del genere equivale a dire eliminiamo le domeniche e – perché no – anche il Natale, perché musulmani o ebrei d’Italia non si riconoscono in queste feste… E dire che Profumo è stato ex presidente del CNR… Una carica che presuppone intelligenza nel senso letterale del termine. Saper leggere dentro le cose e i fatti.

Ragione senza fede e fede senza ragione sono i due lati della medaglia dell’integralismo.

L’Ora di Religione in Europa
Paese Normativa Modalità Confessione di riferimento Materia alternativa Statuto dell’insegnante Note
Austria BGBL 190/1949;
modificato da BGBL 329/1988
obbligatoria con facoltà di esonero cattolica nessuna statale con idoneità ecclesiastica
Belgio leggi nel 1959; 1988; 1997 obbligatoria con scelta alternativa cattolica, ebraica, ortodossa, islamica, protestante etica non confessionale regionale con idoneità ecclesiastica o statale maggioranza (60%) di insegnamento cattolico
Cipro art. 110 della costituzione;
legge 12/1965
obbligatoria con facoltà di esonero ortodossa nessuna statale con idoneità ecclesiastica
Danimarca leggi statali obbligatoria con facoltà di esonero insegnamento non confessionale nessuna statale con laurea teologica statale
Estonia legge del 1993 obbligatoria con facoltà di esonero insegnamento cristiano ecumenico religioni comparate statale
Finlandia legge del 2003 obbligatoria con facoltà di esonero insegnamento protestante luterano etica statale
Francia nessuna;
Alsazia – Lorena: cattolica
cattolica in Alsazia – Lorena nessuna statale in Alsazia – Lorena
Germania costituzione del 1949;
legislazione affidata ai singoli stati federali (land) in collaborazione con le comunità religiose;
in alcuni stati, concordati tra stato e comunità religiose
diritto alla partecipazione all’insegnamento, se questo è offerto e se la partecipazione non è in contrasto con il volere della comunità religiosa responsabile;
in alcuni stati, partecipazione obbligatoria con facoltà di esonero
una qualsiasi delle religioni praticate sul territorio federale
(attualmente sono offerti insegnamenti buddisti, cristiani, ebraici e islamici)
etica, filosofia, “Lebenskunde” (cognizioni di vita) statale con giuramento alla costituzione e abilitazione della relativa comunità religiosa Eccezione: Brema non riconosce la collaborazione costituzionale fra stato e comunità religiose e impartisce un insegnamento statale obbligatorio (con facoltà di esonero) di “Storia della Bibbia”; in alcune scuole anche “Principi Islamici”, etica o filosofia
Grecia costituzione 1975 obbligatoria con facoltà di esonero ortodossa nessuna statale con studi teologici statali
Irlanda art. 42 della costituzione facoltativa cattolica nessuna abilitazione e idoneità ecclesiastica
Italia nuovo concordato 1984;
dpr 751/1985
facoltativa cattolica studio assistito;
studio libero;
nessuna
statale con abilitazione e idoneità ecclesiastica
Lettonia legge 1995;
accordo 25/10/2002
opzionale luterana, cattolica, ortodossa, battista, ebraica etica idoneità ecclesiastica
Lussemburgo intesa 1997 opzionale luterana, cattolica, calvinista etica idoneità ecclesiastica
Malta legge 1991;
accordo del 25/3/1995
obbligatoria con facoltà di esonero cattolica nessuna idoneità ecclesiastica
Paesi Bassi leggi statali;
riforma 1999
obbligatoria non confessionale nessuna
Polonia concordato;
legge 15/3/1998
opzionale cattolica, protestante, ortodossa, ebraica etica idoneità ecclesiastica
Portogallo concordato 1940; 1975 opzionale cattolica etica idoneità ecclesiastica
Regno Unito Education Act 1944; 1988 obbligatoria con facoltà di esonero insegnamento comparativo con priorità alla tradizione cristiana nessuna statale con studi teologici statali
Repubblica Ceca nessuna discussione sull’introduzione
Slovacchia legge 14/11/2000 opzionale cattolica etica idoneità ecclesiastica
Slovenia nessuna discussione sull’introduzione
Spagna costituzione 1978; concordato 1979 opzionale cattolica, protestante, ebraica, islamica nessuna idoneità ecclesiastica
Svezia leggi statali 2000 obbligatoria approccio ‘oggettivo’ nessuna statale con studi teologici statali
Ungheria legge 79/1992; 4/1990 opzionale religioni tradizionali nessuna idoneità ecclesiastica

I cattivi maestri di black bloc, indignati e violenti

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

Amo l’odio, bisogna creare l’odio e l’intolleranza tra gli uomini, perché questo rende gli uomini freddi e selettivi e li trasforma in perfette macchine per uccidere“. Chi l’ha scitto? Che Guevara. Bandiere col suo volto alle manifestazioni di pacifisti, “indignati”, di semplici comunisti… Un volto, un programma di vita.  Il “Che” diceva: “Mi rendo conto di aver maturato in me qualche cosa che da tempo cresceva nel frastuono cittadino: l’odio per la civiltà, la rozza immagine di persone che si muovono come impazzite al ritmo di quel tremendo rumore”. Ed ecco pronte orde di animali in preda a deliri vandalici, perché  “La via pacifica è da scordare e la violenza è inevitabile. Per la realizzazione di regimi socialisti dovranno scorrere fiumi di sangue nel segno della liberazione, anche al costo di vittime atomiche”. Non c’è da meravigliarsi che un’ideologia basata sull’odio generi individui pronti alla violenza. D’altra parte, chi non è all’altezza di costruire può solo distruggere. 100 milioni le “vittime del comunismo”. In comune col Nazismo: entrambe le ideologie non accettano la natura umana. Vogliono cambiare l’uomo. In peggio. Il Nazional Socialismo (Nazismo) discrimina su base razziale. E’ una falsa biologia. Il Comunismo discrimina su base sociale. Lotta di classe. Proletari contro borghesi. Una fasa sociologia. L’invidia è alla sua base. Se hai delle qualità migliori degli altri, queste non possono emergere. Tutti devono appiattirsi all’ideologia. Ideologie contro. Mai “per”. Un cancro della società che oggi è malata anche di altri 3 grandi mali: il relativismo (opinioni assunte a verità, non vi sono verità valide per ogni uomo. Il bene e il male sono cose relative. Tranne poi compiacersi della carta universale dei diritti umani, nata in ambiente cristiano. Universale è il contrario di relativo). La proliferazione di presunti diritti. Oggi al parola magica per far passare ogni capriccio è “diritto”. E’ chiaro che il relativismo favorisce questo. Non essendoci una verità assoluta sull’Uomo, ogni opinione è buona. Ogni capriccio è un diritto. Terzo. La libertà senza la responsabilità. Deresponsabilizzando la persona la libertà diventa il terreno dell’utilitarismo più cinico.

Forse chi ha distrutto la statua della Madonna nei recenti scontri di Roma non sa che l’unica Religione che considera ogni uomo come un fratello è il Cristianesimo. Dovrebbe provare ad essere un lebbroso in India e subire il disprezzo dei sacerdoti indù che ti dicono che se sei così è frutto del tuo karma, che è peggio per te, che sei un fuori casta. Chi prende l’aereo e va ad aiutare quei poveracci sono i cattolici. Non per convertire, ma per amare ogni uomo in nome di un Dio che è “uno di noi”, che si è fatto “uno di noi”. Gli stessi che ti danno un piatto di minestra se non sai come mangiare all’ora di pranzo. Prova a a bussare al tuo centro sociale o al tuo Sindaco… E non ti chiederemo se sei bianco o nero, clandestino o regolare, musulmano o ateo. Neanche se sei un deficiente, o ti compiaci della tua ideologia distruttrice, hai per idoli dei criminali, o ti piace la morte, l’aborto, l’eutanasia, la droga, e tutto ciò che non ha niente a che fare con l’amore vero…  perché – lo sappiamo – lo scriveva Konrad Adenauer: “all’intelligenza Dio ha posto limiti, alla stupidità no”.
  

PACE CRISTIANA

PACIFISMO IDEOLOGICO
 X  E’ basata su 4 princìpi fondamentali:X  GIUSTIZIA, VERITA’, CARITA’, LIBERTA’ La Veritàdistingue il bene dal maleX  La Giustiziastabilisce diritti e doveri e li rispettaX  La Libertàtutela la dignità della persona X  La Caritàcrea le condizioni per la pace: Perdono (lo chiedo o lo offro). Aiuto di chi è in difficoltà (difesa, protezione, sostegno…)X  Il simbolo della pace è la Croce di Cristo: Colui che vincendo per noi la morte e il peccato ci ha riconciliati con Dio Padre.X  E’ impegno per la giustizia e frutto della caritàX  E’ dono di Dio. La shalombiblica è pienezza del bene e della verità.X  Ha 2000 anni

X  Non esiste pace senza giustizia e verità. La verità è qui il rispetto della dignità di ogni uomo, figlio di Dio.

X  Gesù dà la sua pace non come la dà il mondo. Vuol dire una pace duratura con Dio che mi fa rispettare e amare ogni figlio di Dio.

X  E’ pronta al sacrificio personale per ristabilire la pace, a costo della propria croce. L’indifferenza

X  non costruisce la pace

X  E’ pronta al dialogo

X  La non violenza è non odiare e cercare soluzioni pacifiche. Non vuol dire non difendersi

X  Prevede il diritto ad una legittima difesa

X  Prevede l’uso della forza, anche militare in caso di attacco esterno o quando ogni sforzo diplomatico è risultato inutile (ius ad bellum. S. Agostino). Gli stati hanno il diritto di difendersi.

X  Non è per il disarmo totale. Gli eserciti servono a mantenere la pace, come deterrente contro i violenti e per difendere la propria nazione. Ogni caserma ha un cappellano militare, un sacerdote col grado di ufficiale per assistere i militari cattolici. Esiste un Ordinario (un Vescovo) militare.

X  L’obiezione di coscienza contro il servizio militare non è (quindi) obbligatoria

X  “Vi è stato detto: Occhio per occhio, dente per dente” (Ain ta ha ain Shen ta ha shen). Ma io vi dico di non opporvi al malvagio. Anzi, se uno ti percuote sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra” (Gesù, Vangelo di Matteo 5,39)

        Non vuol dire subisci passivamente la violenza,

        ma dai un’altra possibilità al confronto pacifico.

        Gesù invita a rinunciare alla logica della 

        vendetta, ancora presente nell’Antico  

         Testamento.

X  In caso di assoluta necessità si può colpire l’aggressore.

X  Violenza è solo l’abuso delle proprie forze (fisiche, morali, psicologiche). La difesa di un innocente non è violenza. Solo l’aggressione lo è.

 

 

  • E’ lotta politica
  • E’ ideologia politica
  • Il simbolo della pace, è in realtà un simbolo anticristiano. La croce rovesciata e cerchiata. Nacque negli anni settanta quando alcuni movimenti pacifisti antireligiosi credevano che senza la religione ci sarebbe stata pace nel mondo. Essa rappresenta la croce del cristo con le braccia abbassate in segno di disperazione. Infatti il simbolo è anche la Runa della Morte nell’alfabeto runico Futhark
  • Mette sullo stesso piano aggrediti e aggressori
  • Nega il diritto ad uno stato di una difesa armata
  • Ha 36 anni (Berkley 1968)
  • E’ per il disarmo totale incondizionato
  • Nessun uso della forza, anche se necessario e inevitabile per aiutare un popolo oppresso da un regime violento.
  • E’ contrario all’invio di nostri militari per le missioni di mantenimento della pace (peace keeping) in stati che hanno appena ristabilito una precaria situazione di pace (Es. Kossovo, Afghanistan, ecc.)
  • Molti episodi violenti in manifestazioni pacifiste (rottura di vetrine, imbrattamenti con vernice, atti di vandalismo, ecc.)
  • E’ semplice quieto vivere
  • Odia chi la pensa diversamente
  • Obiezione di coscienza al servizio militare
  • Spesso si ispira ad un’ideologia politica che è presente in diversi stati come dittatura e negazione violenta dei diritti umani (Cuba, Corea del Nord, Cina, ecc.) e che ha causato 240 milioni di morti dissidenti dal regime negli ultimi cento anni.
  • E’ “antimperialista”
  • E’ fanatismo ideologico. Come ogni fanatismo dice: “Chi non è con noi è contro di noi”
  • La pace del mondo è una pace provvisoria e di tipo politico. C’è pace quando non c’è guerra. Non è la pace con Dio.
  • Parla di pace, ma odia qualcuno. (Es. l’America, Bush, ecc.). La Chiesa invita alla pace, ma non parla di pace condannando qualcuno.  
  • Agisce contro dei simboli (Questo è tipico di qualsiasi fanatismo)

 

Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it


Moschea vicino a casa tua? Un grido in arabo ogni mattina ti sveglierà alle 4.30

di Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it

Si fa presto a dire moschea. Certo, il diritto di culto è sacrosanto. Sono d’accordo. Lo sai, amo tutte le Religioni e le ho studiate a fondo. E un minimo di cultura religiosa a volte può aiutare anche te…

Tu lo sai vero cos’è l’adhan islamico, vero? No? Ne ero certo. E invece dovresti. Così quando la moschea del tuo quartiere sarà pronta e ti sveglierai di soprassalto al grido del muezzin, non potrai dire: “Ah, ma questo non lo sapevo!” Non potrai dire “Ma cosa … succede?” quando una mattina un urlo prolungato in arabo della durata di dieci minuti echeggerà in tutto il tuo quartiere dai potenti altoparlanti del minareto della nuova moschea sotto casa tua. Stai tranquillo, tutto il quartiere lo sentirà bene, non solo tu! Potresti benissimo organizzarti facendo istallare dei doppi vetri, o acquistare dei tappi per le orecchie.

Sì, l’adhan delle 4 e trenta del mattino è quello più evidente nel silenzio dell’alba. Poi ne seguiranno altri 4 durante la giornata sino a quello della sera. Ad orari prestabiliti. Tutti in arabo. Tutti di dieci minuti. Avrai occasione di impararli a memoria.

Eccoti dunque la formula dell’adhān nell’Islàm sunnita (quello della moschea sotto casa tua probabilmente – dato che quello sciita lo trovi solo in Iran). Così saprai cosa urla chi ti sveglierà ogni mattina. E’ un grido religioso, sai! E non illuderti. Non può esserci una moschea senza minareto e minareto senza muezzin che grida l’adhan. Un centro islamico non ha un minareto, ma la moschea dovrà averlo.

  1. Allāhu Akbar (Iddio è Sommo) (4 volte, 2 per il Malikismo)
  2. Ašhadu an lā ilāh illā Allāh (Attesto che non v’è dio se non Iddio) (2 volte)
  3. Ašhadu anna Muhammadan Rasul Allāh: Attesto che  Muhammad (Maometto) è l’Inviato di Dio (2 volte)
  4. Hayya ˁalā al-salāt (Orsù alla preghiera) (2 volte)
  5. Hayya ˁalā l-falāh (Orsù alla salvezza) (2 volte)
  6. Allāhu Akbar (Iddio è Sommo) (2 volte)
  7. Lā ilāh illā Allāh (Non v’è dio se non Iddio) (1 volta).

Dopo di che se non sei musulmano puoi riaddormentarti. I fedeli musulmani molto osservanti invece si recheranno alla preghiera dell’alba, detta Salat al-fajr . Al-ṣalātu khayru min al-nawm: Pregare è meglio di dormire. Lo dice la cantilena dell’adhan dell’alba, urlata in arabo dai megafoni della moschea dal muezzin. Se sei musulmano, nel mese di Ramadan ricordati che non è necessario lavarsi i denti prima dell’adhan dell’alba! Ma se vuoi puoi farlo, a condizione che non venga ingoiato il dentifricio.

Come dici? Tu volevi solo dormire? Non fare così! E’ la libertà religiosa, bellezza! Adeguati! La moschea c’è anche in altre città europee e i vicini si sono abituati con gioia all’acuta voce in arabo delle 4 e trenta. Però niente campanili in Arabia Saudita. E’ vietato costruire chiese. E tu hai voluto la moschea? Hai votato la sinistra che vuole costruire una moschea vicino a casa tua? Adesso non puoi lamentarti. E poi – lo sai – pregare è meglio di dormire.

Recite

Arabo

Translitterazione

Traduzione

4x

الله أكبر

Allāhu Akbar Allah è il Sommo
2x

أشهد أن لا اله إلا الله

Ašhadu an lā ilāha illa Allāh Testimonio
che non c’è altro dio tranne Allah
2x

أشهد أن محمدا رسول الله

Ašhadu anna
Muħammadan rasūl Allāh
Testimonio
che Maometto è il Messaggero di Allah
2x

حي على الصلاة

Hayya ʿalā al-ṣalāh Affrettatevi
alla preghiera
2x

حي على الفلاح

Hayya ʿalā ‘l-falāħ Affrettatevi
alla felicità
2x الصلاة خير من النوم Al-ṣalātu khayru
min al-nawm
Pregare è
meglio di dormire (solo nel primo adhan, ore 4.30)
2x

الله أكبر

Allāhu akbar Allah è il
Sommo
1x

لا إله إلا الله

Lā ilāha illa
Allāh
Non c’è altro
dio tranne Allah

http://www.youtube.com/v/Mi0X1lyRVk8&hl=it&fs=1

Giorgio Nadali

www.giorgionadali.it